Mises Institute: il 'Great Reset' richiede la tecnocrazia

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Un professore tedesco che attualmente insegna in Brasile ha confermato in modo indipendente la valutazione di lunga data di TN secondo cui il "Grande Ripristino" viene messo in scena "con l'intento di creare una tecnocrazia globale". Questo è un articolo critico, deve leggere per tutti i lettori TN. ⁃ Editor TN

Il blocco sulla scia della pandemia di coronavirus ha accelerata l'attuazione di Di lunga data prevede di stabilire un cosiddetto nuovo ordine mondiale. Sotto gli auspici del World Economic Forum (WEF), i responsabili politici globali stanno sostenendo un "Ottimo reset"Con l'intento di creare una tecnocrazia globale. Non è un caso che il 18 ottobre 2019 a New York City il WEF partecipato a "201 Event"All'esercizio di pandemia" di alto livello "organizzato dal Centro John Hopkins per la sicurezza sanitaria.

Questa futura tecnocrazia implica una stretta cooperazione tra i capi dell'industria digitale e dei governi. Con programmi come reddito minimo garantito e assistenza sanitaria per tutti, il nuovo tipo di governance combina un rigoroso controllo sociale con la promessa di una giustizia sociale globale.

La verità, tuttavia, è che questo nuovo ordine mondiale della tirannia digitale arriva con una visione globale sistema di credito sociale. La Repubblica popolare di Cina è il pioniere di questo metodo di sorveglianza e controllo di individui, società ed entità sociopolitiche.

Per l'individuo, la propria identità è ridotta a un'app o un chip che registra quasi ogni attività personale. Al fine di ottenere alcuni diritti individuali, ed essere solo per viaggiare in un determinato luogo, una persona deve bilanciare tali privilegi apparenti con la sua sottomissione a una rete di regolamenti che definiscono in dettaglio ciò che è "buon comportamento"E ritenuto utile per l'umanità e l'ambiente. Ad esempio, durante una pandemia, questo tipo di controllo si estenderebbe dall'obbligo di indossare una maschera e di praticare le distanze sociali per avere vaccinazioni specifiche per fare domanda per un lavoro o viaggiare.

In breve, è un tipo di Ingegneria sociale che è l'opposto di un ordine spontaneo o di sviluppo. Come l'ingegnere meccanico con una macchina, l'ingegnere sociale, o tecnocrate, tratta la società come un oggetto. Diversamente dalle brutali soppressioni da parte del totalitarismo dei tempi precedenti, il moderno ingegnere sociale proverà a far funzionare la macchina sociale da sola secondo il design. A tal fine, l'ingegnere sociale deve applicare le leggi della società nel modo in cui l'ingegnere meccanico segue le leggi della natura. La teoria comportamentale ha raggiunto uno stadio di conoscenza che rende possibili i sogni di ingegneria sociale. Le macchinazioni dell'ingegneria sociale operano non attraverso la forza bruta, ma sottilmente gomitata.

Nell'ordine previsto dal Grande Ripristino, il progresso della tecnologia non ha lo scopo di servire il miglioramento delle condizioni delle persone ma di sottomettere l'individuo alla tirannia di uno stato tecnocratico. "Gli esperti sanno meglio" è la giustificazione.

L'agenda

Il piano per una revisione del mondo nasce da un'idea di un gruppo d'élite di uomini d'affari, politici e del loro entourage intellettuale che si incontrava a Davos, in Svizzera, a gennaio di ogni anno. Nato nel 1971, il World Economic Forum è diventato un evento megaglobal da allora. Più di tremila leader di tutto il mondo hanno partecipato alla riunione di 2020.

Sotto la guida del WEF, i ordine del giorno del Great Reset dice che il completamento del attuale trasformazione industriale richiede una profonda revisione dell'economia, della politica e della società. Una trasformazione così completa richiede l'alterazione del comportamento umano e quindi "transumanesimo"Fa parte del programma.

Il grande reset sarà il tema del cinquantunesimo incontro del World Economic Forum a Davos nel 2021. La sua agenda è l'impegno a spostare l'economia mondiale verso "un futuro più equo, sostenibile e resiliente". Il programma prevede un "nuovo contratto sociale" incentrato sull'uguaglianza razziale, sulla giustizia sociale e sulla protezione della natura. Il cambiamento climatico ci impone di "decarbonizzare l'economia" e di portare il pensiero e il comportamento umano "in armonia con la natura". L'obiettivo è costruire "economie più uguali, inclusive e sostenibili". Questo nuovo ordine mondiale deve essere "urgentemente" attuato, sostengono i promotori del WEF, e sottolineano che la pandemia "ha messo a nudo l'insostenibilità del nostro sistema", che manca di "coesione sociale".

Il grande progetto di reset del WEF è il social engineering ai massimi livelli. I sostenitori del ripristino sostengono che le Nazioni Unite mancato stabilire un ordine nel mondo e non potrebbe avanzare con forza la sua agenda di sviluppo sostenibile, nota come Agenda 2030—Per il suo modo di lavorare burocratico, lento e contraddittorio. Al contrario, le azioni del comitato organizzativo del World Economic Forum sono rapide e intelligenti. Quando è stato formato un consenso, può farlo essere implementato dall'élite globale in tutto il mondo.

Ingegneria sociale

L'ideologia del World Economic Forum non è né di sinistra né di destra, né progressista o conservatrice, non è neppure fascista o comunista, ma schietto tecnocratica. Come tale, include molti elementi delle precedenti ideologie collettiviste.

Negli ultimi decenni, negli incontri annuali di Davos è emerso il consenso sul fatto che il mondo ha bisogno di una rivoluzione e che le riforme hanno richiesto troppo tempo. I membri del WEF prevedono un profondo sconvolgimento con breve preavviso. Il lasso di tempo dovrebbe essere così breve che la maggior parte delle persone difficilmente si renderà conto che sta avvenendo una rivoluzione. Il cambiamento deve essere così rapido e drammatico che coloro che riconoscono che sta avvenendo una rivoluzione non hanno il tempo di mobilitarsi contro di essa.

L'idea di base del Great Reset è lo stesso principio che ha guidato le trasformazioni radicali dalla rivoluzione francese a quella russa e cinese. È l'idea di razionalismo costruttivista incorporato nello stato. Ma progetti come il Great Reset lasciano senza risposta la domanda su chi governa lo stato. Lo stato stesso non governa. È uno strumento di potere. Non è lo stato astratto che decide, ma i leader di specifici partiti politici e di determinati gruppi sociali.

I regimi totalitari precedenti avevano bisogno di esecuzioni di massa e campi di concentramento per mantenere il loro potere. Ora, con l'aiuto delle nuove tecnologie, si ritiene che i dissidenti possano essere facilmente identificati ed emarginati. I anticonformisti saranno messi a tacere squalificando le opinioni divergenti come moralmente spregevoli.

I blocchi del 2020 offrono probabilmente un'anteprima di come funziona questo sistema. Il blocco ha funzionato come se fosse stato orchestrato, e forse lo era. Come se seguire un singolo command, i leader delle grandi e piccole nazioni - e delle diverse fasi dello sviluppo economico - hanno implementato misure quasi identiche. Molti governi non solo hanno agito all'unisono, ma hanno anche applicato queste misure con scarso rispetto per gli orribili conseguenze di un blocco globale.

Mesi di fermo economico hanno distrutto la base economica di milioni di famiglie. Insieme alla distanza sociale, il blocco ha prodotto una massa di persone incapaci di prendersi cura di se stesse. In primo luogo, i governi hanno distrutto il sostentamento, poi i politici si sono presentati come il salvatore. La richiesta di assistenza sociale non è più limitata a gruppi specifici, ma è diventata un'esigenza delle masse.

Una volta, la guerra era la salute dello stato. Ora è paura della malattia. Ciò che ci aspetta non è l'apparente intimità di uno stato sociale globale benevolo con un reddito minimo garantito, assistenza sanitaria e istruzione per tutti. Il blocco e le sue conseguenze hanno portato a un assaggio di ciò che verrà: uno stato permanente di paura, uno stretto controllo comportamentale, una massiccia perdita di posti di lavoro e una crescente dipendenza dallo stato.

Con le misure adottate sulla scia della pandemia di coronavirus, è stato fatto un grande passo per ripristinare l'economia globale. Senza resistenza popolare, la fine della pandemia non significherà la fine del blocco e del distanziamento sociale. Al momento, tuttavia, gli oppositori del nuovo ordine mondiale della tirannia digitale hanno ancora accesso ai media e alle piattaforme per dissentire. Eppure il tempo sta per scadere. Gli autori del nuovo ordine mondiale hanno annusato il sangue. Dichiarare il coronavirus una pandemia è tornato utile per promuovere l'agenda del loro Grande Ripristino. Solo un'opposizione massiccia può rallentare e infine fermare l'estensione della presa di potere della tecnocrazia tirannica che è in aumento.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
10 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Paul

I governi del mondo stanno mandando i loro paesi in bancarotta in modo che la gente del mondo non abbia altra scelta che far parte del nuovo ordine mondiale WEF / ONU!

Proverbi 22: 7 (NIV), “La regola dei ricchi sui poveri e il mutuatario è schiavo al prestatore. "

mezzo salvato

L'unica cosa di cui i Technocrati hanno paura è confrontarsi con la brutalità. La maggior parte di loro sfiora l'essere beta maschi che non sono riusciti a combattere come un sacchetto di carta bagnato, che pensano di essere abbastanza furbi da manipolare gli Alpha maschi per sostenere la loro agenda. Sbagliato ! I guerrieri che lo stato ha addestrato comprendono molto bene la natura della brutalità e quali vantaggi potrà essere realizzato proprio come in guerra. Questo, amici miei, è esattamente il motivo per cui sono state prese in considerazione leggi che vietano ai veterani di avere le armi del loro mestiere. Quando le persone hanno avuto... Leggi di più "

solo dicendo

Un governo mondiale, una religione mondiale: https://www.technocracy.news/one-world-religion-pope-francis-signs-historic-covenant-with-islam/ e un sistema politico mondiale: la tecnocrazia. Il palcoscenico è pronto, ora il leader mondiale verrà e supererà tutto. Ma prima molti scompariranno. Diranno che gli alieni li hanno presi per essere riprogrammati. Non vuoi essere uno di quelli che scompaiono? Perché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio affinché chiunque crede in lui non muoia ma abbia la vita eterna. Il mondo non è tutto quello che c'è, lode al Signore !!

Dick Pluth

La buona notizia è che la Chiesa sarà scomparsa da tempo al Rapimento quando la Bestia sarà rivelata. Poiché il Signore stesso scenderà dal cielo con un grido, con la voce dell'arcangelo e con la tromba di Dio, e i morti in Cristo risorgeranno per primi. 1 Tessalonicesi 4:16 Maranatha

sto solo rispondendo

onestamente non ci sono prove bibliche ci sarà un rapimento - questo è stato messo per farti dormire.

Ultima modifica 1 mese fa semplicemente rispondendo
AEC

La scomparsa avverrà dopo il Trib. Poi viene l'Ira, la celebrazione, poi l'Armageddon.

[…] Prossimo post […]

Elle

L'ho detto molte volte l'anno scorso. Lo ripeto ancora una volta. Quando lo sforzo internazionale della classe predatrice per guadagnare influenza ha messo le Gretas del mondo, le madri che urlavano "salva i bambini" e i bambini in marcia con i cartelli e non hanno funzionato per loro, era la loro ultima carta da giocare. L'agenda sui cambiamenti climatici è stata creata per portare avanti l'Agenda 2030. Non ha funzionato. Il pubblico non lo comprerebbe. C'erano troppi respingimenti e troppe voci contrarie. Di conseguenza, e ho detto questo, la sequenza temporale non era abbastanza rapida per gli eugenetisti / gruppo NWO / Cabala. Così hanno deciso di portare... Leggi di più "

Ultima modifica 1 mese fa di Elle

[...] Per saperne di più: Mises Institute: The "Great Reset" Calls For Technocracy [...]

[…] Mises Institute: Il "grande ripristino" richiede tecnocrazia と い う 記事 で す。 […]