La nuova agenda urbana punta sull'habitat III

Logo Habitat III
Per favore, condividi questa storia!

Ennesimo "accordo internazionale non vincolante". La nuova agenda urbana sarà adottata questo ottobre e darà forma allo sviluppo della città per i prossimi 20 anni.  Editor TN

Avendo corso l'equivalente diplomatico di una maratona campestre, c'era il timore che i negoziati sulla Nuova agenda urbana potessero inciampare all'ultimo ostacolo. Erano necessari tre giorni di colloqui, con i negoziati che proseguivano a lungo nella notte prima che l'accordo fosse raggiunto sabato sera a New York.

L'agenda è un accordo internazionale non vincolante progettato per modellare lo sviluppo urbano nei prossimi due decenni. Sarà formalmente adottato all'ONU Habitat IIIsummit a Quito, Ecuador, da ottobre 17-20, 2016.

I negoziati sono iniziati a New York alla prima riunione preparatoria di settembre 2014. Si prevedeva quindi, se tutto fosse andato per il meglio, che il progetto definitivo sarebbe stato concordato alla terza riunione del comitato preparatorio a Surabaya, in Indonesia, a luglio 25 – 27, 2016. I negoziatori di Surabaya, tuttavia, non sono riusciti a raggiungere un consenso. Invece hanno puntualizzato la bozza per un incontro intersessionale finale tenutosi a New York la scorsa settimana.

strada per Quito è stato a volte precario ed è poco chiaro come l'accordo verrà portato avanti in seguito. È un risultato eccezionale, tuttavia, se si considera il terreno altamente contestato, la comunità internazionale è stata in grado di negoziare per raggiungere un accordo.

Il merito va al team dedicato di UN-Habitat, i rappresentanti impegnati della società civile (sotto la bandiera della Campagna urbana mondiale) e i negoziatori degli Stati membri. Anche se non senza i suoi critici, anche la leadership del direttore esecutivo dell'ONU Habitat, Joan Clos, è stata significativa nel portare avanti l'accordo (o almeno non rovinare le cose).

Qual'è il rischio?

Le divergenze erano molte, ma vorrei sottolineare tre particolari problemi di contesa.

Innanzitutto, si riconosce che nessuna agenzia delle Nazioni Unite può ragionevolmente essere incaricata di attuare un programma così onnicomprensivo per il futuro delle nostre città. L'UN-Habitat sperava di avere questo ruolo, ma la sua motivazione era quella di guadagnare sia influenza che risorse finanziarie.

In secondo luogo, la cooperazione da parte dei governi subnazionali, comunali e locali è un prerequisito per un'attuazione efficace. Sin dall'inizio dei negoziati, si sono sentiti esclusi da quello che è principalmente un accordo tra stati-nazione. Il governo subnazionale vuole saperne di più sull'attuazione della nuova agenda urbana.

In terzo luogo, la società civile si è impegnata a fondo nella formulazione dell'agenda e ha spinto con successo affinché il principio del "diritto alla città" sia incluso.

Questo è stato un enorme e vittoria storica per la società civile da una prospettiva di giustizia sociale. Questo riassume il "cambio di paradigma" di cui Clos parla spesso in termini di una nuova enfasi globale su "città per le persone, non per profitto".

Tutto quanto sopra sarà oggetto di intense analisi e discussioni una volta adottata la Nuova agenda urbana. Se presi sul serio, ognuno ha il potenziale per essere trasformativo.

Innanzitutto, il sistema delle Nazioni Unite deve ora riflettere sul modo migliore per promuovere la sostenibilità urbana. In secondo luogo, i governi subnazionali devono rimodellare il modo in cui interagiscono e influenzano le Nazioni Unite. In terzo luogo, le città devono rivalutare il modo in cui lavorano e per i loro cittadini.

Una strada sconnessa davanti

Realisticamente, il più grande mal di testa inizierà da Quito in poi. Di gran lunga la sfida più significativa è il tempismo. Per le Nazioni Unite, 2015 è stato un anno all'apice con l'adozione di 17 Sviluppo Sostenibile Obiettivi (l'agenda 2030) e il Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.

Al contrario, 2016 è stato un anno di intense discussioni e riflessioni sul modo migliore per attuare e finanziare queste due iniziative che cambiano il mondo. La situazione fondamentale sarà quindi come spremere l'attuazione della Nuova agenda urbana in uno schema globale già pieno di jam e in rapida evoluzione.

La situazione è complicata dal fatto che un nuovo segretario generale delle Nazioni Unite entrerà in carica da gennaio 1, 2017. Erediteranno un sistema delle Nazioni Unite che necessita di drastiche riforme per concretizzarsi nell'agenda 2030. Alcuni sono state proposte importanti riformee il nuovo capo delle Nazioni Unite avrà le mani piene.

L'obiettivo centrale è ridurre la frammentazione e la duplicazione degli sforzi. Ciò implica che abbiamo bisogno di un approccio multi-agenzia alla Nuova agenda urbana.

Questo è stato uno dei punti critici a New York la scorsa settimana, poiché i negoziatori hanno lottato con due proposte sulle responsabilità di attuazione.

La prima opzione, supportata da il G77 (spinto dal paese ospitante dell'ONU-Habitat in Kenya), era per un UN-Habitat rafforzato con una rappresentanza universale nel suo consiglio di governo e maggiori risorse finanziarie.

Il secondo, proveniente dall'Unione Europea e da altri che avrebbero dovuto pagare il disegno di legge, era una raccomandazione che il quadro istituzionale per sostenere la Nuova agenda urbana fosse determinato nella X sessione 72 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Ciò rimanderebbe efficacemente la decisione alla fine di 2017.

A è stato raggiunto un compromesso tra queste posizioni in New York. Questo dà all'UN-Habitat un periodo di grazia per andare avanti da Quito fino a quando non saranno stabiliti nuovi accordi.

L'innovazione dovrebbe seguire da Quito

C'è Una proposta che il modo migliore sarebbe quello di istituire un nuovo organo di coordinamento - Città delle Nazioni Unite - simile a Acqua delle Nazioni Unite e Energia delle Nazioni Unite.

Ciò sarebbe sicuramente più in linea con il modo in cui i finanziamenti si stanno spostando dai donatori al sistema delle Nazioni Unite negli ultimi anni, noto come fondi fiduciari multi-partner - con l'obiettivo di rafforzare il coordinamento delle agenzie.

Un'iniziativa come le Nazioni Unite-Città potrebbe anche fornire un quadro più efficace (o una lavagna pulita) per il modo in cui le Nazioni Unite lavorano con il governo subnazionale. Un'altra opzione potrebbe essere a Consiglio delle città delle Nazioni Unite e / o a Parlamento globale dei sindaci. Entrambi rappresentano un significativo allontanamento dalla pratica fino ad oggi e probabilmente richiederebbe del tempo per diventare realtà.

Mentre questi giochi di shell istituzionali a livello globale si svolgono, forse potremmo finire per concludere che il risultato più significativo di Quito è il enfasi sul diritto alla città.

C'è una ricca tradizione intellettuale che risale a Henri Lefebvre's Libro 1968, Le Droit à la ville. Se portata avanti seriamente, la nozione di diritto alla città - essenzialmente un approccio dei diritti umani alla governance, allo sviluppo e alla sostenibilità della città - metterebbe in primo piano una vasta gamma di questioni di giustizia sociale. Ciò include il modo in cui affrontiamo i senzatetto, la povertà urbana, la gentrificazione e la privatizzazione dello spazio pubblico.

Questa trasformazione può davvero accadere o siamo condannati a ripetere le follie di Agenda 21e Protocollo di Kyoto?

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Ray Songtree

Leggere questo mi ha fatto un po 'male. Non esiste un'umanità al mondo. Discutere "il mondo" significa programmare tutti i lettori ad accettare che esiste una sola cultura e che la "strada da percorrere" è un mondo, e questo è il progresso. In realtà, tutti questi "accordi" sono forzati dalla coercizione economica, e prima le nazioni, gli stati, le città dicono: "no grazie, non vogliamo far parte di questo accordo con tutti i suoi vincoli e le sue aspettative", prima un il ritorno alla diversità naturale e lontano dalla centralizzazione tirannica avverrà. Tutti i lettori dovrebbero rinunciare al pensiero assunto da... Per saperne di più »

tom

Il mondo deve essere riformattato per essere compatibile con la topografia del computer. Lo stato-nazione deve essere abolito senza lasciare che dissidenti e pericolosi liberi pensatori possano scappare. Un diktat di rappresentanti aziendali dovrebbe subentrare agli arcaici governi nazionali eletti. Più processi decisionali devono essere devoluti agli enti locali impegnati dell'Agenda 30 / enti di partenariato privato ... oh aspetta questo è ciò che sta accadendo mentre parliamo. Va bene come se fossi tornato a dormire.