Mandati e blocchi sono falliti miseramente, ma vengono ancora spinti?

Wikimedia Commons, Michael Swan
Per favore, condividi questa storia!
È iniziato con l'Imperial College di Londra nel 2020, quando gli epidemiologi hanno affermato che milioni di persone sarebbero morte ma che i blocchi avrebbero ridotto la mortalità fino al 98%. Queste affermazioni erano false al 100% e fabbricate dal nulla mentre volavano di fronte a prove evidenti del contrario. ⁃ Editore TN

STORIA IN BREVE

> In una revisione della letteratura e in una meta-analisi degli effetti dei blocchi sulla mortalità da COVID-19, i ricercatori hanno rivelato che i blocchi hanno avuto un effetto minimo o nullo sulla mortalità da COVID-19

> Il Brownstone Institute ha compilato più di 400 studi che dimostrano che i blocchi, le restrizioni e le chiusure non hanno fatto ciò che era stato promesso

> Un team di 12 ricercatori della Johns Hopkins School of Public Health, della Harvard Medical School, dell'Università di Oxford e di altre istituzioni ha delineato i motivi principali per cui i mandati di vaccinazione COVID-19 sono stati controproducenti e dannosi

> I mandati di iniezione di COVID-19 potrebbero portare a reattanza e radicamento, dissonanza cognitiva, stigma e capro espiatorio e sfiducia

> Se non sei d'accordo con le restrizioni e i mandati COVID-19 nella tua zona, ora è il momento di parlare apertamente in una protesta pacifica

Scienziati di tutto il mondo hanno fatto un tuffo profondo nei blocchi senza precedenti e nei mandati di iniezione che hanno caratterizzato la risposta alla pandemia di COVID-19. Più e più volte, i risultati confermano ciò che molti istintivamente sapevano da sempre: che questi schemi totalitari non funzionavano e potrebbero aver causato più danni che benefici.

Nonostante le scritte sul muro, funzionari sanitari e accademici continuano a difendere le misure draconiane. È difficile ammettere atti illeciti, soprattutto di questa portata, ma prima o poi diventerà ampiamente noto che, come ha affermato Jeffrey Tucker, fondatore e presidente del Brownstone Institute, "questi interventi hanno trasformato una pandemia gestibile in una catastrofe".1

Centinaia di studi dimostrano che i blocchi non hanno funzionato

Le politiche di salute pubblica che limitano i movimenti, vietano i viaggi internazionali e chiudono scuole e aziende, comunemente note come blocchi, sono state attuate praticamente in tutti i paesi del mondo durante la pandemia, a cominciare dalla Cina, poi dall'Italia e da lì si sono diffuse a macchia d'olio.

I modelli computerizzati simulati condotti dai ricercatori dell'Imperial College London nel 2020 hanno suggerito che i blocchi avrebbero ridotto la mortalità da COVID-19 fino al 98%2 — una stima che ha fatto alzare le sopracciglia molti studiosi e che non è andata a buon fine, nemmeno vicino.

In una revisione della letteratura e una meta-analisi degli effetti dei blocchi sulla mortalità da COVID-19, i ricercatori del Johns Hopkins Institute for Applied Economics, Global Health, and the Study of Business Enterprise, Lund University e Center for Political Studies di Copenaghen, Danimarca , ha rivelato che i blocchi hanno avuto scarsi o nessun effetto sulla mortalità da COVID-19.

La meta-analisi ha incluso 24 studi suddivisi in tre gruppi: studi sull'indice di rigore del blocco, studi SIPO (shield-in-place order) e studi specifici sull'intervento non farmaceutico (NPI). Hanno trovato:3

“Un'analisi di ciascuno di questi tre gruppi supporta la conclusione che i blocchi hanno avuto scarsi o nessun effetto sulla mortalità da COVID-19. Più specificamente, studi sull'indice di rigore rilevano che i blocchi in Europa e negli Stati Uniti hanno ridotto la mortalità da COVID-19 in media solo dello 0.2%.

Anche le SIPO sono risultate inefficaci, riducendo in media solo del 19% la mortalità per COVID-2.9. Inoltre, studi specifici sull'NPI non trovano prove ad ampia base di effetti evidenti sulla mortalità da COVID-19".

Il Brownstone Institute ha effettivamente compilato più di 400 studi che dimostrano che i blocchi, le restrizioni e le chiusure non sono riusciti a fare ciò che era stato promesso.4 Tra questi c'è uno studio del dottor Gilbert Berdine, professore associato di medicina presso il Texas Tech University Health Sciences Center.

Ha utilizzato i dati sui tassi di mortalità giornaliera per COVID-19 per tracciare il corso della pandemia in Svezia, New York, Illinois e Texas, ciascuno dei quali ha utilizzato diverse risposte alla pandemia, e ha suggerito che i blocchi potrebbero rivelarsi "il più grande errore politico di questa generazione”.5 Questo non vuol dire che i blocchi non abbiano avuto effetti evidenti, tuttavia. Sebbene non siano riusciti a ridurre significativamente i decessi per COVID-19, hanno avuto un impatto enorme su altre misure di salute pubblica:6

“Sebbene questa meta-analisi concluda che i blocchi hanno avuto effetti minimi o nulli sulla salute pubblica, hanno imposto enormi costi economici e sociali laddove sono stati adottati. Di conseguenza, le politiche di blocco sono infondate e dovrebbero essere respinte come strumento politico per la pandemia”.

I "Fact Checkers" cercano di difendere i blocchi

Quando la meta-analisi di Johns Hopkins ha ricevuto una certa attenzione da parte dei media, portando i tristi risultati dei blocchi al mainstream, i "fattori di verifica" sono entrati in azione per confutare lo studio.

Tra questi c'era il Science Media Center (SMC),7 delle quali esistono variazioni in numerosi paesi, tra cui Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda, con la missione dichiarata di fornire "informazioni scientifiche di alta qualità" ai giornalisti. La loro missione, come affermato sul loro sito Web, è:8

"Fornire, a beneficio del pubblico e dei responsabili politici, informazioni accurate e basate su prove su scienza e ingegneria attraverso i media, in particolare su notizie controverse e in prima linea quando si verifica la maggior parte della confusione e della disinformazione".

Ma SMC non è un'agenzia di stampa indipendente come afferma di essere, poiché annovera tra i suoi maggiori finanziatori un certo numero di attori del settore di alto livello con agende mondiali, tra cui Wellcome Trust, GlaxoSmithKline, CropLife International, Sanofi e AstraZeneca.9

Tucker ha preso in giro un commento particolarmente arrogante nel pezzo SMC - un commento di Seth Flaxman, professore associato nel dipartimento di informatica dell'Università di Oxford, che ha detto:10

“Il fumo provoca il cancro, la terra è rotonda e ordinare alle persone di rimanere a casa (la corretta definizione di lockdown) diminuisce la trasmissione delle malattie. Niente di tutto ciò è controverso tra gli scienziati. Uno studio che pretende di provare il contrario è quasi certo che sarà fondamentalmente imperfetto”.

Ma classificare i blocchi come completamente senza controversie, come il fatto che il fumo provoca il cancro, è sbagliato. Tuttavia, il lavoro di Flaxman viene continuamente citato in difesa dei blocchi, anche se non ha esperienza in medicina. Tucker ha scritto:11

“Vedi come funziona questa retorica? Se metti in dubbio la sua affermazione, non sei uno scienziato; stai negando la scienza! ... Dire che questo non è controverso è ridicolo, dal momento che tali politiche non erano mai state tentate prima su questa scala. Tale politica non è affatto come un'affermazione causale stabilita (il fumo aumenta il rischio di cancro) né una mera osservazione empirica (la terra è rotonda). È soggetto a verifica.

... Che Flaxman affermerebbe ancora il contrario dopo tutta l'esperienza mostra che non sta osservando la realtà ma sta inventando dogmi dalla sua stessa intuizione. Flaxman potrebbe dire di essere sicuro che la trasmissione avrebbe potuto essere maggiore se alle persone non fosse stato ordinato di rimanere a casa, e potrebbero esserci contesti in cui ciò è vero, ma non è nella posizione di elevare questa affermazione allo stato di "terra". è rotondo.'

… Il dogma che ordina alle persone di restare a casa – per quanto tempo? – riduce sempre la diffusione non deriva dall'evidenza ma dalla modellazione in stile Flaxman oltre a una notevole capacità di ignorare la realtà.

Mandati di iniezione controproducenti e dannosi

Anche il rapido emergere di mandati diffusi di iniezione di COVID-19, passaporti per i vaccini e restrizioni basate sullo stato di iniezione è senza precedenti e ha portato a polemiche su basi etiche, scientifiche e politiche.

Un team di 12 ricercatori della Johns Hopkins School of Public Health, della Harvard Medical School, dell'Università di Oxford e di altre istituzioni ha delineato le ragioni principali per cui questi mandati sono stati controproducenti e dannosi.12

“Sebbene le politiche sui vaccini siano state in gran parte inquadrate come offrire 'benefici' con libertà per coloro che intraprendono una serie completa di vaccinazioni COVID-19, includono elementi punitivi, discriminatori e coercitivi, tra cui il condizionamento dell'accesso alla salute, al lavoro, ai viaggi e ai servizi sociali vita sullo stato di vaccinazione in molti contesti", si legge nel documento di prestampa.13

Vengono esplorati quattro domini, con potenziali conseguenze indesiderate dei mandati di iniezione delineate come segue:

  1. Psicologia comportamentale: i mandati di iniezione di COVID-19 potrebbero portare a reattanza e radicamento, dissonanza cognitiva, stigma e capro espiatorio, teorie del complotto e sfiducia
  2. Effetti politici e legali — I mandati di iniezione potrebbero causare l'erosione delle libertà civili, la polarizzazione e la disunione nella governance sanitaria globale
  3. Socio-economia: i mandati di iniezione potrebbero causare disparità e disuguaglianza, ridotta capacità del sistema sanitario ed esclusione dal lavoro e dalla vita sociale
  4. Integrità della scienza e della salute pubblica — Le conseguenze includono l'erosione del consenso informato, la fiducia nelle politiche di salute pubblica e la fiducia nel controllo normativo

Gli autori sostengono che segregare la società tra coloro che hanno ottenuto i colpi e coloro che non l'hanno fatto, limitando l'accesso al lavoro e all'istruzione in base allo stato di iniezione, è una violazione dei diritti umani che promuove la polarizzazione sociale e incide negativamente sulla salute e il benessere. Alla luce di ciò, rilevano:14

"L'adozione di nuove politiche sullo stato di vaccinazione ha provocato un contraccolpo globale e locale multistrato, una resistenza e una polarizzazione che minacciano di intensificarsi se le politiche attuali continuano. È importante sottolineare che queste politiche non sono viste come "incentivi" o "spinte" da proporzioni sostanziali della popolazione, specialmente nei gruppi emarginati, sottoserviti o a basso rischio di COVID-19.

Negare agli individui l'istruzione, i mezzi di sussistenza, l'assistenza medica o la vita sociale a meno che non vengano vaccinati non sembra coincidere con i principi costituzionali e bioetici, specialmente nelle democrazie liberali.

Sebbene il sostegno pubblico sembri essersi consolidato alla base di queste politiche in molti paesi, dovremmo riconoscere che i quadri sui diritti umani sono stati progettati per garantire che i diritti siano rispettati e promossi anche durante le emergenze di salute pubblica.

... Sosteniamo che le attuali politiche sui vaccini COVID-19 dovrebbero essere rivalutate alla luce delle conseguenze negative che potrebbero superare i benefici. Sfruttare strategie di potenziamento basate sulla fiducia e sulla consultazione pubblica rappresentano un approccio più sostenibile per proteggere le persone a più alto rischio di morbilità e mortalità da COVID-19 e la salute e il benessere del pubblico”.

Studio del 2006: i blocchi non funzionano

Nel 2006, i funzionari della sanità pubblica hanno esaminato un elenco di azioni di mitigazione che potrebbero essere utilizzate in caso di influenza pandemica, insieme alle loro potenziali ripercussioni.15

I blocchi, compresa la quarantena e la chiusura prolungata delle scuole, non sono stati raccomandati, poiché è stato spiegato questo principio prevalente: "L'esperienza ha dimostrato che le comunità che affrontano epidemie o altri eventi avversi rispondono meglio e con la minima ansia quando il normale funzionamento sociale della comunità è minimo interrotto”.

Nel caso delle quarantene, i ricercatori hanno spiegato che non c'è "nessuna base" per mettere in quarantena gruppi o individui, poiché solleva problemi "formidabili". "Gli effetti secondari dell'assenteismo e dell'interruzione della comunità, nonché le possibili conseguenze negative, come la perdita di fiducia del pubblico nel governo e la stigmatizzazione delle persone e dei gruppi in quarantena, saranno probabilmente considerevoli", hanno osservato.16

È stata sconsigliata anche la chiusura delle scuole oltre i 10-14 giorni, a meno che non siano stati chiusi anche tutti gli altri punti di contatto, come ristoranti e chiese. Ma, hanno osservato, "Tali chiusure diffuse, sostenute durante la pandemia, avrebbero quasi certamente gravi effetti sociali ed economici negativi".17

Hanno anche sconsigliato di annullare o posticipare riunioni o eventi che coinvolgono un gran numero di persone, spiegando che "l'annullamento o il rinvio di riunioni di grandi dimensioni non avrebbe probabilmente alcun effetto significativo sullo sviluppo dell'epidemia" e "... la chiusura di eventi pubblici a livello comunitario sembra sconsigliabile .”18 Tuttavia, ha scritto Tucker, "un decennio e mezzo dopo, i governi di tutto il mondo hanno tentato comunque il blocco".19

Con il crescente riconoscimento che i blocchi erano inutili e le iniezioni di COVID-19 non funzionano come pubblicizzato, le persone si stanno ribellando. Le riprese di COVID-19 avrebbero dovuto liberarti e riportare la vita a come era nel 2019: niente maschere, niente blocchi e libertà per tutti, indipendentemente dallo stato di vaccinazione.

Anche i blocchi avrebbero dovuto essere un mezzo per raggiungere un fine, la fine della pandemia che, due anni dopo, sta ancora andando forte. Se non sei d'accordo con le restrizioni e i mandati COVID-19 nella tua zona, ora è il momento di parlare apertamente in una protesta pacifica al fine di imporre cambiamenti positivi a sostegno della salute e della libertà generale.

Fonti e riferimenti

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

Greg

Mi rifiuto di credere che il governo del Regno Unito (e altri governi che hanno seguito come pecore) non capissero che Neil Ferguson dell'Imperial College di Londra ha una storia spaventosa per quanto riguarda la previsione degli esiti delle malattie. Sono sicuro che Ferguson è stato scelto per consigliare il governo PERCHÉ gli piace fare proiezioni iperboliche e apocalittiche sulle morti. Lo hanno trovato utile. Mantiene ancora il suo lavoro, nonostante i suoi continui fallimenti. Questo deve dirci qualcosa. Vedi collegamento.
https://statmodeling.stat.columbia.edu/2020/05/08/so-the-real-scandal-is-why-did-anyone-ever-listen-to-this-guy/

[…] Mandati e blocchi sono falliti miseramente, ma vengono ancora spinti? […]