Non ti sentiamo? Autobus pubblici in tutto il paese che aggiungono silenziosamente microfoni per registrare le conversazioni dei passeggeri

Per favore, condividi questa storia!
Lo stato di sorveglianza va avanti e tutti sembrano voler salire a bordo. Le persone che viaggiano in autobus non solo non hanno aspettative di privacy, ma possono essere sicure che, oltre ad avere conversazioni registrate e analizzate, vengono geolocalizzate e tracciate da un capo all'altro del percorso dell'autobus. ⁃ Editore TN

Le autorità di transito nelle città di tutto il paese stanno installando silenziosamente sistemi di sorveglianza abilitati al microfono sugli autobus pubblici che darebbero loro la possibilità di registrare e archiviare conversazioni private, secondo i documenti ottenuti da una testata giornalistica.

I sistemi vengono installati a San Francisco, Baltimora e in altre città con il finanziamento del Dipartimento per la sicurezza interna in alcuni casi, secondo il Quotidiano, che ha ottenuto copie di contratti, richieste di appalto, specifiche e altri documenti.

L'uso dell'attrezzatura solleva seri interrogativi sulle intercettazioni senza mandato, in particolare perché le registrazioni dei passeggeri potrebbero essere ottenute e utilizzate dalle forze dell'ordine.

Solleva anche domande sulla sicurezza, dal momento che i sistemi audio-video IP possono esserlo accessibile da remoto tramite un server web integrato (.pdf), e può essere combinato con i dati GPS per tracciare il movimento di autobus e passeggeri in tutta la città.

Secondo l' opuscolo del prodotto per il sistema RoadRecorder 7000 realizzato da SafetyVision (.pdf), “La connettività remota all'NVR RoadRecorder 7000 può essere stabilita tramite la porta Gigabit Ethernet o il modem 3G integrato. Un solido ecosistema software che include il monitoraggio dei veicoli LiveTrax e il servizio di streaming video combinato con il sistema di gestione centrale SafetyNet consente agli utenti autorizzati di controllare lo stato di salute, creare avvisi personalizzati, tracciare i veicoli, automatizzare i download di eventi e molto altro.

I sistemi utilizzano cavi o Wi-Fi per accoppiare le conversazioni audio con le immagini della telecamera al fine di produrre registrazioni sincrone. Audio e video possono essere monitorati in tempo reale, ma sono anche archiviati a bordo in dispositivi simili a una scatola nera, generalmente per 30 giorni, per un successivo recupero. In genere su un autobus sono installate da quattro a sei telecamere con microfoni, inclusa una vicino al conducente e una all'esterno dell'autobus.

Le città che hanno installato i sistemi o hanno adottato misure per procurarseli includono San Francisco, California; Eugenio, Oregon; Traverse City, Michigan; Columbus, Ohio; Baltimora, Maryland; Hartford, Connecticut; e Atene, Georgia.

Le autorità di transito di San Francisco hanno recentemente approvato un contratto da 5.9 milioni di dollari per l'installazione di un sistema di sorveglianza audio su 357 autobus e tram d'epoca, interamente pagato con una sovvenzione dal DHS. Il contratto prevede la possibilità di ampliare l'equipaggiamento ad altri 600 veicoli.

Concord, nel New Hampshire, ha anche utilizzato parte di una sovvenzione di stimolo economico di 1.2 milioni di dollari per installare il suo nuovo sistema di sorveglianza video/audio sugli autobus, secondo il Daily.

I funzionari di transito affermano che i sistemi aiuteranno a migliorare la sicurezza di passeggeri e conducenti e a risolvere i reclami dei motociclisti. Ma l'esperto di privacy e sicurezza Ashkan Soltani ha detto al Daily che l'audio potrebbe essere facilmente accoppiato a sistemi di riconoscimento facciale o tecnologia di riconoscimento audio per identificare i passeggeri catturati dalle registrazioni.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Karen Gevaert

Benvenuti in Cina, hanno telecamere nei bagni pubblici, ovunque per strada, e leggo anche nelle case e negli appartamenti. Che scherzo, questo è per migliorare la "sicurezza dei passeggeri!!"

Che mondo di merda che vivo

Con tutta questa sorveglianza il tasso di criminalità dovrebbe essere ZERO. Invece è peggio che mai, quindi ovviamente non è per prevenire il crimine. È cercare infrazioni alla correttezza politica e monitorare le persone per le convinzioni politiche. Se una persona di "colore" ti attacca o ti minaccia e tu ti difendi, puoi aspettarti di essere accusato di un crimine d'odio.

[…] Leggi di più: Non ti sentiamo? Autobus pubblici in tutto il paese che aggiungono silenziosamente microfoni […]

[…] Leggi di più: Non ti sentiamo? Autobus pubblici in tutto il paese che aggiungono silenziosamente microfoni […]

[…] Non ti sentiamo? Autobus pubblici in tutto il paese che aggiungono silenziosamente microfoni per registrare le conversazioni dei passeggeri ... […]

troppo lontano troppo veloce

Siediti sull'autobus e parla di quanto fa schifo Biden.

[…] Non ti sentiamo? Autobus pubblici in tutto il paese che aggiungono silenziosamente microfoni per registrare i passeggeri … […]