Robot microscopici iniettabili potrebbero presto correre nelle vene

Per favore, condividi questa storia!
“Cosa dovrei fare, doc? Prendi due microrobot e chiamami domattina. " Il transumanesimo è l'ultima fusione della tecnologia con l'umano, e la spinta a farlo è inarrestabile. Il loro scopo finale è l'estensione della vita e poi l'immortalità, con una dose di onniscienza lungo la strada. ⁃ TN Editor

Gli scienziati hanno creato un esercito di microscopici robot a quattro zampe troppo piccoli per vedere ad occhio nudo che camminano quando stimolati da un laser e potrebbero essere iniettati nel corpo attraverso aghi ipodermici, secondo uno studio.

Si ritiene che la robotica microscopica abbia una serie di potenziali usi, in particolare in medicina, ei ricercatori statunitensi hanno affermato che i nuovi robot offrono "il potenziale per esplorare ambienti biologici".

Una delle principali sfide nello sviluppo di questi robot delle dimensioni di una cella è stata la combinazione di circuiti di controllo e parti mobili in una struttura così piccola.

I robot descritti nella rivista Nature sono larghi meno di 0.1 millimetri - circa la larghezza di un capello umano - e hanno quattro gambe alimentate da celle solari a bordo.

Sparando luce laser in queste celle solari, i ricercatori sono riusciti a far muovere le gambe, facendo camminare il robot.

Il coautore dello studio Marc Miskin, dell'Università della Pennsylvania, ha detto all'AFP che un'innovazione chiave della ricerca era che le gambe - i suoi attuatori - potevano essere controllate utilizzando l'elettronica al silicio.

"Cinquant'anni di contrazione dell'elettronica hanno portato ad alcune tecnologie straordinariamente piccole: è possibile costruire sensori, computer, memoria, tutto in spazi molto piccoli", ha detto. "Ma, se vuoi un robot, hai bisogno di attuatori, parti che si muovono."

I ricercatori hanno riconosciuto che le loro creazioni sono attualmente più lente di altri microbot che "nuotano", meno facili da controllare di quelli guidati dai magneti e non percepiscono il loro ambiente.

I robot sono prototipi che dimostrano la possibilità di integrare l'elettronica con le parti che aiutano il dispositivo a muoversi, ha detto Miskin, aggiungendo che si aspettano che la tecnologia si sviluppi rapidamente.

“Il prossimo passo è costruire circuiti sofisticati: possiamo costruire robot che percepiscono il loro ambiente e rispondono? Che ne dici di minuscole macchine programmabili? Possiamo renderli in grado di funzionare senza l'intervento umano? "

Miskin ha detto che prevede usi biomedici per i robot o applicazioni nella scienza dei materiali, come la riparazione di materiali su microscala.

"Ma questa è un'idea molto nuova e stiamo ancora cercando di capire cosa è possibile fare", ha aggiunto.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Sapere Audete

Nessuno ha bisogno di questo $ hit

CAWS

Dov'è Sarah Conner quando hai bisogno di lei? NON sarò assimilato!

Nick

È abbastanza per farti diventare un vasino nano!