Mandati della maschera legati all'aumento dei tassi di mortalità per COVID

Per favore, condividi questa storia!
Technocracy News & Trends ha pubblicato uno dei primissimi avvertimenti sui pericoli delle maschere facciali l'11 maggio 2020. L'autore, il dottor Russell Blaylock, è stato ridicolizzato dalla comunità pseudoscientifica e dai media. Per vedere le testimonianze dei genitori sui danni arrecati ai bambini costringendoli a indossare maschere, vedere https://www.NoMasksForKids.com.

Ora che la vera scienza ha convalidato il danno causato da stupidi mandati di maschere, questi risultati dovrebbero essere distribuiti a ogni singola attività commerciale, ristorante, studio medico, ecc., Che richiedeva maschere per l'ingresso, dicendo loro se dovessero fare di nuovo una cosa così stupida che saranno accusati di un minimo di aggressione e pericolo sconsiderato. ⁃ Editore TN

STORIA IN BREVE

> I dati del Kansas mostrano che le contee con mandato di maschera avevano un tasso di mortalità più elevato rispetto alle contee senza mandato di maschera; altri due grandi studi hanno trovato risultati simili, uno che ha raccolto dati solo in Europa e l'altro da 69 paesi

> Secondo uno studio all'inizio del 2021, le maschere facciali aumentano l'inalazione quotidiana di microplastiche; un altro studio pubblicato nell'aprile 2022 ha rilevato microplastiche simili a quelle utilizzate nelle maschere per il viso nel tessuto polmonare prelevato durante l'intervento chirurgico. Alcuni sono stati trovati nelle parti più profonde del polmone

> I dati mostrano che le maschere possono raccogliere agenti patogeni resistenti agli antibiotici e innescare un gruppo di sintomi chiamato sindrome da esaurimento indotto dalla maschera (MIES) che ha un impatto negativo sul sistema immunitario e provoca ritenzione di anidride carbonica, irritazione della pelle, mal di testa, difficoltà respiratorie e diminuzione della capacità cardiopolmonare

> È fondamentale che i dati accurati vengano raccolti e comunicati per fornire una solida base per lo sviluppo delle politiche pubbliche locali prima che la prossima pandemia crei uno scenario in cui i funzionari del governo tentino di imporre il mascheramento e il blocco

Fiona Lashells è una bambina di 8 anni che vive in Florida. Ha fatto il locale1 e notizie nazionali2 quando è stata sospesa 38 volte scandalosamente per aver difeso il suo diritto di fare qualcosa che non è supportato da dati o scienza in un sistema scolastico: indossare una maschera.

Il New York Post ha descritto Lashells come uno "studente recalcitrante",3 che a quanto pare conosceva ed esercitava i suoi diritti meglio della maggior parte degli altri. 30 luglio 2021, il governatore della Florida Ron DeSantis4 ha emesso un ordine esecutivo che stabilisce che i distretti scolastici non possono richiedere agli studenti di indossare maschere. Tuttavia, a dispetto dell'autorità, il distretto scolastico della contea di Palm Beach, dove vive Lashells, ha ripristinato il mandato della maschera.5

Dopo che l'ordine esecutivo di DeSantis è stato emesso, la madre di Lashell le ha detto che non doveva indossare la maschera per il prossimo anno scolastico. Lashell si era lamentato della stanchezza per aver indossato la maschera durante l'ultimo anno scolastico. All'inizio, le è stato chiesto di pranzare da sola nel corridoio fuori dall'ufficio di un amministratore. Presto iniziarono le sospensioni scolastiche, seguite rapidamente da sospensioni extrascolastiche.

Dopo 38 sospensioni, il distretto scolastico ha abrogato il mandato di mascherine l'8 novembre 2021. Dalla bocca di un bambino di 8 anni sono uscite queste parole: “Non indosso una mascherina perché la tocchi e hai i germi mano. E poi te lo metti in faccia e inspiri tutti i germi”.6

L'obbligo di mascherine per i bambini delle scuole è stata una mossa pubblica senza precedenti che non è stata convalidata scientificamente. Invece, dati CDC7,8 mostrare che i bambini delle scuole hanno il minor rischio dal virus e dai dati nazionali9 raccolti prima della pandemia mostrano che i bambini che sperimentano rischi relazionali e sociali hanno una probabilità quattro volte maggiore di avere problemi mentali, emotivi o comportamentali.

In altre parole, il governo ha imposto le mascherine a una popolazione che ha avuto il minor rischio di malattia e il più grande rischio a lungo termine dall'indossare la maschera. Diverse riviste hanno finalmente iniziato a pubblicare i dati raccolti durante la pandemia, rivelando che mentre l'efficacia della prevenzione è minima o non evidente,10 indossare maschere aumenta il rischio di morte se ti ammali.11

Il tasso di mortalità aumenta nelle contee con mandato di maschera

Il medico tedesco Dr. Zacharias Fögen12 non ha trovato prove pubblicate che il mascheramento possa ridurre efficacemente la gravità della malattia o avere un'influenza sulla mortalità.

Fögen ha utilizzato i dati demografici dello stato del Kansas per eseguire un'analisi a livello di contea confrontando le contee che obbligavano a indossare la maschera e quelle che non lo facevano. I dati hanno suggerito che l'uso di una maschera potrebbe rappresentare una minaccia maggiore per l'utente, rendendolo un "intervento epidemiologico discutibile".13

Il tasso di mortalità nelle contee in cui erano obbligatorie le maschere era superiore dell'85%. Dopo un'analisi che ha tenuto conto dei fattori confondenti, il tasso di mortalità è rimasto del 52% più alto nelle contee che richiedevano il mascheramento.

Ulteriori analisi hanno mostrato che il 95% dell'effetto "può essere attribuito solo a COVID-19, quindi non sono CO2, batteri o funghi sotto la maschera".14 In altre parole, mentre i patogeni o l'accumulo di CO2 potrebbero aver indebolito il sistema immunitario, è stato il COVID-19 a causare le morti.

Ha chiamato questo "effetto Foegen", riferendosi alla reinalazione di particelle virali intrappolate nelle goccioline e depositate sulla maschera, che peggiora i risultati. Nell'articolo di giornale scrive:15

“La scoperta più importante di questo studio è che contrariamente al pensiero accettato che meno persone muoiono perché i tassi di infezione sono ridotti dalle maschere, non era così. I risultati di questo studio suggeriscono fortemente che i mandati di mascheramento hanno effettivamente causato circa 1.5 volte il numero di decessi o circa il 50% in più di decessi rispetto a nessun mandato di maschera.

Gli stessi mandati della maschera hanno aumentato il CFR (tasso di mortalità dei casi) di 1.85/1.58 o dell'85%/58% nelle contee con mandati della maschera. È stato anche riscontrato che quasi tutti questi decessi aggiuntivi sono stati attribuiti esclusivamente a COVID-19.

Questo studio ha rivelato che indossare maschere facciali potrebbe comportare un grande rischio per gli individui, che non sarebbe mitigato da una riduzione del tasso di infezione. L'uso delle mascherine, quindi, potrebbe essere inadatto, se non controindicato, come intervento epidemiologico contro il Covid-19».

Fögen nota altri due grandi studi che hanno trovato risultati simili con tassi di mortalità. Il primo è stato pubblicato sulla rivista Cureus16 e non ha trovato alcuna associazione tra il numero dei casi e la conformità alla maschera in Europa, ma un'associazione positiva con la morte e la conformità alla maschera.

Il secondo studio17 è stato pubblicato su PLOS One e ha dimostrato che esisteva un'associazione tra esiti negativi di COVID e mandati di maschere in 847,000 persone in 69 paesi.

Il mascheramento aumenta altri rischi per la salute

Queste conclusioni erano simili a quelle raggiunte in uno studio preliminare18 pubblicato il 7 agosto 2021, che metteva in dubbio la convinzione prevalente che il mascheramento potesse rallentare la diffusione del virus. Hanno scoperto che indossare la maschera potrebbe:

  • Promuove l'alcalinizzazione facciale
  • Incoraggiare la disidratazione, che migliora la rottura della barriera e aumenta il rischio di infezione batterica
  • Aumenta mal di testa e sudorazione
  • Diminuire la precisione cognitiva, che può portare a errori medici

Molti dei mandati delle maschere sono stati avviati per rimanere in linea con le linee guida del CDC all'epoca. I dati sono stati raccolti in più stagioni utilizzando le informazioni raccolte dal CDC, da cui i ricercatori hanno originariamente concluso: "I mandati e l'uso della maschera non sono associati a una diffusione più lenta del COVID-19 a livello statale durante i picchi di crescita del COVID-19".19 Successivamente hanno rivisto il documento e hanno scritto:20

“L'improvvisa insorgenza di COVID-19 ha costretto l'adozione di mandati di maschere prima che l'efficacia potesse essere valutata. I nostri risultati non supportano l'ipotesi che un maggiore uso pubblico della maschera riduca la diffusione di COVID-19. Poiché le maschere sono state richieste in molti contesti, è prudente soppesare i potenziali benefici con i danni. Le mascherine possono promuovere la coesione sociale durante una pandemia, ma può anche verificarsi una compensazione del rischio”.

Secondo uno studio di scienziati cinesi pubblicato nel gennaio 2021, indossare una maschera per il viso può aumentare l'inalazione quotidiana di microplastiche.21 Ad aprile 2022,22 un team di scienziati della Hull York Medical School ha pubblicato risultati che hanno mostrato 39 particelle di microplastica in 11 dei 13 tessuti polmonari campionati durante la chirurgia polmonare.

Secondo l'autore principale, le microplastiche sono state trovate nelle autopsie in passato, ma questo è il primo studio a dimostrare che si trovano nei vivi. È interessante notare che queste microparticelle sono state trovate anche nelle parti più basse dei polmoni, che un tempo i ricercatori avevano pensato di non poter raggiungere.23

Gli autori dello studio hanno scoperto che i soggetti avevano 12 tipi di microplastiche e le più abbondanti erano il polipropilene (PP) e il polietilene tereftalato (PET).24 Questa scoperta indica il recente uso onnipresente di maschere chirurgiche blu durante la pandemia poiché il PP è il componente di plastica più utilizzato in quelle maschere.

L'esperto afferma che le coperture per il viso COVID non sono maschere

Uno studio 202125 ha esaminato i rischi derivanti dall'indossare maschere chirurgiche blu e dall'inalazione di microplastiche. I ricercatori hanno scoperto che il riutilizzo delle maschere potrebbe aumentare il rischio di inalare particelle di microplastica e che i respiratori N95 avevano il numero più basso di microplastiche rilasciate rispetto al non indossare una maschera.

Hanno scritto: "Le maschere chirurgiche, di cotone, di moda e di carbone attivo che indossano rappresentano un rischio maggiore di inalazione di microplastiche simili a fibre ..."26 Eppure, secondo Chris Schaefer, specialista in respiratori ed esperto di formazione, quelle che gli esperti di salute hanno chiamato maschere non sono affatto maschere.27

Schaefer chiama queste "barriere respiratorie" in quanto "non soddisfano la definizione legale" di una maschera. Ha sottolineato che le mascherine chirurgiche utilizzate dai consumatori in Canada, negli Stati Uniti e nel mondo stanno perdendo microplastiche abbastanza piccole da poter essere inalate.28

“Una [corretta] maschera ha aperture di respirazione progettate davanti alla bocca e al naso per garantire una respirazione facile e senza sforzo. Una barriera respiratoria è chiusa sia sulla bocca che sul naso. E così facendo, cattura l'anidride carbonica che espiri, ti costringe a inspirarla nuovamente, causando una riduzione dei livelli di ossigeno inalato e provoca un'eccessiva anidride carbonica. Quindi, non sono sicuri da indossare".

Incoraggia le persone a tagliarne uno aperto e guardare le fibre sciolte che si staccano facilmente all'interno del prodotto.29

“Il calore e l'umidità che cattura faranno sì che il degrado di quelle fibre si decomponga più piccolo. Assolutamente, le persone stanno inalando [particelle microplastiche]. Ho scritto molto ampiamente sui rischi di queste barriere respiratorie negli ultimi due anni, ho parlato con scienziati [e altre] persone negli ultimi due anni di persone che inalano le fibre.

Se hai la sensazione di avere un po' di pelo di gatto o qualsiasi tipo di irritazione nella parte posteriore della gola dopo averli indossati. Ciò significa che stai inalando le fibre.

Ha continuato osservando che chiunque sia esposto a questi tipi di fibre in un ambiente lavorativo dovrebbe indossare una protezione. Invece, le persone usano prodotti che aumentano il rischio di inalare fibre che "si rompono in modo molto piccolo e, beh, cosa farà alle persone sotto forma di funzionalità polmonare - così come sovraccarico di tossicità nel loro corpo - immagino che" Lo saprò tra qualche anno".30

Politica sulle maschere influenzata da due parrucchieri, non dalla scienza

Nei primi giorni della pandemia, c'è stata una corsa alle mascherine, causando un calo delle scorte per gli operatori sanitari. A quel tempo, i funzionari sanitari erano irremovibili sul fatto che le persone NON dovessero indossare maschere. Nel febbraio 2020, Christine Francis, consulente per la prevenzione e il controllo delle infezioni presso l'Organizzazione mondiale della sanità, ha dichiarato: "Le mascherine mediche ... non possono proteggere dal nuovo coronavirus se usate da sole ... L'OMS raccomanda l'uso delle maschere solo in casi specifici".31

Questi casi specifici includono se avevi tosse, febbre o difficoltà respiratorie. In altre parole, dovresti indossarli solo se sei attivamente malato e mostri sintomi. "Se non hai questi sintomi, non devi indossare maschere perché non ci sono prove che proteggano le persone che non sono malate", ha continuato.32

Sempre nel febbraio 2020, le autorità sanitarie del Regno Unito hanno sconsigliato l'uso delle mascherine, anche per le persone che lavorano in comunità o strutture residenziali.33 Nel marzo 2020, il chirurgo generale degli Stati Uniti Jerome Adams ha pubblicamente acconsentito, twittando un messaggio in cui si afferma: "Seriamente gente, SMETTI DI ACQUISTARE MASCHERINE!" e proseguendo dicendo che non sono efficaci nell'impedire al pubblico in generale di contrarre il coronavirus.34

Avanti veloce di un anno e la politica della maschera del CDC sembra essere stata determinata esclusivamente su studi osservazionali, non studi randomizzati controllati (RCT) che sono il gold standard nella scienza.

“In generale, gli studi osservazionali non solo sono di qualità inferiore rispetto agli RCT, ma hanno anche maggiori probabilità di essere politicizzati, poiché possono inserire il giudizio del ricercatore in modo più evidente nell'indagine e prestarsi, molto più degli RCT, a trovare ciò che si vuole trova", ha spiegato Jeffrey Anderson, ex direttore del Bureau of Justice Statistics, in una recensione pubblicata dal City Journal.35

Il CDC si è basato su uno studio di coorte osservazionale pubblicato nel luglio 2020 su due parrucchieri di un salone di bellezza del Missouri.36 Gli stilisti sono risultati positivi al COVID-19, hanno sviluppato sintomi, ma hanno continuato a vedere 139 clienti fino a quando non hanno ricevuto il test positivo. Loro e i loro clienti indossavano maschere durante questo periodo.

I dati hanno mostrato che 67 dei clienti sono risultati negativi e gli altri 72 non hanno riportato sintomi. Da ciò, il CDC ha concluso che "la politica di copertura del viso probabilmente ha mitigato la diffusione di SARS-CoV-2".37

Anderson ha spiegato che lo studio presentava importanti limiti: "L'apparente mancanza di diffusione di COVID-19 potrebbe essere stata il risultato di una buona ventilazione, una buona igiene delle mani, una tosse minima da parte degli stilisti o il fatto che gli stilisti in generale, come notano i ricercatori, " tagliare i capelli mentre i clienti sono rivolti lontano da loro.'”38

Un altro importante fattore limitante è la mancanza di un gruppo di controllo. I risultati sarebbero stati diversi se gli stilisti o le clienti non avessero indossato le mascherine? Nessuno sa. Ma ciò che è diventato evidente è la costante mancanza di qualità negli studi e nelle informazioni su cui si è basata la politica pubblica dall'inizio della pandemia.

Agenti patogeni resistenti agli antibiotici e sindrome da esaurimento da maschera

Lo studio in primo piano ha esaminato solo i numeri grezzi del Kansas e non ha approfondito ciò che potrebbe essere stato alla base della crescente gravità della malattia e della morte nelle persone che indossavano maschere.

Ad esempio, quando i ricercatori dell'Università di Anversa, in Belgio, hanno analizzato la comunità microbica su maschere chirurgiche e di cotone di 13 volontari sani dopo essere state indossate per quattro ore, sono stati trovati batteri tra cui Bacillus, Staphylococcus e Acinetobacter, il 43% dei quali erano antibiotici -resistente.39

Allo stesso modo, i ricercatori tedeschi si sono chiesti se una maschera che copre naso e bocca sia "priva di effetti collaterali indesiderati" e potenziali rischi nell'uso quotidiano.40 Si è scoperto che non lo erano e invece hanno posto effetti avversi significativi e cambiamenti fisiopatologici, inclusi i seguenti, che spesso si verificano in combinazione:41

Aumento del volume dello spazio mortoAumento della resistenza respiratoria
Aumento dell'anidride carbonica nel sangueDiminuzione della saturazione di ossigeno nel sangue
Aumento della frequenza cardiacaDiminuzione della capacità cardiopolmonare
Sensazione di esaurimentoAumento della frequenza respiratoria
Difficoltà di respirazione e mancanza di respiroFunzione barriera cutanea compromessa con acne, prurito e lesioni cutanee
Mal di testaVertigini
Sensazione di umidità e caloreDiminuzione della percezione dell'empatia
Sonnolenza

Questo gruppo di sintomi è indicato come sindrome da esaurimento indotto dalla maschera (MIES).42 I ricercatori hanno avvertito che le persone malate, che soffrono di determinate condizioni croniche, le donne incinte e i bambini possono essere particolarmente a rischio per l'uso prolungato della maschera. Gli effetti a breve termine possono includere contaminazione microbiologica, esaurimento, mal di testa, ritenzione di anidride carbonica e irritazione della pelle.

Tuttavia, gli effetti a lungo termine possono portare a problemi cronici innescati da “una risposta allo stress simpatico cronico indotta da modificazioni dei gas nel sangue e controllata dai centri cerebrali. Questo a sua volta induce e innesca la soppressione immunitaria e la sindrome metabolica con malattie cardiovascolari e neurologiche”.43

Sono necessarie ricerche per determinare se la gravità della malattia e l'aumento dei tassi di mortalità in coloro che indossano le maschere sono correlati ai batteri resistenti agli antibiotici che si accumulano sulle maschere, all'impatto che il MIES ha sul sistema immunitario e alla potenziale disidratazione cronica che possono verificarsi coloro che indossano la maschera , o qualcos'altro.

È necessario raccogliere e comunicare dati accurati per fornire una solida base per lo sviluppo delle politiche pubbliche locali prima la prossima pandemia crea uno scenario in cui i funzionari del governo tentano di imporre il mascheramento e il blocco, ancora una volta.

Fonti e riferimenti

 

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Alejandra

Nell'articolo manca il collegamento di riferimento 20 (lo studio rivisto). Grazie in anticipo.

[…] Mandati legati all'aumento dei tassi di mortalità per COVID – del Dr. Joseph Mercola – https://www.technocracy.news/mask-mandates-linked-to-increased-covid-death-rates/ – “STORY AT-A-GLANCE – ● I dati del Kansas mostrano che le contee con mandati di maschere avevano […]

Penny King

Chi crede che il 6′ e le maschere siano legittime quando il “virus” che è morto rimane di ciò che resta degli enzimi (virus del nostro viroma) prodotti all'interno di ogni cellula ha dissolto il resto delle cellule morte e morenti (80-100+ miliardi/ giorno per un corpo sano e più che mangiano carne marcia piena di microbi/batteri anaerobici fino a 5 nm quando la carne non ha più accesso alla risposta immunitaria della sua specie, così come funghi anaerobici), che il bianco e gcMAF (macrofagi o big eater) e altre t, b e altre strutture cellulari lo consumano e l'intero pacchetto lo è... Per saperne di più »

[…] Mandati della maschera legati all'aumento dei tassi di mortalità per COVID […]

[…] Leggi di più su Technocracy News […]

[…] Technocracy News & Trends a publicat unul dintre primele avertismente despre pericolele măștilor de față pe 11 maggio 2020. Autorul, dr. Russell Blaylock, un fost ridicolizzato de comunitatea pseudo-științifică și de mass-media. Pentru a vedea mărturiile părinților cu privilegiare la daunele aduse copiilor prin forțarea acestora să poarte măști, consultați https://www.NoMasksForKids.com. [...]

[…] Technocracy News & Trends a publicat unul dintre primele avertismente despre pericolele măștilor de față pe 11 maggio 2020. Autorul, dr. Russell Blaylock, un fost ridicolizzato de comunitatea pseudo-științifică și de mass-media. Pentru a vedea mărturiile părinților cu privilegiare la daunele aduse copiilor prin forțarea acestora să poarte măști, consultați https://www.NoMasksForKids.com. [...]