COVID Blues: non si canta o si canta nelle chiese, nelle sinagoghe e nelle moschee della California

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
In grave violazione del Primo Emendamento, la California ha vietato il canto nelle chiese, nelle sinagoghe e nelle moschee, dettando le modalità di svolgimento delle funzioni religiose. Molti pastori evangelici pianificano di ignorare le follie di Newsom e di sfidarla in tribunale. ⁃ TN Editor

Mercoledì scorso, il Dipartimento della sanità pubblica della California ha vietato il "canto e il canto" nelle case di culto, tra cui chiese, moschee e sinagoghe. Mentre il dipartimento aveva precedentemente sconsigliato di cantare nelle case di culto, la settimana scorsa ha reso obbligatorio il divieto.

"Anche con l'adesione al distanziamento fisico, la convocazione in un contesto congregazionale di più famiglie diverse per praticare una fede personale comporta un rischio relativamente più elevato per la trasmissione diffusa del virus COVID-19 e può comportare un aumento dei tassi di infezione, ricovero e morte , in particolare tra le popolazioni più vulnerabili. In particolare, attività come il canto e il canto annullano la riduzione del rischio ottenuta attraverso sei metri di distanza fisica " afferma l'ordine.

"I luoghi di culto devono quindi interrompere le attività di canto e canto e limitare la presenza al coperto al 25% della capacità di costruzione o ad un massimo di 100 partecipanti, a seconda di quale dei due sia inferiore", aggiunge il dipartimento della salute.

In particolare, l'ordine richiede che le chiese “interrompano il canto (durante le prove, i servizi, ecc.), Il canto e altre pratiche ed esibizioni in cui vi è una maggiore probabilità di trasmissione da goccioline espirate contaminate. Prendi in considerazione la possibilità di praticare queste attività attraverso metodi alternativi (come lo streaming su Internet) che assicurino che i singoli membri della congregazione svolgano queste attività separatamente nelle loro case ”.

Lo stato chiese permesse e altri luoghi di culto per riaprire alla fine di maggio, ma li ha esortati a "prendere in seria considerazione l'interruzione del canto".

I casi di coronavirus sono aumentati in California nelle ultime settimane.

R. James King, un pastore del Minnesota, lo prese Il risorgente per condannare il divieto. “Il problema critico è questo: lo stato della California sta cercando di dettare quale tipo di adorazione può o meno aver luogo all'interno di un'assemblea religiosa. Questa è una trasgressione flagrante e spaventosa di diritti americani essenziali ", ha scritto.

King notò il Governatore Gavin Newsom (D-Calif.) sostegno alle proteste di Black Lives Matter sulla scia dell'orrendo omicidio della polizia di George Floyd. Lunedì scorso - due giorni prima del divieto di cantare - Newsom si è rivolto ai manifestanti. "Per quelli di voi là fuori che protestano, voglio che sappiate che avete importanza", ha detto il governatore. “A coloro che vogliono esprimersi ... Dio ti benedica. Continua a farlo. La tua rabbia è reale. "

Il pastore ha contrastato tale sostegno ai manifestanti con il nuovo divieto di cantare.

“Le proteste pacifiche sono, come l'adorazione, protette dal Primo Emendamento. Come il culto, includono grandi raduni di persone. Come il culto, includono periodi di canto e canto. Tuttavia, a differenza del culto, rimangono senza problemi da interferenze statali intrusive ”, ha scritto il pastore. “Il governatore Gavin Newsom ha sostenuto le proteste, e non c'è dubbio che, se dovessero esplodere di nuovo, continuerebbe a giustificare le attività che ora sono vietate dalla sua amministrazione negli edifici della chiesa. Quindi dettano come le persone adorano e prendono di mira solo il culto religioso ”.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
solo dicendo

Per quanto riguarda i cristiani: “Se il mondo vi odia, sapete che ha odiato me prima di odiare voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe i suoi: ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, quindi il mondo vi odia. Ricorda la parola che ti ho detto: Il servo non è maggiore del suo signore. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche te; se hanno osservato la mia parola, manterranno anche la tua ". Giovanni 1: 18-20.