L'assistenza sanitaria degli Stati Uniti è soggetta al "chokehold" globale cinese in materia di medicinali

vuotoWikimedia Commons, Christine Dela Cerna
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La Commissione Trilaterale ha predicato "interdipendenza" quando è stata fondata nel 1973, poi Brzezinski ha normalizzato le relazioni con la Cina nel 1976 e le ha seminate con la tecnocrazia. Il resto è storia ed eccoci qui. ⁃ Editor TN

La Cina potrebbe effettivamente arrestare il sistema sanitario americano nel giro di pochi mesi, data la "strozzatura globale" dello stato a partito unico sulla produzione di medicinali e forniture mediche, ha spiegato Rosemary Gibson, autrice di China Rx: esponendo i rischi della dipendenza americana dalla Cina per la medicina.

Gibson, consulente senior presso l'Hastings Center, ha offerto le sue osservazioni sull'edizione di giovedì di SiriusXM Breitbart News Stasera con l'ospite Rebecca Mansour e l'ospite speciale ospite Ed Martin.

Mansour noto in che modo l'epidemia di coronavirus in Cina ha messo in luce la pericolosa dipendenza americana dalla produzione cinese di forniture farmaceutiche e mediche, tra cui circa il 97% di tutti gli antibiotici e l'80% degli ingredienti farmaceutici attivi necessari per la produzione nazionale di farmaci.

Gibson ha dichiarato: “Se la Cina chiudesse le porte alle esportazioni di medicinali e agli ingredienti per fabbricarli, entro un paio di mesi le nostre farmacie sarebbero vuote. Il nostro sistema sanitario smetterebbe di funzionare. Ecco come siamo dipendenti. "

Gibson ha aggiunto: “Supponiamo che ci sia un focolaio di coronavirus negli Stati Uniti, Dio lo proibisca, e molte persone finiscono negli ospedali con casi gravi. Le medicine dovevano prendersi cura di loro se non riescono a respirare e sono su un ventilatore - fentanil e propofol - [sono prodotti in Cina]. Dipendiamo dalla Cina per le materie prime. Se entrano in stato di shock, l'epinefrina e la dopamina di cui abbiamo bisogno per prenderci cura, dipendiamo dalla Cina. Se hanno infezioni batteriche, dipendiamo dalla Cina per gli antibiotici. "

Molti integratori da banco venduti negli Stati Uniti sono prodotti almeno in parte in Cina, ha osservato Gisbon. “Non possiamo più produrre [vitamina C] qui. Viene dalla Cina. "

L'America ha perso gran parte del suo apparato di produzione di medicinali in Cina a causa della globalizzazione, ha spiegato Gibson. “Con le nostre medicine, non è solo il principio attivo [prodotto in Cina]. Sono i prodotti chimici grezzi, le molecole, le cose bianche in polvere, da cui dipendiamo anche dalla Cina. Ecco dove la Cina ha la vera strozzatura globale ".

Gibson ha spiegato come i produttori di farmaci generici in tutto il mondo dipendono dalla Cina per le materie prime.

"Un'altra cosa scioccante che ho scoperto è che l'India e la sua enorme industria [farmaceutica] generica - sono i principali produttori generici al mondo, anche se penso che la Cina li supererà tra circa cinque o dieci anni - anche l'India dipende dalla Cina, "Gibson ha dichiarato." L'industria generica [dell'India] si chiuderebbe tra settimane e mesi senza quei componenti fondamentali, e si vede sulla stampa indiana, proprio ora, che sono già preoccupati per questo perché questo coronavirus in Cina sta davvero sconvolgendo le catene di approvvigionamento ”.

La Cina usa politiche mercantilistiche predatorie - incluso il dumping - per tagliare i produttori di droga americani e occidentali, proprio come lo stato comunista ha fatto con l'acciaio e altre materie prime, ha osservato Mansour.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
3 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
1 Autori di commenti
justsayin Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
trackback

[...] Fonte: US Healthcare soggetto alla "Global Chokehold" cinese sui medicinali [...]

justsayin
ospite
justsayin
trackback

[...] US Healthcare soggetto alla "Global Chokehold" cinese sui medicinali [...]