Mercola: oltre 200,000 sono morti per COVID Jab

vaccino
Per favore, condividi questa storia!
I tecnocrati hanno così confuso i dati attraverso statistiche contorte e illogiche, che è molto difficile tagliare il disordine per capire esattamente cosa sta succedendo. Questo rapporto fornisce una visione chiara dei danni causati dalle iniezioni di terapia genica con mRNA e chiede l'interruzione immediata della distribuzione pubblica. Editor TN

STORIA IN BREVE

> Finora, il CDC non ha determinato che la morte sia stata causata direttamente dall'iniezione di COVID, ma ciò non significa che le iniezioni non abbiano ucciso nessuno. I calcoli che utilizzano i dati VAERS suggeriscono che i colpi di COVID hanno provocato 212,000 morti in eccesso negli Stati Uniti

> Si stima che 300,000 americani abbiano subito una disabilità permanente a causa dei colpi di COVID e da 2 a 5 milioni potrebbero aver subito reazioni avverse

> Se hai meno di 50 anni, il tuo rischio di morire per il vaccino è maggiore della tua possibilità di morire per COVID-19

> Il Dr. Peter Schirmacher, capo patologo dell'Università di Heidelberg, riconosciuto come uno dei 100 migliori patologi al mondo, ha eseguito l'autopsia su 40 pazienti morti entro due settimane dall'iniezione di COVID e ha riscontrato dal 30% al 40% dei le morti sono state definitivamente dovute allo sparo

> Un importante neurologo afferma di avere 2,000 lesioni da vaccino segnalabili nel 2021, rispetto a zero negli ultimi 11 anni. In tutto, il 5% dei suoi pazienti esistenti ora ha sospettato lesioni da vaccino, ma ha presentato solo due rapporti VAERS a causa della complessità della presentazione

Ieri, 8 ottobre 2021, ho pubblicato un'intervista esclusiva Highwire con Deborah Conrad, un'assistente medica che sta denunciando le lesioni da jab COVID e il fatto che queste lesioni vengono riportate raramente a causa di un design difettoso del database VAERS.

Oggi ti aspetta un altro video bomba: "I segreti dei vaccini: crisi COVID". È il primo episodio di "The False Narrative Takedown Series", prodotto da Steve Kirsch, direttore esecutivo del COVID-19 Early Treatment Fund.

"Vaccine Secrets" integra e supporta tutto ciò che Conrad ha condiviso nella sua intervista, quindi consiglio vivamente di salvare questi file sul tuo computer e guardarli entrambi. Entrambi sono disponibili su Bitchute.

Quanti sono morti a causa del COVID Jab?

Secondo Kirsch, gli spari di COVID hanno già ucciso circa 200,000 americani, un numero di gran lunga superiore ai 15,386 decessi segnalati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti al 17 settembre 2021.1 Puoi trovare tutte le ricerche per l'Episodio 1 della serie "False Narrative Takedown" su SKirsch.io/vaccine-resources.2

Come notato da Kirsch, il direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, la dott.ssa Rochelle Walensky, afferma che non è stato trovato alcun nesso causale per nessuno di questi decessi. Non sta mentendo, di per sé. Ma non dice nemmeno tutta la verità.

Finora, il CDC non ha determinato che la morte sia stata causata direttamente dal colpo di COVID, ma ciò non significa che le iniezioni non abbiano ucciso nessuno. In questo episodio, Kirsch si propone di determinare se esistono prove di causalità e, in tal caso, quale sarà probabilmente il numero effettivo delle vittime.

I dati VAERS possono dimostrare la causalità?

La grande disconnessione, sottolinea Kirsch, è che il CDC insiste sul fatto che il VAERS, in quanto sistema di allerta precoce, non può provare (o confutare) la causalità. Kirsch sostiene che questo è falso. L'idea che il VAERS non possa mostrare la causalità fa parte di come e perché il CDC può affermare che nessuna delle morti è attribuibile al colpo di COVID.

Per dimostrare il suo punto, Kirsch fornisce la seguente analogia: supponiamo di somministrare un vaccino a due dosi. Dopo la prima dose, non succede nulla, ma dopo la seconda dose, le persone muoiono entro 24 ore da una trombosi venosa profonda (TVP). Quando guardi i dati VAERS, quello che troveresti non sono segnalazioni associate alla prima dose e un'eruzione di decessi dopo la seconda dose, e tutte nello stesso lasso di tempo e con la stessa causa di morte.

Secondo il CDC, non è possibile attribuire alcuna causalità a ciò. Per loro, è solo una possibilità casuale che tutti siano morti dopo la seconda dose, e per la stessa condizione, e non per la prima dose o per un'altra condizione.

Kirsch sostiene che la causalità PU essere identificata da questo tipo di dati. È molto difficile trovare un'altra spiegazione del motivo per cui le persone muoiono esattamente 24 ore dopo la seconda dose.

Ad esempio, è ragionevole presumere che le persone con, diciamo, malattie cardiache non diagnosticate muoiano esattamente 24 ore dopo aver ricevuto una seconda dose di vaccino? O che le persone con diabete non diagnosticato morirebbero esattamente 24 ore dopo la seconda dose?

Perché non dopo la prima dose, o due mesi dopo la seconda dose, o qualsiasi altro numero casuale di ore o giorni, o per altre cause casuali di morte? Perché le persone dovrebbero morire casualmente della stessa condizione nello stesso momento, più e più volte?

Il programma vaccinale deve essere interrotto immediatamente

Secondo Kirsch, il programma di vaccinazione dovrebbe essere immediatamente interrotto, poiché i dati VAERS suggeriscono che più di 200,000 americani sono già morti e più di 2 milioni sono stati gravemente feriti dai vaccini. È interessante notare che Kirsch e tutta la sua famiglia hanno preso il vaccino contro il COVID all'inizio, quindi non viene da una posizione "anti-vax".

La fine delle vaccinazioni non significherebbe un disastro in termini di consentire al COVID-19 di dilagare, poiché ora sappiamo che esistono protocolli di trattamento precoce sicuri ed efficaci che tutti possono utilizzare, sia a casa che in ospedale. Questi trattamenti funzionano anche per tutte le varianti.

Secondo Kirsch, il CDC, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti e il National Institutes of Health stanno tutti "diffondendo disinformazione sul vaccino rispetto al trattamento precoce". In poche parole, queste agenzie stanno dicendo l'esatto contrario di ciò che è vero: il classico doppio linguaggio orwelliano.

Sostengono che i colpi di COVID siano sicuri ed efficaci, quando i dati mostrano che non lo sono né l'uno né l'altro, e dicono che non esiste un trattamento precoce sicuro ed efficace, il che è chiaramente falso. Allo stesso tempo, le nostre libertà mediche vengono spogliate sotto le spoglie della salute pubblica, il tutto mentre un immenso numero di morti si verifica davanti ai nostri occhi.

Kirsch è così sicuro delle sue analisi che ha offerto una sovvenzione accademica di 1 milione di dollari a chiunque possa dimostrare che la sua analisi è viziata di un fattore quattro o più. Finora nessuno si è fatto avanti per reclamare il premio. Ha persino offerto 1 milione di dollari a qualsiasi funzionario disposto ad avere semplicemente un dibattito pubblico con lui sui dati, e nessuno ha accettato la sfida.

Come notato da Kirsch, "abbiamo sostituito i dibattiti come un modo per risolvere i disaccordi scientifici ... con la censura e l'intimidazione guidate dal governo". Le raccomandazioni mediche ora sono guidate anche dalla Casa Bianca piuttosto che da esperti medici e medici stessi.

Panoramica delle false narrazioni

In questo episodio, Kirsch passa attraverso cinque false narrazioni sulla sicurezza del jab COVID, vale a dire che:

  1. Gli scatti sono sicuri ed efficaci
  2. Nessuno è morto per il colpo di COVID
  3. Non è possibile utilizzare VAERS per determinare la causalità
  4. La proteina spike SARS-CoV-2 è innocua
  5. Solo pochi eventi avversi sono associati alle iniezioni e sono tutti “lievi”

Esamina anche le cinque false narrazioni su quali sono le soluzioni:

  1. I vaccini sono l'unico modo per porre fine alla pandemia
  2. Sono quindi necessari mandati di vaccino
  3. Le maschere funzionano
  4. I primi trattamenti non funzionano
  5. L'ivermectina è pericolosa

Il colpo di COVID uccide cinque volte più persone di quante ne salva

Kirsch cita le informazioni del Dr. Peter Schirmacher, capo patologo dell'Università di Heidelberg, riconosciuto come uno dei 100 migliori patologi al mondo.

Schirmacher ha fatto autopsie su 40 pazienti che sono morti entro due settimane dal loro vaccino COVID e ha scoperto che dal 30% al 40% di loro erano definitivamente dovuti all'iniezione, poiché non c'era altra patologia sottostante che avrebbe potuto causare la morte. Ora, non ha escluso che il 100% delle morti possa essere stato causato dagli spari. Semplicemente non poteva provarlo in modo conclusivo.

C'è anche lo studio di sei mesi di Pfizer, che ha incluso 44,000 persone. Durante il periodo in cieco dello studio, i decessi sono stati quasi pari: 15 decessi nel gruppo vaccinato e 14 nel gruppo di controllo. Quindi, una vita è stata salvata dallo sparo.

Ma poi, dopo che lo studio è stato svelato e ai controlli è stato offerto il vaccino, altri tre del gruppo vaccinato originale sono morti insieme a due destinatari originali del placebo che hanno optato per l'iniezione. Nessuna di queste morti è stata considerata correlata al "vaccino" Pfizer, ma nessuno sa per cosa siano effettivamente morte.

Quindi, il conteggio finale è stato di 20 morti nel gruppo vaccinato e 14 morti nel gruppo di controllo. Ciò che questo ci dice è che il colpo Pfizer non offre alcun beneficio di mortalità per tutte le cause. Il colpo ha salvato una vita e ne ha uccise sei, il che ci dà un tasso di mortalità netto negativo. La realtà è che cinque volte più persone vengono uccise dallo sparo di quante ne vengano salvate.

Come calcolare la mortalità in eccesso

Nel video, Kirsch spiega come chiunque può calcolare il numero di morti per colpi di COVID utilizzando i dati VAERS. Quello che stiamo guardando qui sono morti in eccesso, non morti di fondo di persone che sarebbero morte per una causa naturale, come la vecchiaia, comunque. In sintesi, questo viene fatto da:

  1. Determinazione della propensione a segnalare
  2. Determinazione del numero di decessi domestici nel database VAERS
  3. Determinazione del fattore di sottosegnalazione per eventi gravi
  4. Determinazione del tasso di mortalità di base, ovvero tutti i decessi segnalati al VAERS per anno
  5. Calcolo del numero di morti in eccesso

Infine, convaliderai i tuoi risultati utilizzando metodi indipendenti o confrontandoli con ciò che altri hanno trovato. Istruzioni dettagliate e calcoli sono disponibili nel documento denominato "Stima del numero di decessi da vaccino in America. "3

Più di 200,000 sono stati probabilmente uccisi dai Jabs

Tra la documentazione sul suo sito Web e il video, si ottiene una comprensione dettagliata e approfondita di come farlo e di come Kirsch è giunto alle conclusioni tratte. Qui, fornirò semplicemente un riepilogo riassuntivo dei calcoli e delle conclusioni di Kirsch:

  1. Propensione alla segnalazione = come negli anni precedenti
  2. Numero di decessi domestici nel database VAERS = 6,167 al 27 agosto 2021
  3. Fattore di sottosegnalazione per eventi gravi = 41 (ovvero, per ogni 41 eventi ne viene segnalato solo uno)
  4. Tasso di mortalità VAERS di fondo = 500 all'anno (questo numero di decessi di fondo verrà sottratto due volte, poiché la maggior parte dei destinatari del vaccino COVID sta ricevendo due dosi. Questo ci dà una stima molto prudente)
  5. Calcolo delle morti in eccesso = (6,167 – 2 x 500) x 41 = 212,000 morti in eccesso

Utilizzando gli stessi metodi di calcolo, Kirsch stima prudentemente che più di 300,000 americani siano stati disabilitati in modo permanente a causa dei colpi di COVID. Queste stime sono state convalidate da quattro team di ricercatori utilizzando altri metodi. (Nessuno di loro ha utilizzato dati VAERS.)

Kirsch dimostra anche un altro calcolo per mostrare che i colpi di COVID uccidono più persone rispetto all'effettiva infezione da COVID-19. Questo calcolo mostra anche che se hai meno di 50 anni, il tuo rischio di morire per il vaccino è maggiore della tua possibilità di morire per COVID-19, quindi non ha senso dal punto di vista del rapporto rischio-beneficio per ottenere il vaccino se hai meno di 50 anni.

Inoltre, poiché il rischio di infezione naturale diminuisce esponenzialmente nel tempo (con l'aumento dell'immunità naturale del gregge, la probabilità di infezione si dimezza circa ogni anno), i rischi del vaccino COVID superano rapidamente qualsiasi potenziale beneficio con il passare degli anni.

Esempi di eventi avversi

Kirsch ha anche analizzato gli eventi avversi per sintomo, calcolando la velocità con cui si verificano dopo i colpi di COVID rispetto al tasso medio osservato per tutti gli altri vaccini combinati dal 2015 al 2019 per le età da 20 a 60 anni. Ecco un campione:4

L'embolia polmonare si verifica a un tasso 473 volte superiore al normale tasso di incidenza (ovvero, se in VAERS è stato riportato un evento di embolia polmonare in media per tutti i vaccini, ci sono stati 473 eventi a seguito di un'iniezione di COVID)Corsa, 326 volte superiore
Trombosi venosa profonda 264.3 volte superioreAppendicite 145.5 volte superiore
Morbo di Parkinson 55 volte più altoCecità 29.1 volte maggiore
Sordità 44.7 volte superioreMorte 58.1 volte superiore

È interessante notare che la causa di morte più comune nei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni che hanno ricevuto il vaccino COVID è stata l'embolia polmonare. Ciò è stato determinato dal Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) del CDC dopo aver analizzato la morte di 14 bambini. Coincidenza? O prove di causalità?

Aneddoti e altri dati coerenti con un alto tasso di mortalità

Kirsch cita anche dati aneddotici che possono darci indizi su cosa sta succedendo. Un importante neurologo afferma di avere 2,000 lesioni da vaccino segnalabili nel 2021, rispetto a zero negli ultimi 11 anni.

In tutto, il 5% dei suoi pazienti esistenti ora ha sospettato lesioni da vaccino. Eppure questo neurologo ne ha segnalati solo due, perché era così frustrata dal sistema VAERS. Quindi, in questo caso, il tasso di sottosegnalazione non è 41, ma 1,000. E non è sola. Questa è un'altra classica illustrazione del mondo reale di ciò in cui ha condiviso la PA Deborah Conrad articolo di ieri.

Il medico canadese Dr. Charles Hoffe ha anche riferito che il 60% dei suoi pazienti colpiti da COVID ha livelli elevati di D-dimero, che è indicativo di coagulazione del sangue, e in molti casi i livelli sono rimasti elevati fino a tre mesi.

Anche questa è una prova di causalità, perché il tuo livello di D-dimero è un marker per la coagulazione del sangue. Anche se non hai evidenti sintomi di coagulazione, può indicare la presenza di microcoaguli. Hoffe ne parla nel video qui sotto.

Il Dr. Peter McCullough ha anche riferito che i livelli di troponina sono elevati in molti pazienti vaccinati. La troponina è un marcatore di danni cardiaci, come quando si ha un infarto o una miocardite (infiammazione del cuore). Un livello compreso tra 1 e 4 è indicativo di un attacco cardiaco acuto o recente. In caso di grave infarto, la troponina può rimanere elevata per cinque giorni.

In molti pazienti che hanno ricevuto il vaccino COVID, il livello di troponina è compreso tra 35 e 50 (!) e rimane a quel livello fino a due mesi, il che suggerisce che si sta verificando un danno enorme al cuore. Eppure questo è ciò che vengono regolarmente etichettati come miocardite "lieve". Non c'è assolutamente niente di lieve in questo livello di danno cardiaco.

Nessun tasso di lesioni o morte è troppo alto

Incredibilmente, non sembra esserci un tetto al di sopra del quale il numero di morti e disabilità è considerato troppo grande. Perché la FDA e il CDC non sono preoccupati per la sicurezza quando sono stati presentati più di mezzo milione di segnalazioni di effetti collaterali? Come mai quasi 15,000 decessi segnalati?5 non hanno fatto scattare allarmi di emergenza e approfondimenti? Storicamente, 50 decessi sono stati il ​​punto limite al quale viene ritirato un vaccino.

Considerando i rischi senza precedenti di questi colpi, ti esorto a rivedere quanti più dati possibile prima di saltare sul carro del booster. Sulla base di tutto ciò che ho visto, credo che il rischio di effetti collaterali aumenterà in modo esponenziale con ogni dose.

Se hai bisogno di un aggiornamento sui potenziali meccanismi di danno, scarica e leggi l'eccellente documento di Stephanie Seneff,6 "Peggio della malattia: revisione di alcune possibili conseguenze indesiderate dei vaccini mRNA contro COVID-19", pubblicato sull'International Journal of Vaccine Theory, Practice and Research in collaborazione con il Dr. Greg Nigh.

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
10 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
elle

I dati non sono sorprendenti né lo è la smentita del CDC e dei totalitari che sostengono. La loro narrazione è falsa, lo sappiamo tutti e lo abbiamo saputo. Questo periodo storico sarà ricordato come il regime omicida del Covid Lie Cult. Senza dubbio. Gli autori occuperanno spazio con Hitler, et al. Eppure, la popolazione che continua a mettere la testa sotto la sabbia, la Fear Class, prende il tiro in uno stordimento di compiacenza senza ricercarne gli effetti. Fortunatamente, alcuni si stanno risvegliando e altri lo faranno. Ci vogliono anni per raggiungere tali individui. La loro immersione nella paura... Per saperne di più »

Ultima modifica 15 giorni fa di elle
Mari

Così tante persone in America sembrano non pensare a nulla di prendere più iniezioni e darle ai loro figli anche senza alcuna domanda o anche un "no" piatto o una domanda su cosa c'è in loro prima di accettarle. Prendono anche numerosi farmaci e vanno da "medici" o ospedali per ogni piccola cosa invece di seguire uno stile di vita sano e ingrassare incredibilmente😲
Non preoccuparti... il resto del mondo sta rapidamente seguendo l'esempio, in una certa misura, anche credendo in questa 'pandemia'😒

Erik Nielsen

Visto da un punto di vista elitario questo è ancora nella categoria < 0,5%, e anche se raggiungiamo il 10% di morti o feriti gravi siamo ancora 7,2 miliardi di persone rimaste sul "pianeta sovrappopolato".

So che è difficile perdere lo zio ei propri amici, ma ricorda quello che ha detto il nostro presidente Nixon: "Pensa in grande Kissinger, pensa in grande".

sto solo dicendo

Kissinger è un nemico del popolo!

sto solo dicendo
RONALD REGNIER

nessuna comorbilità, età inferiore a 55 anni, poco rischio che il covid ti faccia seriamente del male……..”Visto da un punto di vista d'élite questo è ancora nella categoria < 0,5%" esattamente il caso del covid, quindi non c'è bisogno di fare grandi pharma tanto più ricco di iniezioni che hanno SOLO autorizzazione all'uso in emergenza, corsa estrema al rilascio ………che interessante, stai usando la stessa logica che avrebbe dovuto essere sempre applicata a questa situazione covid con tasso di sopravvivenza superiore al 99% (più alto leggermente inferiore a seconda su esperto)

Greg

Se la causalità non può essere determinata dall'analisi dei record pubblicati nel database VAERS, qual è il punto? Questo è solo un altro argomento fasullo del sindacato criminale noto come CDC - Covid Death Cult. Loro SANNO, ma non gli importa.

Greg

Ora siamo nell'era della pseudo-scienza. La teoria non provata del cambiamento climatico antropogenico è un altro esempio in cui a nessuno è permesso di mettere in discussione le dichiarazioni dei sommi sacerdoti del cambiamento climatico e, se lo fanno, vengono rimproverati, de-piattaformati, derisi e presentati come irritabili ed eccentrici. E ancora una volta, i media hanno abrogato ogni responsabilità per la ricerca dei fatti (dal momento che fino ad oggi NESSUNA previsione del cambiamento climatico si è dimostrata corretta) e umilmente blaterò la narrativa ufficiale come pecore morte. Credo fermamente che il vero metodo scientifico sia stato buttato via e ciò che ci rimane è... Per saperne di più »

[…] >Ora sono morti oltre 200,000 per COVID Jab […]

milza

False narrazioni, i test funzionano. I test non funzionano, sono inutili per il rilevamento del virus e impostati a velocità di amplificazione del ciclo che risultano in falsi positivi per impostazione predefinita. Gli standard di attribuzione sono fraudolenti. Non sono necessari vaccini O "cure". https://www.unite4truth.com//post/government-data-destroys-public-official-covid-claims-covid-19-deaths-cases-hospitalization