Marte Ho! Il culto dei tecnocrati dello spazio esterno

Il miglior scienziato della NASA in pensione, Jim Green.
Per favore, condividi questa storia!
Perché il Congresso propone 25 miliardi di dollari nel 2022 per aiutare a finanziare la colonizzazione dello spazio e in particolare di Marte, o l'incessante ricerca di vita aliena nella galassia? Apparentemente la scienza non è sufficientemente efficace per risolvere i problemi sulla terra, quindi man mano che il pianeta diventa sempre più instabile, l'umanità ha bisogno di prepararsi a "volare sul pollaio". Editor TN

Da quando è entrato alla NASA nel 1980, Jim Green ha visto di tutto. Ha aiutato l'agenzia spaziale a comprendere il campo magnetico terrestre, esplorare il sistema solare esterno e cercare la vita su Marte. Quando sabato è arrivato il nuovo anno, ha salutato l'agenzia.

Negli ultimi quattro decenni, che includono 12 anni come direttore della divisione di scienze planetarie della NASA e gli ultimi tre anni come capo scienziato, ha plasmato gran parte dell'indagine scientifica della NASA, supervisionando le missioni in tutto il sistema solare e contribuendo a più di 100 ricerche scientifiche documenti su una vasta gamma di argomenti. Mentre si specializzava nel campo magnetico terrestre e nelle onde del plasma all'inizio della sua carriera, ha continuato a diversificare il suo portafoglio di ricerca.

Una delle proposte significative più recenti del Dr. Green è stata una scala per verificare il rilevamento della vita aliena, chiamata scala della "fiducia nel rilevamento della vita" o CoLD. Ha pubblicato lavori che suggeriscono che potremmo terraforma Marte, o rendendolo abitabile per gli umani, utilizzando un gigantesco scudo magnetico per impedire al sole di spogliare l'atmosfera del pianeta rosso, aumentando la temperatura sulla superficie. È stato anche a lungo un sostenitore dell'esplorazione di altri mondi, inclusa una missione su Europa, la luna ghiacciata di Giove, il cui lancio è previsto per il 2024.

In vista di un incontro di dicembre dell'American Geophysical Union a New Orleans, il Dr. Green ha parlato di alcuni di questi lavori ad ampio raggio e della ricerca della vita nel sistema solare. Di seguito sono riportati estratti modificati e condensati della nostra intervista.

Un paio di anni fa, gli scienziati sono usciti e hanno detto di aver visto fosfina nell'atmosfera di Venere. Al livello in cui lo vedevano, che era enorme, che li portava a credere che la vita fosse una delle maggiori possibilità. Sulla scala CoLD, dove sette è "abbiamo trovato la vita", è "uno". Non è nemmeno arrivato a "due". Hanno riconosciuto dopo c'era contaminazione nel loro segnale e potrebbe anche non essere fosfina e non possiamo riprodurla. Quindi dobbiamo fare un lavoro migliore nella comunicazione.

Vediamo metano dappertutto su Marte. Il novantacinque percento del metano che troviamo qui sulla Terra proviene dalla vita, ma c'è una piccola percentuale che non lo fa. Siamo solo a un livello 3 di CoLD, ma se uno scienziato venisse da me e mi dicesse: "Ecco uno strumento che lo renderà un livello 4 di CoLD", finanzierei quella missione in un minuto. Non stanno saltando a sette, stanno facendo il prossimo grande passo, il passo giusto, per fare progressi nella ricerca della vita nel sistema solare. Questo è quello che dobbiamo fare, smettila di scherzare con solo un lupo che piange.

Sì e no. Quello che stiamo facendo ora è molto più metodico, molto più intelligente nel modo in cui riconosciamo quali segni la vita può produrre nel tempo. Il nostro sistema solare ha 4.5 miliardi di anni e in questo momento la Terra è ricoperta di vita. Ma se tornassimo indietro di un miliardo di anni, scopriremmo che Venere era un pianeta blu. Aveva un oceano significativo. Potrebbe effettivamente aver avuto vita, e molto. Se torniamo indietro di un altro miliardo di anni, Marte era un pianeta blu. Sappiamo che ora Marte ha perso il suo campo magnetico, l'acqua ha iniziato a evaporare e Marte è rimasto sostanzialmente stagnante circa 3.5 miliardi di anni fa.

Ci piacerebbe aver trovato la vita in superficie. Abbiamo messo i lander vichinghi in un posto orribile perché non sapevamo dove metterli: stavamo solo cercando di posarli sulla superficie di Marte. È stato come posare qualcosa nel deserto del Gobi. Avremmo dovuto metterli giù nel cratere Jezero, in questo delta del fiume con cui ci troviamo adesso il rover Perseverance, ma non sapevamo nemmeno che esistesse all'epoca!

Uno degli esperimenti Viking indicava che c'era vita microbica nei suoli, ma solo uno dei tre strumenti lo faceva, quindi non potevamo dire di aver trovato la vita. Ora lo sapremo davvero, definitivamente perché lo faremo riportare i campioni. Non sapevamo che sarebbe stato necessario una missione di ritorno campione.

Sì, è fattibile. Ferma lo stripping e la pressione aumenterà. Marte sta per iniziare a terraformarsi. Questo è ciò che vogliamo: il pianeta partecipa a tutto ciò in ogni modo possibile. Quando la pressione sale, la temperatura sale.

Il primo livello di terraformazione è a 60 millibar, un fattore 10 da dove siamo ora. Questo è chiamato il limite di Armstrong, dove il tuo sangue non bolle se esci in superficie. Se non avessi bisogno di una tuta spaziale, potresti avere molta più flessibilità e mobilità. La temperatura e la pressione più elevate consentono di iniziare il processo di crescita delle piante nei terreni.

Ci sono diversi scenari su come fare lo scudo magnetico. Sto cercando di far uscire un documento su cui lavoro da circa due anni. Non sarà ben accolto. Alla comunità planetaria non piace l'idea di terraformare qualcosa. Ma tu sai. Penso che possiamo cambiare anche Venere con uno scudo fisico che riflette la luce. Creiamo uno scudo e l'intera temperatura inizia a scendere.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Freeland_Dave

Per coloro che colinate Marte e la luna è probabilmente un viaggio di andata. Air e warer sono risolvibili, ma a meno che tu non riesca a simulare la gravità terrestre su larga scala, probabilmente non sarai fisicamente in grado di tornare. L'atrofia muscolare con deterioramento osseo dovuto alla mancanza di normale stress gravitazionale impedirà un facile ritorno nell'ambiente terrestre. Qualcuno deve darsi da fare con macchine a gravità artificiale su larga scala per farlo accadere. Abbiamo già visto cosa comporta vivere in una gravità bassa o assente per un lungo periodo di tempo. Considerando l'unico modo... Per saperne di più »

dodododo

Mi scusi ma è impossibile andare su Marte. Fai i conti. Non più di quanto siamo andati sulla luna. Ammettono di non avere i mezzi per andare sulla luna ora e che dovremmo essere più intelligenti ora! I soldi vanno altrove