Non esiste alcuna correlazione tra maschere, blocchi e soppressione di COVID-19

Per favore, condividi questa storia!
Fin dall'inizio del Grande Panico, non c'è stata alcuna correlazione tra morti, blocchi e maschere COVID-19. Se non altro, c'è una correlazione negativa. Tuttavia, il mercanteggiamento della paura è stato lo strumento preferito per mantenerli al loro posto. ⁃ TN Editor

Negli ultimi due mesi, i nostri stimati esperti di salute pubblica hanno avuto un duro tentativo di difendere la scienza presumibilmente consolidata dietro i blocchi e i mandati delle maschere.

Il consigliere del covid-19 della Casa Bianca Andy Slavitt è stato il primo sul tagliere a metà febbraio, quando era ridotto a pappagallo banalità vuote sull'allontanamento sociale dopo aver omesso di spiegare perché una Florida completamente aperta non avesse numeri peggiori di una California rigorosamente bloccata. Poi arriva il beniamino dei media il dottor Anthony Fauci, che negli ultimi tempi ha avuto una serie di apparizioni pubbliche particolarmente imbarazzanti. Durante un recente intervista MSNBC Fauci ha espresso confusione e non era "del tutto sicuro" sul motivo per cui il Texas stava vivendo casi in calo e morti un mese intero dopo aver revocato i suoi mandati di maschera e le limitazioni di capacità. Inoltre, durante un'audizione con il rappresentante Jim Jordan, Fauci completamente schivato La domanda di Jordan sul motivo per cui il Texas ha tassi più bassi rispetto ad alcuni degli stati di blocco più importanti. Fauci, rifiutandosi di rispondere alla domanda, ha semplicemente risposto che avere un blocco non è la stessa cosa che obbedire a un blocco. Fauci aveva ragione qui, ma indirettamente affermò che i cittadini di New York e New Jersey, due famigerati stati di blocco, si conformavano meno alle misure di mitigazione di uno stato che ne aveva, e ne ha tuttora, praticamente nessuna. Un rapido controllo di Google rapporti sulla mobilità covid-19 rivendica questa controintuitiva pretesa di riposo.

L'agenda dei media americani

Quando i governi e i media di tutto il mondo hanno catturato con successo il pubblico alimentando la paura del covid-19, i dati che dovrebbero placare così facilmente questa paura diventano irrilevanti e le interviste come quelle sopra menzionate vengono semplicemente spazzate via a favore di una fedeltà nata dalla paura ai blocchi, al coprifuoco, ai mandati di maschere e altro ancora imposti dal governo "moralmente superiori". Questo approccio "spaventato dritto", come correttamente Bill Maher lo ha descritto, è il bastone della conformità dello Stato.

Per quanto riguarda spaventare i cittadini, Project Veritas ha rilasciato filmati che mostrano i dipendenti della CNN spiegando come la rete gioca il numero delle vittime del covid-19 per aumentare i numeri. Particolarmente vergognosa è stata l'ammissione del direttore tecnico della CNN Charlie Chester che alla rete non piace riportare i tassi di recupero perché “[t] non fa paura…. Se sanguina porta. "

La CNN non è sola nel business della paura. Grazie al surplus dei media statunitensi disposti a sfornare una quantità sproporzionata di titoli covid-19 negativi, all'incirca 90 per cento delle notizie di covid-19 negli Stati Uniti è negativo rispetto al 51 per cento a livello internazionale - è una sorpresa che quasi Il 70% dei Democratici, il 51% dei Repubblicani e quasi il 50% degli indipendenti pensi che le possibilità di essere ricoverato in ospedale con covid-19 variano dal 20 percento a oltre il 50 percento?

Dov'è la correlazione?

Il panico indotto dal governo e dai media ci ha reso ciechi ai dati, che negli ultimi tredici mesi hanno costantemente mostrato una correlazione zero tra i tempi, la forza e la durata delle misure di mitigazione e l'incidenza di covid-19. Da nessuna parte questa mancanza di correlazione potrebbe essere più prevalente che tra i blocchi e l'uso delle maschere.

Lasciando da parte le conseguenze disastrose e mortali dei blocchi del governo, vedete per saperne di più, clicca quiper saperne di più, clicca quiper saperne di più, clicca qui—Le prove della capacità dei lockdown di mitigare la mortalità per covid-19 rimangono scarse.

Guardando agli Stati Uniti, possiamo affrontare l'idea ampiamente creduta che gli stati con blocchi più intensi vedranno meno morti covid-19 tracciando la classifica di restrizione media di ogni stato negli ultimi tredici mesi contro il numero totale di morti covid-19 per ogni stato . Per ottenere la classifica media, l'autore ha calcolato la media dei dati della Blavatnik School of Government dell'Università di Oxford, questa fonte classificato ogni stato in base al tempo medio trascorso in un indice di rigore maggiore di sessanta fino a metà dicembre 2020 e Wallethub, che ha anche classificato ogni stato in base a un indice di rigore media ponderata di varie misure da gennaio 2021 in poi. Ora, se il valore delle conferenze ipocrite dello scorso anno da parte di esperti di salute pubblica ha un peso scientifico dietro di loro, dovremmo vedere una correlazione negativa molto forte tra l'intensità delle restrizioni degli stati e le morti totali per covid-19.

ar

Fonte: dati sui decessi (al 28 aprile 2021) dal NYTimes Covid-19 Data Bot. Dati sulle classifiche di restrizione del NYTimes Covid-19 Data Bot (fino a dicembre 2020); Adam McCann, "States with the Fewest Coronavirus Restrictions", WalletHub, 6 aprile 2021 (da gennaio 2021); e Laura Hallas, Ariq Hatibie, Saptarshi Majumdar, Monika Pyarali e Thomas Hale, "Variation in US States 'Responses to COVID-19" (Blavatnik School of Government Working Paper No. BSG-WP-2020/034, dicembre 2020).

Contrariamente a quanto ci dicono gli esperti di sanità pubblica da più di un anno, non c'è correlazione tra la forza delle misure di blocco di uno stato e le morti totali per covid-19. In effetti, i famigerati stati di blocco come New York e New Jersey hanno alcuni dei peggiori numeri di mortalità fino ad oggi. Incolpare la non conformità per questi poveri numeri è ridicolo considerando che gli stati senza restrizioni, come il Texas e la Florida, hanno molti meno morti di New York e New Jersey. In effetti, scoprirai che ogni stato che ha entrambi rimosso completamente il suo mandato di maschera o tutte le restrizioni covid-19 sta superando New York e New Jersey in termini di morti.

La stessa mancanza di correlazione può essere vista confrontando il rigore medio del blocco con il numero totale di pazienti ricoverati che hanno sospettato o confermato covid-19. Come punto di chiarimento, l'autore ha riassunto il corrente numero di pazienti ricoverati ogni giorno per arrivare al numero totale di pazienti ricoverati. Ciò si tradurrà in un numero totale leggermente gonfiato, poiché i pazienti possono trascorrere più di un giorno in ospedale, ma avendo applicato lo stesso metodo di aggregazione in tutti gli stati, la metrica di ospedalizzazione totale fornisce ancora una valutazione accurata dei ricoveri covid-19 in ogni stato.

ar

Fonte: dati sui ricoveri (al 24 aprile 2021) dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. Dati sulle classifiche di restrizione del NYTimes Covid-19 Data Bot (fino a dicembre 2020); Adam McCann, "States with the Fewest Coronavirus Restrictions", WalletHub, 6 aprile 2021 (da gennaio 2021); e Laura Hallas, Ariq Hatibie, Saptarshi Majumdar, Monika Pyarali e Thomas Hale, "Variation in US States 'Responses to COVID-19" (Blavatnik School of Government Working Paper No. BSG-WP-2020/034, dicembre 2020).

A livello internazionale, i dati continuano a esporre i blocchi come il più grande fallimento della salute pubblica nella storia umana. Tracciare il rigore del blocco contro il numero totale di morti di covid-19 rivela, ancora una volta, una correlazione zero tra le due variabili.

ar

Fonte: dati sui decessi (al 28 aprile 2021) e rigore di blocco (al 28 aprile 2021) da Our World in Data.

Alla luce dei dati di un anno che mostrano esiti di mortalità e ospedalizzazione ampiamente diversi per cinquanta stati con cinquanta stringenze di blocco molto diverse, nonché risultati di mortalità drasticamente diversi per 166 paesi con 166 stringenze di blocco diverse, ci si può solo meravigliare che un tale una politica inefficace può essere raccomandata da esperti di sanità pubblica.

Se i blocchi non sono riusciti a mitigare la diffusione del covid-19 negli Stati Uniti proprio come in dozzine di paesi in tutto il mondo - ricorda, i blocchi falliscono senza nemmeno prendere in considerazione i loro costi - è possibile che l'uso della maschera sia il pezzo mancante del puzzle di mitigazione.

Non sarebbe giusto per il lettore postare letteralmente centinaia di grafici che mostrano gli esatti risultati opposti che i media si aspettano dopo che le regioni rimuovono o istituiscono mandati di mascheramento -Ian Miller ha svolto più lavoro in questo settore di chiunque altro. Inoltre, non sarebbe corretto affermare che i mandati della maschera e l'uso della maschera sono sinonimi. Tuttavia, sulla base delle reazioni agli stati che revocano i loro mandati sulla maschera, non penso che nessun sostenitore dell'uso della maschera si aspetterebbe seriamente lo stesso livello di utilizzo della maschera se i mandati venissero revocati. Tuttavia, l'affermazione che maschera uso si correla negativamente con i casi e le morti è facilmente confutabile con una rapida occhiata ai dati. Dati i dati disponibili, esamineremo di nuovo solo i cinquanta stati.

ar

Fonte: dati per casi e decessi (al 28 aprile 2021) da NYTimes Covid-19 Data Bot. Mascherare i dati di utilizzo dal COVIDcast di Delphi Group.

Anche se le linee di tendenza viaggiano nella direzione esattamente opposta a ciò che i nostri esperti di salute pubblica vorrebbero che ci aspettassimo, le correlazioni sono statisticamente prive di significato. Si noti che il grafico sopra copre solo il periodo di 2.5 mesi a partire dal 9 febbraio 2021, quando COVIDcast ha iniziato a segnalare i numeri di utilizzo delle maschere per ogni stato. Pertanto, l'autore ha incluso solo i casi e i decessi verificatisi durante questo periodo di 2.5 mesi. Nonostante questo periodo di tempo troncato, 2.5 mesi avrebbero dovuto essere più che sufficienti per aver esposto qualsiasi tipo di correlazione significativa tra l'uso della maschera e sia i casi che i decessi.

Vale la pena notare che Rhode Island e New York, ciascuna con alcuni dei più alti tassi di utilizzo della maschera e rigore di blocco nel paese, sono in testa al gruppo con alcuni dei più grandi aumenti di casi dall'inizio di febbraio. Inoltre, nei due mesi e mezzo dall'inizio di febbraio, i dieci stati con il più alto tasso di utilizzo di maschere hanno fatto peggio in entrambi i casi e morti rispetto ai dieci stati con il più basso tasso di utilizzo di maschere.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Susan

Se sai qual è l'obiettivo …… che non è l'obiettivo dichiarato, dicono ai capolini …… sta funzionando magnificamente! I capolini sono afflitti dalla sindrome di Stoccolma o si stanno risvegliando a questo stratagemma ... i primi però sono più abbondanti …… .. mai nella mia vita accetterò la bugia e indosserò il pannolino …… mi fa schifo vedere questo… .. non ci si abitua mai …… mai !!!!

[…] Non c'è correlazione tra maschere, blocchi e soppressione di COVID-19 […]