Mercola: per prevenire tre morti, COVID Jab ne uccide due

Per favore, condividi questa storia!
In tempi normali, ogni singolo "vaccino" di terapia genica sarebbe stato interrotto settimane dopo il rilascio. Questi non sono tempi normali. Man mano che il golpe di Technocracy avanza, ogni resistenza, logica e buon senso viene messa da parte come bambole di pezza. Editor TN

Se ci fosse stato uno standard di sicurezza ragionevole in atto, la campagna di iniezione COVID sarebbe stata interrotta all'inizio di gennaio 2021. Il tasso di morte riportato per colpi COVID-19 ora supera il tasso di mortalità riportato di oltre 70 vaccini combinati negli ultimi 30 anni , ed è circa 500 volte più letale del vaccino contro l'influenza stagionale,1 che storicamente è stato il più pericoloso.

I colpi di COVID sono anche cinque volte più pericolosi del vaccino pandemico H1N1, che ha avuto un tasso di effetti collaterali gravi del 25 per milione.2,3 In un articolo sottoposto a revisione paritaria del 24 giugno 20214 nella rivista medica Vaccines, intitolata "The Safety of COVID-19 Vaccination - We Should Rethink the Policy", un team internazionale di scienziati avverte che stiamo uccidendo quasi tante persone con le vaccinazioni quante ne morirebbero per il COVID-19 stesso.

AGGIORNAMENTO: questo articolo sottoposto a revisione paritaria è stato ritirato. Perfavore guarda thread di Twitter per i dettagli.

Per ogni tre morti per COVID risparmiate, due muoiono per i Jab

Per confrontare i rischi e i benefici, hanno calcolato il numero necessario per vaccinare (NNTV) per prevenire un decesso da COVID-19. I dati provengono da un ampio studio sul campo israeliano e da due database di reazioni avverse ai farmaci, uno con l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e uno con il registro nazionale olandese.

Per prevenire un caso di COVID-19 usando l'mRNA sparato da Pfizer, la NNTV è compresa tra 200 e 700. La NNTV per prevenire un decesso è compresa tra 9,000 e 50,000, con 16,000 come stima puntuale.

Nel frattempo, il numero di persone che segnalano reazioni avverse agli scatti è di 700 ogni 100,000 vaccinazioni. Per gli effetti collaterali gravi, ci sono 16 segnalazioni ogni 100,000 vaccinazioni e il numero di effetti collaterali fatali è di 4.11 ogni 100,000 vaccinazioni.

Il calcolo finale suggerisce che per ogni tre decessi per COVID-19 evitati, due muoiono per gli spari. "Questa mancanza di chiari benefici dovrebbe indurre i governi a ripensare alla loro politica di vaccinazione", affermano in conclusione gli autori.

Capire che non tiene nemmeno conto del previsto bilancio delle vittime di gran lunga maggiore a causa del vaccino COVID in autunno, a causa del paradossale potenziamento immunitario. Questi numeri aumenteranno a rapporti scioccanti man mano che i decessi inizieranno ad aumentare in autunno.

Il tossicologo chiede la fine del programma di vaccinazione COVID COVID

Janci Chunn Lindsay, Ph.D., un eminente tossicologo e biologo molecolare che lavora con l'MD Anderson Cancer Center-Houston, afferma che l'attuale campagna di iniezione di COVID-19 è una "grande sperimentazione clinica" che utilizza la popolazione generale come soggetto e sta chiamando perché il programma finisca.

Lindsay, descritta dalla giornalista investigativa Jennifer Margulis come avente "una vasta esperienza nell'analisi del profilo molecolare delle risposte farmacologiche",5 ha detto al Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie che Pfizer e Moderna iniezioni di terapia genica hanno molteplici problemi di sicurezza e non devono essere somministrati a bambini o donne in età fertile.

Potete sentire il suo commento nel video qui sopra. Una trascrizione del suo commento di tre minuti può essere trovata su Algora.com.6

Ha sottolineato che "c'è una ragione credibile per credere che il Vaccini contro il covid reagirà in modo incrociato con la sincitina e le proteine ​​riproduttive negli spermatozoi, negli ovuli e nella placenta, portando a una ridotta fertilità e a esiti riproduttivi e gestazionali alterati", e che finora sono state riportate abbastanza perdite di gravidanza da giustificare l'interruzione dei vaccini. Lindsay dovrebbe saperlo, visto come ha lavorato su un vaccino negli anni '90 che inaspettatamente ha finito per causare sterilità permanente.

Margulis ha contattato Lindsay dopo l'incontro per vedere quali informazioni aggiuntive aveva che non le era permesso presentare a causa del limite di tempo di tre minuti. In una risposta scritta, Lindsay ha detto:7

"Ci sono forti prove per la fuga immunitaria e che l'inoculazione sotto pressione pandemica con questi vaccini che perdono sta guidando la creazione di mutanti più letali che stanno infettando di recente una fascia demografica di età più giovane e causando più decessi correlati al COVID in tutta la popolazione di quanto si sarebbe verificato senza intervento. Cioè, ci sono prove che i vaccini stanno peggiorando la pandemia”.

Proteina del picco legata all'infiammazione del cuore e molto altro

Il podcast, A Shot in the Dark, ha anche intervistato Lindsay per quasi un'ora sulle sue preoccupazioni, il 24 giugno 2021, che puoi ascoltare sopra.8 È importante sottolineare che le agenzie di regolamentazione e produttori di vaccini fingere di essere sorpreso che i colpi di COVID stiano causando l'infiammazione del cuore è completamente assurdo, poiché ci sono "centinaia di studi" che collegano le proteine ​​del picco di coronavirus a questo effetto.

Respinge anche l'affermazione che l'infiammazione del cuore in qualche modo colpisce solo i più giovani. Anche gli attacchi di cuore negli adulti sono un chiaro segno di questo effetto, dice. Inoltre, le prove cliniche fornitele da professionisti sanitari che stanno curando pazienti feriti da questi colpi suggeriscono che la proteina spike che il tuo corpo produce in risposta a loro ha effetti tossici sul midollo osseo.

In modo preoccupante, come molti altri, Lindsay afferma che ci sono prove che il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti sta eliminando le segnalazioni di effetti collaterali, in particolare decessi, dopo l'iniezione di COVID. Quindi, non solo il VAERS generalmente cattura solo l'1%9,10 al 10%11 di effetti collaterali, ma sembrano anche cancellare manualmente i rapporti.

I tumori cerebrali hanno sviluppato Jab post-COVID

Nelle notizie correlate, un caso clinico sottoposto a revisione paritaria12 pubblicato il 15 giugno 2021, esamina due casi neurochirurgici in cui i pazienti hanno sviluppato una nuova insorgenza di sintomi neurologici poco dopo i loro colpi di COVID. I due pazienti sono stati trovati per avere due diversi tipi di tumori cerebrali.

Gli autori sottolineano che anche se questi processi sono considerati "non correlati alla vaccinazione", la loro ipotesi è che i colpi di COVID "possano indurre una cascata infiammatoria con la capacità di scoprire la patologia sinistra sottostante".

Per questo motivo, raccomandano vivamente "un'attenta valutazione nel contesto dei sintomi neurologici di nuova insorgenza dopo la vaccinazione COVID-19". Naturalmente, per allora, sarà troppo tardi, quindi, secondo me, le persone devono considerare attentamente questi rischi prima di sottoporsi a questi colpi.

Il primo caso era una donna di 58 anni che otto anni prima aveva rimosso chirurgicamente il melanoma al braccio destro. Entro due settimane dalla sua seconda dose di iniezione di COVID-19, ha sviluppato eloquio confuso, abbassamento del viso sul lato sinistro e debolezza al braccio e alla gamba sinistra. La tomografia computerizzata (TC) della testa ha rivelato un'emorragia intraparenchimale di 3.4 centimetri nel lobo destro, causando uno spostamento di 3 millimetri nella linea mediana dei due lobi.

Non sono state riscontrate anomalie evidenti nelle sue analisi del sangue. La risonanza magnetica con mezzo di contrasto del cervello della donna ha inoltre rivelato una grande cavità emorragica nel lobo frontale destro e una massa emorragica. La biopsia chirurgica ha diagnosticato un melanoma maligno metastatico.

Il secondo caso era una donna di 52 anni con una storia di ipotiroidismo e cancro al seno. Circa quattro giorni dopo la sua prima dose di "vaccino" COVID, ha sviluppato un forte mal di testa, rigidità del collo e febbri intermittenti di alto grado.

L'imaging TC e la risonanza magnetica con mezzo di contrasto della testa hanno rivelato una massa di 5.8 cm nel corpo calloso. Non sono stati rilevati problemi evidenti nelle sue analisi del sangue. La biopsia ha rivelato che la massa era un glioblastoma di IV grado IDH wildtype. Secondo gli autori:13

“La somministrazione di questi vaccini non era correlata alle diagnosi oncologiche stesse. Tuttavia, entrambi questi due processi indipendenti sono venuti alla ribalta clinica dopo la vaccinazione. Ipotizziamo che la risposta infiammatoria al vaccino COVID possa aver giocato un ruolo nell'aumento dei sintomi clinici in questi pazienti, potenzialmente in relazione alla proteina spike COVID-19...

Sebbene il meccanismo preciso dell'infiammazione post-vaccinazione sia sconosciuto, è noto che le proteine ​​spike possono avviare cascate infiammatorie e attraversare la barriera emato-encefalica (BBB) ​​nelle infezioni da COVID-19.

È possibile che le proteine ​​spike codificate dopo la vaccinazione attraversino quindi la BBB e migliorino le risposte infiammatorie alla patologia nascente all'interno del cervello dopo la somministrazione del vaccino.

Riteniamo che una risposta infiammatoria aumentata a seguito della vaccinazione abbia richiamato l'attenzione su queste malattie neuro-oncologiche esacerbando l'edema peritumorale e peggiorando i sintomi clinici».

Il CDC nasconde le infezioni da COVID rivoluzionarie

VAERS non è l'unico luogo in cui i dati vengono manipolati per nascondere i problemi associati agli scatti COVID. Il CDC sta anche manipolando la sua raccolta di dati e la segnalazione di casi rivoluzionari, ovvero persone che contraggono COVID-19 dopo essere state parzialmente o completamente "vaccinate", per far sembrare i colpi più efficaci di quanto non siano in realtà. In un articolo di Trial Site News del 24 giugno 2021, Joel Hirschhorn scrive:14

"Quanto funziona davvero l'immunità artificiale fornita dai vaccini sperimentali COVID per proteggere le persone dall'infezione? La risposta è rivelata dal numero di infezioni "rivoluzionarie" che si sviluppano due settimane o più dopo la vaccinazione completa. Ma possiamo fidarci del governo federale per raccogliere dati completi su di loro? Ora, la risposta è NO".

Originariamente, i laboratori consigliati dal CDC utilizzano una soglia del ciclo PCR (CT) di 4015 durante il test per l'infezione da SARS-CoV-2. Questo, nonostante fosse noto che i CT superiori a 35 creassero un tasso di falsi positivi del 97% o più.16 Utilizzando una TC esagerata, si è ritenuto che le persone sane avessero il COVID-19. La frode pandemica è stata ulteriormente sostenuta dalla falsa affermazione che portatori asintomatici erano responsabili di gran parte della diffusione.

Ora, in quello che sembra essere un chiaro sforzo per nascondere i casi rivoluzionari di COVID-19, il CDC ha abbassato considerevolmente il CT, da 40 a 28 o meno17 — quando si testano individui "vaccinati". Quindi, poiché gli individui vaccinati contraggono la malattia, ora è molto meno probabile che si registrino come casi positivi.

Ma non è tutto. Per aumentare ulteriormente l'aspetto dell'efficacia del vaccino, il CDC non registrerà più infezioni lievi o asintomatiche negli individui vaccinati come "casi COVID".

Gli unici casi che ora contano come casi COVID - se il paziente è stato vaccinato contro COVID-19 - sono quelli che provocano il ricovero in ospedale o la morte.18 Nel frattempo, se non sei vaccinato e hai un caso lieve, o se sei positivo a una TC più alta e non hai sintomi, conteggi comunque come un caso COVID.

Al 30 aprile 2021, il CDC aveva ricevuto un totale di 10,262 segnalazioni di infezioni da vaccino pionieristico,19 che ha ammesso essere un "sostanzialmente sottostimato", poiché stanno utilizzando un sistema di sorveglianza passiva che si basa su segnalazioni volontarie da parte dei dipartimenti sanitari statali.20 Il 17 maggio 2021, tale numero è stato ridotto a 1,949, con l'entrata in vigore delle nuove linee guida.

Purtroppo, i casi di svolta continuano ad accumularsi rapidamente, anche con le regole di segnalazione più permissive. Entro il 21 giugno 2021, il CDC ha riportato 4,115 casi di rottura con conseguente ricovero in ospedale e/o morte.21

COVID Shot aumenta la tua suscettibilità alla morte COVID

Come notato da Hirschhorn,22 diversi medici stanno ora segnalando che la maggior parte dei casi COVID-19 che vedono sono individui completamente vaccinati. Il dottor Harvey Risch di Yale, ad esempio, sostiene che il 60% del suo carico di casi di COVID sia completamente vaccinato.23 Questa osservazione clinica è in netto contrasto con ciò che leggerete nelle notizie mainstream. Ultimamente, è stata pubblicata una sfilza di articoli che dichiarano che la maggior parte dei decessi per COVID si verificano in persone non vaccinate.

I dati del Regno Unito mostrano anche che le persone vaccinate sono significativamente aumento del rischio di morte per la variante Delta di SARS-CoV-2 rispetto a quelli non vaccinati, il che suggerisce miglioramento dipendente dagli anticorpi (ADE) potrebbe essere in gioco.

Un rapporto dell'11 giugno 202124 di Public Health England mostra che come paziente ospedaliero, hai quasi sei volte più probabilità di morire della variante COVID Delta se sei completamente vaccinato, rispetto a se non hai ricevuto alcuna vaccinazione COVID. Le informazioni sono mostrate nella Tabella 6 a pagina 15, che elenca le cure di emergenza e i decessi per stato vaccinale e casi confermati Delta dal 1 febbraio 2021 al 7 giugno 2021.

Dei 33,206 casi di variante Delta ricoverati in ospedale, 19,573 non sono stati vaccinati. Di questi, 23 (0.1175%) sono morti. Ma dei 13,633 pazienti che sono stati vaccinati con una o due dosi, 19 (0.1393%) sono morti, con un tasso di mortalità del 18.6% superiore rispetto ai pazienti non vaccinati.

Sette dei 5,393 pazienti che avevano ricevuto una dose 21 giorni o più prima del ricovero sono morti (0.1297%). Dei 1,785 pazienti che avevano ricevuto entrambe le dosi di vaccino 14 giorni o più prima del ricovero, 12 (0.6722%) sono morti. Questo tasso di mortalità è 5.72 volte superiore a quello dei pazienti non vaccinati. Per mettere questo in prospettiva, se tutti i 33,206 pazienti fossero stati completamente vaccinati, ci sarebbero stati 223 decessi invece di 42.

I colpi di COVID sono chiaramente molto più rischiosi di quanto pubblicizzato

Come notato in un articolo del Wall Street Journal del 22 giugno 2021,25 mentre il VAERS non può dirci se i colpi sono stati causali in un dato rapporto sugli effetti collaterali, quando vedi gruppi di rapporti che formano una tendenza, è tempo di indagare.

Quattro effetti avversi gravi attualmente di tendenza sono la trombocitopenia (basso numero di piastrine), la miocardite non infettiva (infiammazione del cuore), specialmente nei soggetti sotto i 30 anni, la trombosi venosa profonda e la morte.26

Perché tali effetti siano tollerabili, anche se rari, il vaccino (o il farmaco) dovrebbe essere assolutamente cruciale per la sopravvivenza. Tuttavia, non è il caso del COVID-19, che ha un tasso di letalità alla pari dell'influenza stagionale per tutti tranne gli anziani e i più fragili. Il vaccino dovrebbe anche essere un vero vaccino, qualcosa che fornisca immunità. Nemmeno le iniezioni di terapia genica per il COVID-19 fanno questo.

Nel complesso, è chiaro che morti e feriti da questi colpi vengono nascosti sotto il tappeto e non possiamo permettere che ciò continui. Dobbiamo continuare a spingere per la trasparenza, l'onestà e la responsabilità.

Se ti sei perso la mia intervista con il Dr. Vladimir Zelenko, ti incoraggio ad ascoltarla ora. In esso, esaminiamo i protocolli che puoi utilizzare per proteggere te stesso, la tua famiglia o coloro che ami che ora si pentono di aver ricevuto il vaccino COVID.

Se hai ottenuto il colpo e stai soffrendo di effetti collaterali, per favore segnalalo al VAERS. Nel video qui sotto, la cofondatrice del National Vaccine Information Center, Barbara Loe Fisher, discute l'importanza di presentare un rapporto se il medico non lo farà e le informazioni che dovrai fornire.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

Tutto questo va oltre la comprensione. Non riesco proprio a pensarci. Molte persone che conosco hanno avuto entrambi i colpi. Li osservo pensando che avranno dei veri effetti negativi. Forse non diranno come si sentono. Mi chiedo seriamente se questi che hanno ricevuto i colpi siano pericolosi per noi che non lo sono. Non fate mai da loro una trasfusione di sangue, ma sarà impossibile sapere come chi ha l'aids nel nostro stato è ancora in grado di donare il sangue perché è ingiusto eliminarli dalla pozza di sangue. Non ci vorrà molto... Per saperne di più »

Elle

Nient altro da dire. Questa era un'informazione molto chiara.

TruthSeeker Jack

Nuova piattaforma di social media indipendente: http://www.twpter.com/user/?at=Quoteman&scid=2021-0705-1327-1801-v-Quoteman
Unisciti oggi! Nessuna censura sulla libertà di parola protetta, nessuna pubblicità, nessuna informazione dell'utente raccolta o venduta, non chiediamo nemmeno un indirizzo e-mail o un numero di telefono. 

John Laurenson

Supponendo che quanto sopra sia vero e che ci siano più rischi che benefici, perché non viene posta questa domanda? Perché la grande spinta di Big Pharma e del nostro governo marxista per iniettare a tutti questa proteina che altera il gene, approvata solo per emergenza dalla FDA.

Che ne dici di questo per una risposta... se le persone che sono già state iniettate con una proteina sperimentale che altera il gene iniziano a ammalarsi di un'altra forma di Covid o si ammalano dall'iniezione stessa, sarà difficile evitare che non sia causato dall'iniezione , se tutti non vengono iniettati. 

Solo un pensiero…..

[…] L'Oregon potrebbe usare la Guardia Nazionale per le domande COVID porta a porta Coloro che muoiono dopo il vaccino: dove sono le autopsie? Chirurgo che ha operato una giovane vittima italiana del vaccino: 'Non hai mai visto niente di simile' Mercola: per prevenire tre morti, COVID Jab uccide due […]

Greg

Questo video ti darà spunti di riflessione. Secondo il medico in primo piano i nuovi test mostrano che: -
1. Abbiamo già l'immunità di gregge.
2. Siamo già resistenti a SARS-Cov-2 a causa di precedenti contatti con questa famiglia di virus.
3. I vaccini sono quindi inutili e possono essere estremamente pericolosi, in particolare se vengono ricevuti due colpi.

https://21stcenturywire.com/2021/07/10/professor-sucharit-bhakdi-new-evidence-on-sars-cov-2/