Technocracy modellistica: garage visti come "hub di mobilità urbana"

tecnocrazia
Per favore, condividi questa storia!
Il Corso di studi sulla tecnocrazia del 1934 (p. 244) proponeva una “rete di garage in luoghi convenienti in tutto il paese da cui si potevano avere automobili a qualsiasi ora della notte o del giorno. Nessuna automobile sarebbe di proprietà privata. Quando uno desiderava utilizzare un'automobile, si limitava a chiamare in garage. " ⁃ TN Editor

Con le città alla ricerca di nuovi modi per utilizzare i garage e alleviare la congestione, la società di gestione dei parcheggi FlashParking afferma di avere una soluzione diversa: convertire i garage in "centri di mobilità urbana" che servono a molteplici scopi.

Invece di utilizzare garage per il solo parcheggio di automobili, la società suggerisce di riproporli e aggiungere aree per caricare i veicoli elettrici (veicoli elettrici); parcheggiare e caricare bici e scooter dockless; veicoli che salgono sul palco quando non hanno una tariffa; auto pulite e di servizio; e fungere da area di tenuta per veicoli autonomi (AV).

"I parcheggi non sono la prima cosa che viene in mente quando si pensa alla mobilità urbana o alle iniziative di smart city, ma alcuni dei proprietari di asset e gestori di parcheggi più innovativi stanno vedendo che c'è un'opportunità per essere parte della soluzione piuttosto che continuano a essere parte del problema ", ha detto a Smart Cities Dive Jordan Weiss, vice presidente del marketing di FlashParking.

Poiché le città scoraggiano l'uso personale dei veicoli, ci sono teorie sul futuro dei parcheggi. Alcune città hanno sperimentato idee per riutilizzarle o rimuoverle per liberare spazio per altre iniziative.

È in una vena simile a Woods Bagot's, studio di architettura con sede a Los Angeles ALTRO iniziativa di LA, che esplora come i lotti di superficie possono aiutare ad alleviare problemi come la crisi dell'accessibilità economica degli alloggi e per rendere più facile l'utilizzo dei AV. In un'intervista con Smart Cities Dive, l'architetto James Sanders, che consulta Woods Bagot come presidente globale del suo consiglio di progettazione, ha affermato che rappresenta una grande opportunità per "iniziare a recuperare parte di questo vasto inventario che è stato consegnato allo stoccaggio di auto inutilizzate. "

Il ride-hailing è stato incolpato in parte dell'aumento della congestione urbana, poiché i conducenti spesso trascorrono il tempo a strascicare le strade alla ricerca della loro prossima tariffa, nota come "rotta morta". Weiss ha detto che se i parcheggi possono essere ristrutturati in aree di sosta, possono farli entrare e uscire dalle strade secondo necessità. Ha detto che il piano è quello di "riutilizzare o estendere alcuni immobili all'interno di quei garage urbani e consentire loro di parcheggiare le auto, risparmiare carburante, scendere dalle strade, alleviare la congestione e fondamentalmente esibirsi lì fino alla loro prossima corsa".

E con biciclette e scooter dockless sottoposti a ripetuti controlli ingombrare il diritto pubblico pubblico, Weiss ha detto che fornire un parcheggio e far pagare loro in un garage potrebbe essere un modo per risolvere quel problema. Le aziende piace Carica hanno esaminato l'offerta di parcheggi per veicoli senza dock e Weiss ha affermato che ci sono molte opportunità per i fornitori di dockless di collaborare.

"Queste aziende di micromobilità, spendono una notevole quantità di denaro pagando le persone per ritirare questi beni, portarli in un'area di ricarica, caricarli e poi riconsegnarli nel centro della città il giorno successivo per l'uso", ha detto Weiss. "Sarebbero in grado di risparmiare un sacco di soldi creando partnership con questi parcheggi e facendoli organizzare e addebitare proprio lì nel quartiere centrale degli affari invece di spendere soldi per farli espellere e ricaricare".

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti