Morti post-vaccino: dove sono le autopsie?

Per favore, condividi questa storia!
La dottoressa Jane Orient interviene. Un altro aspetto della pratica medica standard viene soppresso. Le autopsie sono state ordinate di routine nei casi in cui la morte non è spiegata o deve essere studiata per chiarimenti. La mente del Tecnocrate sta essenzialmente affermando: "Sappiamo che le persone stanno morendo ma non ci interessa sapere perché". Editor TN

In questa epoca di presunta medicina scientifica e pandemia, ci affidiamo a certificati di morte per le statistiche sulla causa della morte, anche se sono note per essere estremamente inaffidabili.

Migliaia di persone sane stanno morendo inaspettatamente, ma le nostre agenzie di sanità pubblica ci stanno assicurando che la loro morte non è stata causata dal vaccino COVID. Il pedaggio di i decessi post-vaccino hanno raggiunto quasi i 7,000, secondo il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS). È il miglior sistema che abbiamo, anche se manca il 90% o più degli eventi reali.

Ma ho visto un rapporto di solo un'autopsia. Questo paziente aveva ricevuto una dose del vaccino Pfizer ed è morto quattro settimane dopo. Sebbene non vi fossero tratti caratteristici di COVID-19, quasi tutti i tessuti sono risultati positivi alla PCR per SARS-CoV-2.

La mamma di 45 anni è appena morta di problemi cardiaci e gonfiore al cervello, poco dopo aver ottenuto il vaccino COVID richiesto prima che potesse iniziare il suo lavoro alla Johns Hopkins University. Ci saranno lacrime e fiori, ma probabilmente nessuna autopsia – e nessuna pausa negli scatti richiesta per le madri e le potenziali madri se vogliono lavorare alla JHU.

La mia formazione in medicina interna era nei secoli bui prima della TC e della risonanza magnetica, ma dovevamo ancora fare una diagnosi accurata. Un paziente che è morto senza una storia medica era un "caso ME". Abbiamo dovuto chiamare il medico legale, che avrebbe deciso se fosse indicata un'autopsia. Qualsiasi cosa potenzialmente correlata alla morte, come i flaconi di pillole, era una prova. Se fosse stata somministrata un'iniezione, il flaconcino sarebbe stato recuperato, se possibile. Con i vaccini, si dovrebbe registrare il numero di lotto, quindi sarebbe possibile controllare un campione per i contaminanti.

Se il paziente è morto in ospedale, il medico residente è stato tenuto a richiedere l'autorizzazione per l'autopsia. I sopravvissuti potrebbero essere persuasi ad accettare uno dalla possibilità che il loro caro possa aver avuto una condizione ereditaria o un'infezione che potrebbe colpire gli altri. In ogni caso, abbiamo assicurato loro che il loro caro sarebbe stato trattato con rispetto e che i preparativi per il funerale non sarebbero stati interessati. Un cappellano si offriva volontario per partecipare.

La ragione più importante era che "l'altare della verità" era l'ultimo meccanismo di "assicurazione della qualità". Gli ospedali erano tenuti a eseguire autopsie su una certa percentuale di deceduti per mantenere il loro accreditamento. Uno studio classico di 100 autopsie selezionate casualmente da ciascuno dei tre anni (1960, 1970 e 1980) ha rivelato che le diagnosi principali erano state mancate in circa il 22% dei casi in tutte e tre le epoche, nonostante l'introduzione dei moderni metodi di imaging.

Sfortunatamente, i tassi di autopsia sono diminuiti dal 25% a meno del 5% negli ultimi quattro decenni. Non è mai stato un produttore di entrate per nessuno tranne che per gli avvocati di negligenza.

Ho sempre assistito all'autopsia, se potevo. Uno dei miei insegnanti più importanti è stato un paziente in cui ci era sfuggita una condizione che era palesemente evidente quando il cranio è stato aperto. Forse non saremmo stati in grado di salvarlo, ma siccome non avevamo nemmeno pensato alla diagnosi, non aveva scampo.

Decine di migliaia di pazienti sono morti di COVID prima di a serie di 12 autopsie fatto in Germania ha mostrato che la maggior parte aveva coaguli di sangue e non avrebbe potuto essere salvata forzando l'aria nei polmoni con un ventilatore.

Se una persona muore dopo una vaccinazione COVID, vorrei sapere se ci sono proteine ​​spike nei tessuti e nei vasi sanguigni e se c'è stata una reazione immunologica che stava danneggiando quei tessuti. Se una madre perde un bambino, vorrei vedere un esame approfondito della placenta. L'ossigeno e la nutrizione del bambino sono stati tagliati a causa dei vasi sanguigni danneggiati?

Trovo scioccante che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la Food and Drug Administration (FDA), il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) e la Commissione mista che accredita gli ospedali non richiedano autopsie o test del vaccino campioni. Non è possibile dichiarare un prodotto sicuro ed efficace senza ottenere prove dirette da potenziali vittime.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Freeland_Dave

Insieme alle autopsie vorremmo anche sapere quanti decessi per influenza ci sono stati l'anno scorso.

[…] Leggi di più: Morti post-vaccino: dove sono le autopsie? […]

[…] Leggi di più: Morti post-vaccino: dove sono le autopsie? […]

[…] Morti post-vaccino: dove sono le autopsie? (tecnocrazia.news) […]