Il nuovo Premier dell'Alberta rifiuta di associarsi al World Economic Forum

Per favore, condividi questa storia!
Mentre alcuni leader si stanno scrollando di dosso le conseguenze deleterie della mania del COVID, si stanno rendendo conto della frode e della manipolazione da parte del World Economic Forum. Il nuovo premier dell'Alberta ha rifiutato l'associazione con il WEF e per una buona ragione: non hanno fatto nulla di utile per l'Alberta e hanno causato molti danni lungo il percorso. Questo rifiuto deve diventare globale. ⁃ Editore TN

Recentemente nota come oppositrice dei mandati di vaccini e maschere, la nuova Premier dell'Alberta Danielle Smith sta rompendo i legami precedentemente stabiliti con il World Economic Forum, che è stato profondamente coinvolto in un "accordo di consulenza sanitaria" che ruota attorno alla risposta covid della provincia.

"Trovo sgradevole quando i miliardari si vantano di quanto controllo hanno sui leader politici", ha detto Smith in una conferenza stampa lunedì dopo che il suo nuovo gabinetto ha prestato giuramento. "È offensivo... le persone che dovrebbero dirigere il governo sono le persone che votali”.

Il premier del Partito conservatore unito ha detto di essere al passo con il leader conservatore federale Pierre Poilievre, che ha affermato che lui e il suo caucus non avranno nulla a che fare con il World Economic Forum. All'inizio di questo mese, nel suo primo giorno da premier, Smith ha dichiarato che le persone non vaccinate contro il covid sono il gruppo più discriminato che abbia visto nella sua vita.

In risposta, i media mainstream canadesi stanno perseguendo un'analisi approfondita campagna d'ascia contro Smith, riferendosi costantemente a tutta l'opposizione al WEF come basata sulla "teoria del complotto". Come si suol dire, se vuoi sapere chi è veramente al potere, tutto ciò che devi fare è scoprire chi non ti è permesso criticare.

Dopo due anni di blocchi autoritari e tentativi di imporre passaporti per i vaccini in Canada, l'Alberta è stata una delle poche regioni del paese che ha affermato l'opposizione politica ai dettami esecutivi. Ciò ha contribuito a sostenere le proteste contro il passaporto da parte di camionisti e altri canadesi e ha portato all'utilizzo di Justin Trudeau disposizioni per il terrorismo confiscare le donazioni al movimento. Le medie covid dell'Alberta in termini di infezioni e decessi non sono peggio delle province con mandati severi, dimostrando ancora una volta che i mandati non hanno ottenuto nulla in termini di sicurezza, ma tutto in termini di controllo.

La stampa canadese e altri media affermano che le critiche al WEF si basano su "accuse di cospirazione online, non provate e smentite, secondo cui il forum è di fronte a una cabala globale di tirapiedi che sfruttano la pandemia per smantellare il capitalismo e introdurre sistemi socialisti dannosi e sistemi sociali misure di controllo, come costringere le persone a prendere i vaccini con chip di localizzazione”.

Ogni "cospirazione" annotata in quella dichiarazione è vera - nessuna di esse è stata "sfatata" tranne forse l'affermazione del "chip di localizzazione", che non è necessaria perché il Il WEF era già incoraggiante governi di utilizzare le app di localizzazione dei telefoni cellulari per monitorare il stato e movimenti del vaccino delle rispettive popolazioni. Molte di queste app sono state approvate dal CDC negli Stati Uniti e in paesi come la Cina sono obbligatori.

Il World Economic Forum, agendo come una sorta di think-tank globalista per future iniziative politiche, è stato determinante nel promuovere molte delle restrizioni fallite utilizzate da vari governi nazionali durante la pandemia.

Il capo del WEF Klaus Schwab menziona specificamente nei suoi scritti che l'istituzione considerava il covid come una perfetta “opportunità” per attuare quello che chiama il "Grande Reset" che include il concetto di "Economia Condivisa", una tecnocrazia socialista globale intesa a sostituire il libero mercato e porre fine al capitalismo come lo conosciamo. Come afferma il WEF, "non possiedi nulla, non avrai privacy" e ti piacerà.

Questa non è una teoria del complotto. Questo è un fatto di cospirazione apertamente ammesso. È innegabile.

L'uso dell'etichetta "teoria della cospirazione" è generalmente una tattica progettata per aggirare il dibattito equo basato su fatti e prove. Se la stampa canadese fosse costretta a difendere la propria posizione sulla base delle informazioni a disposizione, perderebbe. Quindi, cercano invece di inoculare i loro lettori ad argomenti opposti chiamandoli "teoria della cospirazione" nella speranza che quei lettori non ricercheranno mai ulteriormente le informazioni.

I media canadesi citano quindi citazioni che sostengono specificamente che non lavorare con il WEF metterebbe in svantaggio il pubblico dell'Alberta perché lo escluderebbe dalle informazioni fornite dal WEF.

È importante ricordare che non ci sono prove che il WEF abbia fornito fino ad oggi informazioni sanitarie salvavita riguardo alla pandemia di covid. In effetti, non ci sono prove che il WEF sia in alcun modo utile al pubblico canadese. La reazione bizzarra e antagonista dei media mainstream all'evitamento da parte di Smith di un'organizzazione straniera di elitari che non ha lealtà nei confronti della cittadinanza canadese suggerisce che potrebbero operare sulla base del pregiudizio.

Il coraggio di Danielle Smith nel tagliare l'influenza del WEF dall'Alberta sta ricevendo una risposta disonesta da parte dei media, ma a lungo termine sta prendendo la migliore decisione possibile. Avere consigli da un potenziale parassita non è una buona leadership.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
MAGENTA408

Il Premier dell'Alberta, Kenney, stava cercando di vendere i colpi ai bambini.

BRIAN LEGANTE

Questo è incoraggiante. Sembra essere una legittima oppositrice della "macchina". Per uno dei MIGLIORI esempi di un politico coraggioso che si oppone all'oppressione e che si pone come un sincero protettore del popolo, dai un'occhiata a questo breve filmato della deputata tedesca Christine Anderson:

https://www.brighteon.com/a541ae8d-43b8-455e-b55c-f18ed7cfafb0

Il messaggio di Anderson appare reale e sincero, al contrario del nuovo premier italiano, Giorgia Meloni.

fabbro

Potremmo (forse) sopravvivere al Reset attraverso una serie di secessioni “morbide” a livello locale. Questi avrebbero bisogno di creare una rete di comunicazione con gli altri.
I governatori e i premier che rispondono alla loro gente possono aiutare nel processo a livello regionale. Riparandoci dai mostri democidi a Washington.

Ultima modifica 2 mesi fa di Smith
Elle

SI e KUDOS alla cittadinanza dell'Alberta per aver eletto Premiere Smith. Per quanto riguarda il WEF? Voglio solo UNA cosa dal WEF: TUTTE le loro TESTE su un piatto.

Lisa Franklin

Sì i miei sentimenti in poche parole. Klaus von BloSchwab è un palese fossile nazista lasciato dal Terzo Reich e il suo piccolo e malvagio scagnozzo Harari è il nuovo Adolf Eichman. Tutti al World Economic Freakshow devono rispondere dei loro crimini genocidi. In seguito sarebbe favorevole una flagellazione completa dell'YGL e di "politici" deboli di volontà. Purtroppo, questa sciocchezza durerà ancora per molti anni. Che casino. Non credo che il pianeta abbia mai visto un tale male manifestato in modo sfacciato né un tale indottrinamento a questo livello mondiale.

[…] Il nuovo Premier dell'Alberta rifiuta di associarsi al World Economic Forum […]

[…] Il nuovo Premier dell'Alberta rifiuta di associarsi al World Economic Forum […]

[…] Il nuovo Premier dell'Alberta rifiuta di associarsi al World Economic Forum […]