Non ci sono prove di un pericoloso riscaldamento globale

wikipedia
Per favore, condividi questa storia!

Gli scienziati del clima tecnocrate devono falsificare i dati, l'analisi statistica e la modellazione dei dati al fine di creare paranoia per guidare le persone nella tecnocrazia. Il problema più grande è che quando ai "seguaci" viene presentata una chiara prova del contrario, si rifiutano comunque di ritrattare le loro convinzioni ingiustificate.  Editor di notizie sulla tecnocrazia

 

Molti articoli su Herald negli ultimi anni hanno sottolineato i pericoli del riscaldamento globale causato dall'uomo (alias "cambiamento climatico") e ci hanno avvertito che sono necessarie misure estreme per salvarci da questo imminente disastro climatico. Quasi senza eccezione, gli autori di questi articoli hanno ipotizzato che l'anidride carbonica prodotta dall'uomo causi un pericoloso riscaldamento globale, un rapido innalzamento del livello del mare e più inondazioni, siccità, cicloni e così via.

Ma cosa ci dicono le prove?

Per quanto riguarda le temperature del mondo, i dati storici dei nuclei di ghiaccio ci dicono che era più caldo durante il periodo caldo medievale, il periodo caldo romano e l'età del bronzo. Il periodo caldo medievale è stato vissuto in tutto il mondo, tra cui Australia e Nuova Zelanda.

Il set più antico di temperature registrate proviene dall'Inghilterra centrale e iniziò a metà degli 1600. Mostrano un aumento della temperatura di poco superiore a 1 ° C, il che non sorprende quando il record è iniziato nel bel mezzo della Piccola era glaciale. Poiché 1900 - che era abbastanza freddo - la maggior parte dei record di temperatura mostra che il mondo si è riscaldato abbastanza rapidamente fino agli 1940, quindi la temperatura è diminuita fino a 1975 quando è salita di nuovo alla velocità di 1930 fino a circa 2000.

A partire dagli 1970, i satelliti hanno misurato le temperature che, secondo la NASA, sono le più accurate, sono state disponibili e, se i due eventi El Nino sono ignorati, non mostrano alcun aumento statisticamente significativo della temperatura negli ultimi 18 anni. Al contrario, i modelli climatici basati su computer hanno previsto temperature circa 0.5 ° più elevate di quanto non siano realmente e l'IPCC ha ammesso che 97% delle sue previsioni di temperatura erano molto più alte delle temperature effettive. Dovremmo credere alle prove o ai modelli?

Cosa succederà dopo? I modelli climatici prevedono temperature in rapido aumento, ma le persone che hanno studiato i cicli di temperatura passati, i cicli di macchie solari e l'attuale carenza di macchie solari prevedono che un notevole calo della temperatura in tutto il mondo è altamente probabile. Chi ha ragione? Solo il tempo lo dirà - e abbastanza presto. L'attuale picco di temperatura di El Nino sarà seguito da un altrettanto drammatico calo di temperatura mentre La Nina si avvia. Ma nessuno sa davvero cosa succederà dopo.

L'innalzamento del livello del mare è ragionevolmente ben documentato per gli ultimi cento anni in più dai registri delle maree che mostrano che è stato a un ritmo abbastanza costante nella regione di 0.14 e 0.17 m al secolo. Questo non è inaspettato dato che stiamo ancora uscendo dalla Piccola era glaciale. A partire dagli 1970, i livelli del mare sono stati misurati da satelliti che mostrano un tasso di aumento di 0.32 m per secolo. Nessuno è abbastanza sicuro del motivo per cui esiste la disparità. Alcune persone credono che sia perché sono influenzati dall'innalzamento del livello del mare a metà oceano che non influisce sulla situazione lungo le coste. Nessuno dei due record mostra alcun segno di un recente e rapido aumento del livello del mare.

Purtroppo, ciò non impedisce agli accademici specializzati in modelli informatici del clima di avvisare la Royal Society of New Zealand che i livelli del mare potrebbero aumentare rapidamente e raggiungere tra 0.3 me 1 m di 2100 - più di quanto previsto dal gruppo intergovernativo di esperti sul clima Modifica (IPCC). Gli scienziati con esperienza pratica dei cambiamenti del livello del mare intorno alla Nuova Zelanda sottolineano che la costa si sta riducendo in alcuni punti e in aumento in altri. I consiglieri della Royal Society hanno ignorato questi movimenti e il lento aumento del livello del mare della Nuova Zelanda negli ultimi anni 100. Simili previsioni estreme sono state adottate dal Ministero dell'Ambiente e sono ora utilizzate dai Consigli per svalutare le terre costiere e limitare lo sviluppo vicino al mare. Hanno anche previsto l'innalzamento del livello del mare in luoghi in cui la terra si sta alzando dal mare!

Un recente articolo di Herald affermava che il livello del mare in alcune Isole Salomone stava aumentando rapidamente a causa del riscaldamento globale. Diceva anche che il livello del mare a Tuvalu stava salendo e costringendo le persone a fuggire. La realtà è piuttosto diversa: è noto che le isole dei Solomon stanno affondando costantemente sotto il mare e gli accurati indicatori di marea installati dal governo australiano a Tuvalu negli 1990 mostrano che non vi è stato alcun aumento significativo del livello del mare.

Uno studio condotto da un accademico della Nuova Zelanda ha dimostrato che l'area terrestre degli atolli del Pacifico è in aumento. In caso contrario, tutti gli atolli nell'oceano sarebbero annegati quando il livello del mare si è alzato a 3 m per secolo uscendo dall'ultima era glaciale.

Per quanto riguarda inondazioni, siccità, cicloni e simili, non ci sono prove convincenti che questi siano in aumento. L'IPCC è d'accordo. Un recente articolo scientifico ha analizzato la storia passata di questi eventi e ha concluso che erano meno frequenti ora che durante la maggior parte degli ultimi anni di 1000.

Quindi, come spesso accade, la percezione e la realtà sono molto diverse. In Nuova Zelanda ciò non è aiutato da un media mainstream che raramente pubblica qualsiasi cosa che esamini le prove e proponga una visione diversa. Tuttavia, non vi è dubbio che la scienza NON sia risolta e che sia necessario un dibattito.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Kevan Hashemi

Possiamo falsificare l'affermazione che le nostre emissioni di CO2 raddoppieranno la concentrazione di CO2 nell'atmosfera nei prossimi anni 100 osservando come il carbonio-14 viene creato nella nostra atmosfera superiore e scompare negli oceani. Vedi link sotto.

http://homeclimateanalysis.blogspot.com/2016/10/falsification-of-anthropogenic-global_39.html