L'esercito cerca l'intelligenza artificiale per sostituire il processo decisionale sul campo di battaglia

Credito fotografico: esercito degli Stati Uniti
Per favore, condividi questa storia!
Lasciata incontrollata, l'Intelligenza artificiale alla fine includerà tutte le aree della vita sulla terra, inclusa la salute, la gestione della popolazione e la guerra. Mentre i feriti vengono raccolti dai campi di battaglia, l'IA viene ora ricercata per eseguire il triage per decidere quali soldati trattare per primi che sono ritenuti "salvabili", lasciando potenzialmente gli altri a morire. ⁃ Editore TN

Quando un attentatore suicida ha attaccato l'aeroporto internazionale di Kabul nell'agosto dello scorso anno, la morte e la distruzione sono state schiaccianti: la violenza ha provocato la morte di 183 persone, inclusi 13 soldati statunitensi.

Questo tipo di incidente di massa può essere particolarmente scoraggiante per i lavoratori sul campo. Centinaia di persone hanno bisogno di cure, gli ospedali nelle vicinanze hanno uno spazio limitato e le decisioni su chi riceve prima le cure e chi può aspettare devono essere prese rapidamente. Spesso la risposta non è chiara e le persone non sono d'accordo.

La Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) - il braccio di innovazione dell'esercito americano - mira a rispondere a queste spinose domande esternalizzando il processo decisionale all'intelligenza artificiale. Attraverso un nuovo programma, chiamato In the Moment, vuole sviluppare una tecnologia in grado di prendere decisioni rapide in situazioni stressanti utilizzando algoritmi e dati, sostenendo che la rimozione dei pregiudizi umani può salvare vite, secondo i dettagli del lancio del programma questo mese.

Sebbene il programma sia agli inizi, arriva mentre altri paesi cercano di aggiornare un sistema secolare di triage medico e poiché le forze armate statunitensi si affidano sempre più alla tecnologia per limitare l'errore umano in guerra. Ma la soluzione solleva bandiere rosse tra alcuni esperti ed esperti di etica che si chiedono se l'IA dovrebbe essere coinvolta quando sono in gioco vite umane.

"L'IA è bravissima a contare le cose", ha detto Sally A. Applin, ricercatrice e consulente che studia l'intersezione tra persone, algoritmi ed etica, in riferimento al programma DARPA. "Ma penso che potrebbe creare un precedente in base al quale la decisione per la vita di qualcuno viene messa nelle mani di una macchina".

Fondata nel 1958 dal presidente Dwight D. Eisenhower, la DARPA è tra le organizzazioni più influenti nella ricerca tecnologica, generando progetti che hanno avuto un ruolo in numerose innovazioni, tra cui Internet, GPS, satelliti meteorologici e, più recentemente, il vaccino contro il coronavirus di Moderna.

Ma la sua storia con l'IA ha rispecchiato gli alti e bassi del campo. Negli anni '1960, l'agenzia ha fatto progressi nell'elaborazione del linguaggio naturale e nel far giocare i computer a giochi come gli scacchi. Durante gli anni '1970 e '1980, il progresso si è bloccato, in particolare a causa dei limiti della potenza di calcolo.

Dagli anni 2000, con il miglioramento delle schede grafiche, la potenza di calcolo è diventata più economica e il cloud computing è esploso, l'agenzia ha visto una rinascita nell'uso dell'intelligenza artificiale per applicazioni militari. Nel 2018 ha dedicato 2 miliardi di dollari, attraverso un programma chiamato AI Next, per incorporare l'IA in oltre 60 progetti di difesa, a significare quanto la scienza potrebbe essere centrale per i futuri combattenti.

"DARPA prevede un futuro in cui le macchine sono più che semplici strumenti", ha affermato l'agenzia nell'annunciare il programma AI Next. "Le macchine immaginate da DARPA funzioneranno più come colleghi che come strumenti".

A tal fine, il programma In the Moment della DARPA creerà e valuterà algoritmi che aiutano i decisori militari in due situazioni: lesioni di piccole unità, come quelle affrontate dalle unità delle operazioni speciali sotto tiro, ed eventi di massa, come l'attentato all'aeroporto di Kabul. Successivamente, potrebbero sviluppare algoritmi per aiutare in situazioni di soccorso in caso di calamità come i terremoti, hanno affermato i funzionari dell'agenzia.

Il programma, che richiederà circa 3.5 anni per essere completato, sta sollecitando le società private a contribuire ai suoi obiettivi, una parte della maggior parte della ricerca DARPA in fase iniziale. I funzionari dell'agenzia non direbbero quali aziende sono interessate o quanto denaro sarà previsto per il programma.

Matt Turek, un program manager della DARPA incaricato di guidare il programma, ha affermato che i suggerimenti degli algoritmi modellerebbero "umani altamente affidabili" che hanno esperienza nel triage. Ma saranno in grado di accedere alle informazioni per prendere decisioni oculate in situazioni in cui anche gli esperti più esperti rimarrebbero perplessi.

Ad esempio, ha affermato, l'IA potrebbe aiutare a identificare tutte le risorse di un ospedale vicino, come la disponibilità di farmaci, l'afflusso di sangue e la disponibilità di personale medico, per aiutare nel processo decisionale.

"Questo non si adatterebbe al cervello di un singolo decisore umano", ha aggiunto Turek. "Gli algoritmi dei computer possono trovare soluzioni che gli esseri umani non possono".

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Tratto da Technocracy News & Trends […]

[…] Tratto da Technocracy News & Trends […]

Freeland_Dave

Progetto Forbin o Wargames. Fai la tua scelta. Forse il dottor Stranamore? Ricorda solo gente, la "A" in "AI" sta per ARTIFICIALE, il che significa che non è reale. Quindi, "AI" significa essenzialmente "NON VERA INTELLIGENZA. “