Altre richieste di tecnocrazia diretta in America mentre la democrazia vacilla

Il tempo promuove la tecnocrazia
Per favore, condividi questa storia!
Questo articolo definisce Patrick Wood come un "propagandista della teoria della cospirazione" che "accusa i tecnocrati come leader nei complotti globalisti per controllare le masse". Questa è la stessa tecnica usata negli anni '1970 per deviare l'analisi della Commissione Trilaterale. Questo è un articolo da leggere che mostra il nesso tra populismo e tecnocrazia, che farà spazio al tecnopopulismo in piena regola in America. ⁃ TN Editor

Le politiche fondate sull'ideologia non possono fare a meno di ignorare le informazioni che potrebbero sconvolgere quel fondamento ideologico.

Secondo Sondaggio sui valori mondiali dati, 49% degli americani (60% di questi di età inferiore a 29) preferisce che le decisioni vengano prese da esperti piuttosto che dal governo. Considerando che la mancanza di esperienza è dilagante nella leadership degli Stati Uniti oggi, sembra che questo 49% stia sicuramente perdendo la battaglia. In realtà, le opinioni degli americani affamati di un governo basato sulle prove non si trovano da nessuna parte. Ma esistono tra i progressisti per lo più giovani che non si adattano alla quintessenza della sinistra radicale.

Se hai letto uno dei grandi organi di stampa dalle elezioni del 2016, probabilmente sei stato esposto a una vasta gamma di vari tipi di conservatori americani - un buffet di figure e opinioni politiche di destra. I giornalisti hanno trascorso settimane in "Trump Country", lavorando faticosamente nella speranza di poter dimostrare che i media hanno ricordato queste persone una volta dimenticate. I punti vendita si sono affrettati ad assumere voci conservatrici per evitare le critiche secondo cui sono i "media liberali" e nient'altro che "notizie false", come le hanno chiamate il presidente ei suoi seguaci.

Fai Il New York Times, che ha assunto Bret Stevens, editorialista vincitore del Premio Pulitzer di   Wall Street Journal, insieme a David Brooks, Ross Douthat e Bari Weiss. Meagan Kelly, l'ex conduttrice di Fox News che ci ha promesso che Babbo Natale è davvero bianco, si è assicurata un posto in prima serata alla NBC. The Atlantic ha integrato il suo preminente #NeverTrumper ed ex scrittore di discorsi di George W. Bush David Frum con l'assunzione di Kevin D. Williamson. Mentre al National ReviewWilliamson ha affermato che "le donne che hanno aborti dovrebbero essere impiccate" e una volta descritta un ragazzo afroamericano come "Snoop Dogg in scala di tre quinti", che si rifà al tempo in cui gli americani neri contavano come tre quinti della persona nella Costituzione.

In continui sforzi per riconquistare la fiducia del collegio elettorale di Donald Trump - i "veri americani" - il pubblico in generale è stato sottoposto a focus group dopo focus group dal cuore pulsante. I conservatori sono di ogni gusto e classe; odiano Trump tanto quanto Anna Navaro, consigliera per la campagna presidenziale di Jeb Bush, troll quanto i guerrieri culturali Ben Shapiro e Jordan Peterson, e devoti trumpisti come Paris Denard, Jefferey Loyd e Katrina Pierson. La CNN ha assunto Jason Miller, un surrogato di Trump, proprio l'anno scorso.

Mentre è meraviglioso vedere che il libero pensiero è vivo sulla destra, ciò che preoccupa è che la piattaforma per l'espressione di vari punti di vista è diventata limitata a loro. Questo ci riporta a quel 49%.

In America, la sinistra viene dipinta con un pennello molto più ampio, ma ci sono differenze. Il punto è parlare di un segmento: un gruppo che non è composto da marxisti culturali, guerrieri della giustizia sociale e socialisti. Questo gruppo è stato tranquillamente generalizzato, oscurato dai nostri coetanei che urlano sul neoliberismo e sottoscrivono ideologie che sono un mix di prefissi e suffissi politici. Nella sinistra americana, arrancando, lavorando, arrancando è un gruppo spesso chiamato in modo dispregiativo i tecnocrati. Alcuni potrebbero nascondere le loro virtù tecnocratiche, mentre altri semplicemente non sanno di averle ancora.

LA FINE DELLA DEMOCRAZIA?

L'esposizione al termine tecnocrate proviene di solito da propagandisti della teoria della cospirazione come Alex Jones e Patrick Wood, che accusano i tecnocrati di essere leader nei complotti globalisti per controllare le masse. Ma al di fuori dei talk radio e dei podcast cospirativi, i tecnocrati sono funzionari pubblici con competenze tecniche: manager, budgeters. Il termine è stato spesso associato a nerd o vinti. I tecnocrati lo fanno, mentre i politici tengono discorsi. Il ventottesimo presidente degli Stati Uniti, Woodrow Wilson, si adattava perfettamente. Era un accademico, uno scienziato politico che ha contribuito a fondare il campo della pubblica amministrazione, in un'epoca in cui la disciplina delle politiche pubbliche era alle prime armi e lontana dalla scienza che è oggi.

Alcuni assocerebbero il governo tecnocratico negli Stati Uniti a Micheal Dukakis, governatore del Massachusetts, e oppositore democratico di George Bush Sr. nelle elezioni presidenziali del 1988. È stato deriso per la sua inclinazione a indossare tweed e ha sopportato il peso di una delle campagne pubblicitarie più sporche nella storia delle elezioni presidenziali. Dukakis no un oratore esperto o un leader carismatico. Ma era un amministratore incorruttibile ed efficiente, noto come l'architetto del "Miracolo del Massachusetts”- un'era di crescita degli anni '1970 e '1980 che ha trasformato uno stato in difficoltà dal collasso dell'industria manifatturiera nella potenza economica che il Massachusetts è ancora oggi. Questo è il tipo di leadership che viene fornito con la tecnocrazia.

In Technocracy: Rise of the Info-State, Parag Khana spiega perché un po 'più di tecnocrazia sarebbe un bene per l'America. Tecnocrazia, lui sostiene, "Il governo è costruito attorno all'analisi di esperti e alla pianificazione a lungo termine piuttosto che a capricci populisti ristretti ea breve termine. I tecnocrati non devono essere confusi con le elite compiacenti dell'establishment che sono state appena colpite da Trump. La vera tecnocrazia ha le virtù di essere sia utilitaristica ... che meritocratica. "

Forse ti starai chiedendo se Khana sappia cosa è successo a Dukakis o abbia mai visto come funziona l'esperimento americano. Si è spesso sostenuto che in genere l'idea che la democrazia in sé e per sé sia ​​buona come può, non necessita di perversioni o manomissioni. Ma i dati del sondaggio mostrano che gli americani stanno iniziando a perdere fiducia nell'idea che la democrazia liberale è tutto ciò che serve per avere un buon governo. Non solo i giovani americani hanno una propensione alla competenza, piaccia o no, non siamo così venduti alla democrazia come la soluzione a tutto.

L'insoddisfazione generale nei confronti del governo è attualmente molto alta. Alcuni di questi possono essere attribuiti alla crisi economica. Storicamente, le preoccupazioni economiche sono state attribuite in modo significativo a una perdita di fiducia nel governo ei millennial sono caratterizzati dalla loro stessa Grande recessione. Ma questa volta sta accadendo qualcosa di interessante.

L'accusa per il cambiamento è nei giovani - come al solito - ma questa accusa non è in contrasto con il governo ma con il governo come motore del cambiamento, con o senza democrazia. Secondo a rapporto del Journal of Democracy, “Solo il 30% circa degli americani nati negli anni '1980 pensa che sia 'essenziale' vivere in una democrazia. Questo è rispetto al 75% degli americani nati negli anni '1930 ". Sfortunatamente, questa disaffezione ha portato paesi come Austria, Francia e Germania a vedere una rinascita dell'estrema destra grazie al sostegno dei giovani.

Nel Regno Unito e negli Stati Uniti, i giovani hanno gravitato verso i populisti all'estremità sinistra dello spettro guidato da Bernie Sanders e Jeremy Corbyn. Nonostante la natura scontrosa di Donald Trump, la sua politica specchi quelli di altri leader nazionalisti, conservatori e anti-minoranze in tutto il mondo, come Roderigo Duterte delle Filippine, Shinzo Abe del Giappone, Xi Jinping della Cina e Narendra Modi dell'India. I millennial sono al timone di tutti questi movimenti.

I giovani di oggi non sono i figli dei fiori che erano i loro genitori, né credono nella democrazia come lo sono stati i loro nonni. Mentre i millennial hanno iniziato a farlo diffidare del governo a tassi simili a quelli dei cittadini più anziani, per qualche motivo il calo della fiducia non è stato così drastico. I giovani americani pensano che i politici siano corrotti, ma credono ancora che le grandi istituzioni governative possano funzionare. Anche se può sembrare che ogni giovane sia devoto a idee estreme, viene in mente la definizione di Mark Twain di un patriota come "la persona che può gridare più forte senza sapere di cosa sta gridando". Solo perché non senti i tecnocrati, non significa che non ci siano.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti