Nomofobia: nessuna fobia del cellulare colpisce gli studenti

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
Quasi il novanta per cento degli studenti universitari impazzisce se viene separato dai propri smartphone. Gli psicologi hanno standardizzato e profilato la condizione come "nomofobia", o nessuna fobia del telefono cellulare ". Tuttavia, adulti e bambini più piccoli sono altrettanto dipendenti dagli smartphone quanto gli studenti. ⁃ TN Editor

Introduzione

In precedenza, l'uso attivo del telefono prima di coricarsi è stato implicato in disturbi del sonno e relativi reclami. Per migliorare il sonno, una raccomandazione che segue tali risultati limita l'uso del telefono prima e durante l'ora di andare a dormire. Tuttavia, per coloro che hanno la caratteristica di "nomofobia", la paura di essere fuori dal contatto con il cellulare, questa raccomandazione potrebbe esacerbare l'ansia prima di andare a dormire e disturbare, piuttosto che migliorare, il sonno. Nel 2012, si stima che il 77% dei giovani di età compresa tra i 18 ei 24 anni potrebbe essere identificato come nomofobo. A causa della prevalenza della nomofobia e della sua possibile interazione con il sonno, abbiamo esplorato l'esistenza della nomofobia in una popolazione in età universitaria e la sua relazione con il sonno, la sonnolenza e i comportamenti di igiene del sonno.

Metodi

327 studenti universitari (età: M = 19.7 anni, SD = 3.78) reclutati da corsi introduttivi di psicologia e newsletter universitarie hanno ricevuto credito extra o la possibilità di vincere carte regalo da $ 25 per la partecipazione. I partecipanti hanno completato le informazioni demografiche, il Nomophobia Questionnaire (NMP-Q), la Epworth Sleepiness Scale (ESS), il Pittsburgh Sleep Quality Index, le domande riguardanti le caratteristiche associate di un'igiene del sonno inadeguata e l'Indice di igiene del sonno. Ulteriori domande sull'igiene del sonno hanno valutato la frequenza dell'uso attivo e passivo della tecnologia durante il sonno.

risultati

L'89.4% dei partecipanti aveva una nomofobia moderata o grave. Una maggiore nomofobia era significativamente correlata a una maggiore sonnolenza diurna (ESS) (r(293) =. 150, p<.05), caratteristiche associate a uno scarso sonno (sonnolenza diurna: r(297) =. 097, p<.05 e avolition: r(297) =. 100, p<.05), comportamenti più disadattivi per l'igiene del sonno, compreso l'uso di tecnologie attive durante il sonno (r(298) =. 249, p<.05), lunghi sonnellini diurni, veglia e orari di andare a dormire incoerenti, uso del letto per scopi diversi dal sonno, letto scomodo e ruminazione cognitiva prima di coricarsi (r's = da 0.097 a 0.182).

Conclusione

La maggior parte dei partecipanti ha sperimentato una nomofobia da moderata a grave con una maggiore nomofobia associata a maggiore sonnolenza, avolizione e scarsa igiene del sonno. È probabile che la nomofobia sia una considerazione importante quando si trattano i disturbi del sonno e / o si formulano raccomandazioni sull'igiene del sonno.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti