Mises Institute: "L'America è una tecnocrazia, non una democrazia"

tecnocraziaWikimedia Commons, Dan Smith
Per favore, condividi questa storia!
Questa è una lettura obbligata per ogni lettore di notizie di Technocracy. Il Mises Institute è la prima grande organizzazione a scrivere apertamente sulla tecnocrazia negli Stati Uniti e sottolinea che altre persone stanno effettivamente iniziando a ottenere il quadro generale. ⁃ Editor TN

Forse mai prima d'ora nella storia americana i tecnocrati non eletti hanno avuto un ruolo così enorme nel dare forma alla politica pubblica in America.

Nelle ultime settimane, i membri del Congresso sono scomparsi in azione. Alla fine del mese scorso, la Camera dei rappresentanti ha approvato la più grande fattura di spesa della storia mentre la maggior parte dei membri era assente. I voti dei membri non sono stati registrati e la legislazione è stata approvata con un voto vocale, che ha richiesto solo una manciata di membri.

Alcune settimane dopo, il Senato si rifiuta persino di riunirsi e potrebbe finalmente aggirare il dibattito su alcune questioni legislative a maggio. Come per la Camera, una manciata di membri assemblato prima di approvare un altro enorme disegno di legge di stimolo. Molti senatori sono rimasti a casa. Questo è il "governo rappresentativo" nell'America moderna.

Ma se pensassi che questa mancanza di azione del Congresso significhi che non sta succedendo molto a Washington in termini di definizione delle politiche, ti sbaglieresti molto. È solo che le istituzioni democraticamente elette sono ormai diventate uno spettacolo in gran parte irrilevante. Il di rose la definizione delle politiche avviene tra esperti non eletti, che decidono da soli - con una supervisione o un controllo minimo da parte dei funzionari eletti effettivi - cosa accadrà in termini di politica pubblica. Le persone che realmente gestiscono il paese sono questi esperti e burocrati delle banche centrali, delle agenzie di sanità pubblica, delle agenzie di spionaggio e di una rete in espansione di consigli e commissioni.

L'ascesa della tecnocrazia

Questa non è una nuova tendenza. Negli ultimi decenni, e specialmente dopo il New Deal, esperti ufficiali del governo hanno gradualmente sostituito i rappresentanti eletti come principali responsabili delle decisioni nel governo. Il dibattito pubblico è stato abbandonato a favore degli incontri tra piccoli manipoli di tecnocrati non eletti. La politica è stata sostituita dalla "scienza", sia essa sociale o fisica. Queste decisori potenti e in gran parte non responsabili sono oggi più evidenti nei tribunali federali, nelle agenzie di "intelligence", nella Federal Reserve e - a lungo ignorate fino ad ora - nelle agenzie di sanità pubblica del governo.

La tecnocrazia come stile di governo esiste almeno dall'era progressista, sebbene sia stata spesso limitata dai tradizionali attori legislativi ed eletti e dalle istituzioni politiche. A livello globale, ha acquisito importanza in una varietà di tempi e luoghi, Per esempio in Messico negli anni '1980 e '1990.

Ma il potere della tecnocrazia è cresciuto da tempo anche negli Stati Uniti.

Questo può sembrare strano in un mondo in cui ci viene detto che la democrazia è tra i più alti valori politici, ma i tecnocrati sono comunque riusciti a giustificarsi attraverso miti affermando che i tecnocrati prendono decisioni scientifiche guidate solo dai dati. Questi tecnocrati, ci viene detto, non si preoccupano della politica e prendono solo decisioni valide in base a dove conduce la scienza.

Sebbene tutto ciò possa sembrare più ragionevole o logico per alcuni, la verità è che non c'è nulla di non politico, scientifico o imparziale nel governo del tecnocrate. I tecnocrati, come tutti gli altri, hanno le proprie ideologie, i propri programmi e i propri interessi. Spesso i loro interessi sono in forte contrasto con quelli del grande pubblico che paga gli stipendi dei tecnocrati ed è soggetto agli editti della tecnocrazia. L'ascesa della tecnocrazia ha solo significato che i mezzi per influenzare la politica sono ora limitati a un numero molto più piccolo di persone, vale a dire coloro che sono già influenti e potenti nelle sale del governo. Tecnocrazia sembra meno politico, perché le discussioni politiche sono limitate a quelle che erano chiamate "stanze piene di fumo". Cioè, la tecnocrazia è davvero una sorta di oligarchia, sebbene non limitata ai ricchi finanziariamente. È limitato alle persone che hanno frequentato le scuole "giuste" o controllano potenti società come Google o Facebook, o lavorano per influenti organizzazioni dei media. È etichettato come "non politico", perché gli elettori ordinari e i contribuenti sono esclusi persino dal sapere chi è coinvolto o quali politiche vengono proposte. In altre parole, la tecnocrazia è governata da un piccolo club esclusivo. E tu non ci sei.

Quindi come sopravvive la tecnocrazia in un sistema che pretende di basare la sua legittimità su istituzioni democratiche? Dopotutto, la tecnocrazia è per sua stessa natura progettata per essere controdemocratico. Infatti, come la sinistra si è inacidita della democrazia, la sinistra ha preso la richiesta di applicare metodi più tecnocratici per porre fine alle istituzioni democratiche. In un articolo del 2011 molto quotato per il Nuova Repubblica, l'influente banchiere ed economista Peter Orszag si lamenta del fatto che le istituzioni democratiche come il Congresso non stanno implementando abbastanza delle sue politiche preferite. Pertanto, insiste sul fatto che è ora di "abbandonare la fiaba di Civics 101 sulla pura democrazia rappresentativa e iniziare invece a costruire un nuovo insieme di regole e istituzioni". Vuole il governo del tecnocrate attraverso un sistema di "commissioni" composto da "esperti indipendenti".

Questo è il nuovo modello di governo "efficiente". Ma in molte aree, questo è già il modo in cui sono governati gli Stati Uniti. Non mancano consigli, collegi, tribunali e agenzie controllati da esperti che funzionano in gran parte senza alcuna supervisione da parte degli elettori, dei contribuenti o dei funzionari eletti.

Possiamo indicare diverse istituzioni in cui lo spirito della tecnocrazia è sia ben consolidato che altamente influente.

Uno: la Corte suprema degli Stati Uniti

Questa tendenza verso la tecnocrazia si è manifestata per la prima volta nella forma della Corte Suprema degli Stati Uniti. Il tribunale, ovviamente, era stato a lungo considerato un corpo di esperti legali, una specie. Si supponeva che prendessero in considerazione questioni tecnico-legali a parte le vicissitudini della politica elettorale. Ma questa esperienza non è venuta senza limitazioni. La corte avrebbe dovuto limitare il proprio potere o rischiare di tentare di intromettersi nel funzionamento della democrazia. Entro la metà del ventesimo secolo, tuttavia, queste limitazioni erano state in gran parte abbandonate. Durante gli anni '1950 e '1960, la Corte Suprema ha creato un'ampia varietà di nuovi "diritti" che il Congresso non aveva mai mostrato di voler creare. Roe v Wade, ad esempio, ha creato un nuovo diritto legale federale all'aborto basato esclusivamente sui desideri di una manciata di giudici e indipendentemente dal fatto era sempre stato presunto da praticamente tutti che l'aborto fosse di competenza dei legislatori statali.

Prima di questo periodo, qualsiasi cambiamento di tale portata avrebbe richiesto un emendamento costituzionale. Cioè, prima dell'ascesa del moderno SCOTUS sovralimentato, si presumeva che i grandi cambiamenti alla Costituzione richiedessero un lungo dibattito pubblico e il coinvolgimento di molti elettori e legislatori. Ma con l'ascesa della Corte Suprema come creatori esperti di nuove leggi, è diventata la norma per i giudici rinunciare al dibattito pubblico e al processo decisionale elettorale. Invece, gli esperti avrebbero "scoperto" il vero significato della Costituzione e avrebbero creato le loro nuove leggi basate su "competenze" legali.

Due: la Federal Reserve

Un secondo elemento costitutivo della tecnocrazia è stata la Federal Reserve. Dalla sua creazione nel 1935, il Consiglio dei governatori della Federal Reserve ha agito sempre più come un consiglio politico composto da tecnocrati che operano al di fuori del processo legislativo, pur emanando regolamenti e politiche che hanno effetti enormemente ampi sui sistemi bancari, sul settore finanziario e persino sulla politica fiscale .

I politici della Fed sono tecnocrati per eccellenza in quanto presumibilmente prendono decisioni basate solo sui "dati" e non si lasciano piegare da preoccupazioni politiche. La natura sacrosanta delle decisioni di questi tecnocrati è stata rafforzata da anni di affermazioni non plausibili sull'indipendenza della Fed dalle pressioni politiche della Casa Bianca o del Congresso.

In realtà, ovviamente, la Fed non è mai stata un'istituzione apolitica, e questo è stato dimostrato da una varietà di studiosi, molti di loro scienziati politici. I consigli di amministrazione della Fed sono sempre stati influenzati dai presidenti e da altri. (La maggior parte degli economisti sono troppo intenzionalmente ingenuo per capire le dimensioni politiche della Fed.) Al giorno d'oggi, è diventato dolorosamente ovvio che la Fed esiste per sostenere il regime e il settore finanziario con qualsiasi mezzo necessario. L'idea che questo processo sia guidato da una considerazione spassionata dei "dati" dovrebbe essere considerata ridicola.

Tre: gli esperti medici

Una nuova aggiunta ai ranghi crescenti dei tecnocrati in America è la legione di esperti medici, a tutti i livelli di governo, che hanno tentato di dettare la politica durante il panico COVID-19 del 2020. Guidati a livello nazionale da burocrati del governo permanente come Anthony Fauci e Deborah Birx, gli esperti di sanità pubblica hanno assunto la tipica personalità del tecnocrate: sono guidati solo dalla "scienza", insistono, e si afferma che solo questi esperti hanno la capacità di attuare e dettare correttamente politiche pubbliche che affronterà i rischi posti da varie malattie.

Come con la Federal Reserve e la Corte suprema, si dice che coloro che si oppongono agli esperti medici stiano sacrificando l'obiettività apolitica - una virtù goduta solo dai tecnocrati (e dai loro sostenitori) - sull'altare per ottenere un vantaggio politico.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

La parola "scienza" deriva dalla parola greca "Gnosi" da cui deriva la parola gnostico. Capisci che uno gnostico è nella conoscenza spirituale mistica che prevale sulla verità. In altre parole, queste persone stanno parlando ai demoni, alcuni possono persino levitare! Garantirò che questi tecnocrati migliori praticano una sorta di yoga, o si siedono in silenzio per liberare le loro menti in modo che i loro "spiriti guida" possano prendere il sopravvento e guidarli. Credono di avere la "verità" e di essere in ascesa alla perfezione o sulla via della perfezione e diventare un dio. Anche la Chiesa cattolica romana ha il loro... Per saperne di più »

sto solo dicendo

La prova è qui nella sala di meditazione delle Nazioni Unite che proviene dall'occulto: https://clubofrome.org/impact-hubs/emerging-new-civilization/ e vedi qui: https://amazingdiscoveries.org/S-deception_United_Nations_Prayer_Room_meditation Tutto influenzato da Pierre Teilhard de Chardin. Per ulteriori ricerche vai qui: https://www.lighthousetrailsresearch.com/TeilharddeChardin.htm