Il Myanmar distribuisce l'intelligenza artificiale, si dirige verso la "dittatura digitale" in stile cinese

Youtube
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
TN ha avvertito per anni che la Cina sta esportando in modo aggressivo la sua tecnocrazia in altri paesi in Asia e oltre. Il Myanmar, ex Birmania, viene rifornito di tecnologia cinese per reprimere il dissenso e instaurare la dittatura scientifica. ⁃ TN Editor

I manifestanti in Myanmar temono di essere rintracciati con la tecnologia cinese di riconoscimento facciale, poiché la violenza a spirale e la sorveglianza stradale suscitano i timori di una "dittatura digitale" per sostituire il leader estromesso Aung San Suu Kyi.

I gruppi per i diritti umani affermano che l'uso dell'intelligenza artificiale (AI) per controllare i movimenti dei cittadini rappresenta una "seria minaccia" per la loro libertà.

Più di 200 persone sono state uccise da quando il premio Nobel per la pace Suu Kyi è stato rovesciato in un colpo di stato del 1 febbraio, innescando proteste di massa che le forze di sicurezza hanno lottato per reprimere con tattiche sempre più violente.

Forze di sicurezza si sono concentrati sull'eliminazione del dissenso nelle città comprese le capitali Naypyitaw, Yangon e Mandalay, dove centinaia di telecamere a circuito chiuso erano state installate come parte di una campagna per migliorare la governance e frenare la criminalità.

Human Rights Watch ha espresso la sua "accresciuta preoccupazione" per le telecamere armate di tecnologia AI in grado di scansionare volti e targhe di veicoli in luoghi pubblici e avvisare le autorità di coloro che sono in una lista di ricercati.

"Anche prima delle proteste, le telecamere a circuito chiuso erano una preoccupazione per noi, quindi abbiamo cercato di evitarle, prendendo strade diverse per tornare a casa, ad esempio", ha detto alla Thomson Reuters Foundation Win Pe Myaing, un manifestante di Yangon.

“Crediamo che la polizia e l'esercito stiano usando il sistema per monitorare le manifestazioni e le proteste. È come una dittatura digitale: il regime utilizza la tecnologia per rintracciare e arrestare i cittadini, e questo è pericoloso ", ha detto.

Non è stato possibile raggiungere le autorità del Myanmar per un commento.

La maggior parte delle attrezzature utilizzate in Safe City, un progetto per frenare il crimine nelle grandi città, proviene dalla società tecnologica cinese Huawei, the Pubblicazione Myanmar Now aveva riferito.

Huawei non ha risposto a una richiesta di commento.

Huawei ha detto a Human Rights Watch che stava fornendo "attrezzature per infrastrutture ICT standard" - tecnologia dell'informazione e della comunicazione, e che la tecnologia di riconoscimento facciale e della targa sulle telecamere non era di Huawei.

C'erano molti fornitori e Huawei "non è coinvolta in alcuna operazione effettiva e archiviazione o elaborazione dei dati", ha detto.

Le aziende tecnologiche cinesi sono state oggetto di un maggiore controllo per il loro uso di strumenti per rilevare, rintracciare e monitorare le minoranze uiguri nella regione dello Xinjiang, dove attivisti ed esperti delle Nazioni Unite affermano che almeno un milione di uiguri musulmani sono detenuti nei campi.

La Cina nega gli abusi e dice i suoi campi forniscono formazione professionale e sono necessari combattere l'estremismo.

"La capacità delle autorità di identificare le persone per strada, potenzialmente tracciare i loro movimenti e relazioni e intromettersi nella vita privata rappresenta un grave rischio per gli attivisti anti-golpisti", ha detto Manny Maung, ricercatore presso Human Rights Watch.

"Può anche essere utilizzato per individuare le persone in modi discriminatori o arbitrari, anche per la loro etnia o religione", ha detto in una dichiarazione.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Per saperne di più: il Myanmar implementa l'intelligenza artificiale, si dirige alla "dittatura digitale" in stile cinese [...]

[…] Per saperne di più: il Myanmar implementa l'intelligenza artificiale, si dirige alla "dittatura digitale" in stile cinese [...]