Londra scivola nella tecnocrazia, diventa il progetto per il mondo

Città di Londra. Wikimedia Commons, Tristan Surtel
Per favore, condividi questa storia!
La minuscola City di Londra, grande solo un miglio quadrato, è dove si trovano tutte le banche e le istituzioni finanziarie. Questo è il lievito che fa lievitare l'intera massa di pasta, poiché la Greater London e tutta l'Inghilterra sono scivolate nella tirannia dei tecnocrati. La leadership nazionale lo ha riflesso con le elezioni di Theresa May e poi di Boris Johnson, entrambi dopo aver ceduto alle forze del tecno-populismo. Editor TN

La scorsa settimana abbiamo coperto Telosa, una metropoli tecnocratica che dovrebbe ospitare 5 milioni di persone entro il 2060. In precedenza abbiamo studiato i piani per trasformare Nevada in un centro di tecnocrazia. Queste storie hanno bisogno di essere raccontate, ma solo guardando al futuro possiamo perdere di vista il fatto che la verità la città tecnocratica è già qui.

Nel bene e nel male, Londra è stata a lungo considerata una delle grandi città del mondo. Ha prodotto molti dei più grandi artisti, scrittori e pensatori del mondo. Molti dei musei più famosi del mondo sono qui e ospitano inestimabili manufatti storici e opere d'arte. I palazzi, i parchi, i giardini e le piazze di Londra ne fanno un parco giochi per architetti.

Al contrario, Londra è anche conosciuta come un luogo dove la libertà e la privacy sono quasi estinte. È uno del mondo città più sorvegliate, al secondo posto mondiale nelle telecamere a circuito chiuso per quadrato (1,138) e al terzo nelle telecamere a circuito chiuso per persona (73 per 1,000). La polizia della città ha Acquistati Recentemente tecnologia di riconoscimento facciale per elaborare immagini storiche da queste telecamere CCTV, piattaforme di social media e altre fonti. Questo è in aggiunta al Riconoscimento facciale in tempo reale (LFR) tecnologia già implementata in città.

Ma questa è solo una piccola parte della vita in una delle città più tecnocratiche e sorvegliate del mondo. Nel 2018 il sindaco di Londra, Sadiq Khan ha lanciato Londra più intelligente insieme, la sua tabella di marcia per rendere Londra "la città più intelligente del mondo". Questa iniziativa si basa su una cosiddetta tabella di marcia precedente del 2013, la Piano Smart London che è stato lanciato dall'allora sindaco e attuale primo ministro, Boris Johnson. Questo illustra perfettamente come i politici possono andare, venire e muoversi mentre l'agenda tecnocratica va avanti senza resistenza.

Saltando al 2020 troviamo lo Smart London Board, il gruppo che contribuisce a portare a compimento gli obiettivi delineati nella road map Smarter London Together, sviluppando il Carta delle tecnologie emergenti, “un insieme di criteri che le innovazioni digitali basate su intelligenza artificiale (AI), blockchain, realtà virtuale e altro dovrebbero soddisfare se vengono implementate nella capitale”. Tuttavia, il rispetto dei criteri stabiliti da questa carta non è obbligatorio affinché la nuova tecnologia possa essere effettivamente implementata. Questo è importante da notare per interpretare correttamente quanto esposto in questo documento.

La versione più recente della carta era pubblicato la settimana scorsa. Il sindaco, un globalista dichiarato impegnata all'adempimento dell'agenda The Great Reset, afferma che la Carta svolgerà un ruolo significativo nella ripresa economica e sociale di Londra. Esaminiamo come sarà il recupero.

Il documento si apre con un elogio per Londra che è già una delle principali città tecnocratiche del pianeta, evidenziando la città come hub per la ricerca, lo sviluppo e l'innovazione del 5G, dell'Internet of Things (IoT) e dell'intelligenza artificiale (AI) . La carta afferma che questa infrastruttura è pronta per assicurare velocità di download elevate e capacità di elaborazione rapida dei dati. In realtà, questa è l'infrastruttura necessaria alla classe dirigente per gestire tutti gli aspetti della vita, compreso il il corpo umano stesso.

La carta passa poi ad elencare i quattro principi per l'implementazione della tecnologia a Londra.

Essere aperto

Durante la sperimentazione e l'implementazione di tecnologie emergenti, il governo aspirerà a "lavorare all'aperto" ove possibile e descriverà cos'è la tecnologia, cosa può fare, perché viene utilizzata e, "se del caso", la base legale ed etica per averlo fatto in quello che chiamano "Plain English".

Traduzione: il governo lavorerà a porte chiuse il più possibile, illegalmente e non eticamente tutte le volte che ne avrà voglia.

Quando il governo dice Plain English loro significare parole brevi e frasi brevi pensate per chiunque abbia le capacità di comprensione della lettura di un bambino di 9 anni. In altre parole, il governo dispiegherà una tecnologia altamente complicata, te lo parlerà solo quando ne avrà voglia, e quando lo farà, ti parlerà come se fossi un bambino.

Essi anche totalmente promettono di parlare con le comunità locali, proteggere i dati personali e fornire aggiornamenti regolari sulle loro iniziative in nome dell'apertura.

Non si parla di essere aperti riguardo al effetti negativi del 5G sul corpo umano o problemi etici realtà virtuale circostante.

Rispetta la diversità

Il secondo principio dell'Emerging Technology Charter contiene i soliti banali luoghi comuni sulla diversità e l'inclusività che si trovano al centro di qualsiasi affermazione globalista o tecnocratica. Tuttavia, c'è un dettaglio molto significativo qui che rivela come questo programma apra la strada a una società a due livelli. In mezzo a tutte le preoccupazioni sulla considerazione di persone di ogni ceto sociale, c'è spazio per escludere gli altri:

Per gli enti pubblici, definire come la tecnologia o il servizio soddisfa i Dovere di parità nel settore pubblico per esempio... se alcuni gruppi sono esclusi dal beneficio delle nuove tecnologie, la tecnologia dovrebbe avere una chiara ragione per cui non serve questi gruppi. 

Chi sono questi determinati gruppi? La carta non chiarisce, ma in un momento in cui il governo del Regno Unito sta attualmente cercando di aggirare il Parlamento nel tentativo di implementare passaporti vaccinali tramite la porta sul retro non ci vuole un enorme sforzo di immaginazione per sapere a chi è riservato. In questo sistema di sorveglianza tecnocratico, un residente o un visitatore di Londra avrà bisogno di un certificato di vaccino digitale per prendere parte alla vita pubblica. Se ciò si realizza, è solo questione di tempo prima che il certificato del vaccino venga inserito in un portafoglio digitale per una valuta digitale della banca centrale basata su blockchain.

Oggi è solo diverso braccialetti colorati distinguere tra studenti “vaccinati” e “non vaccinati”. Domani, semplicemente premendo un interruttore o premendo un pulsante questi burocrati dietro l'Emerging Technology Charter e lo Smart London Board saranno in grado di disconnettere chiunque ritengano indegno di avere accesso a queste cosiddette nuove tecnologie benefiche.

Sii affidabile con i dati delle persone

"Londra richiede modi sicuri, protetti e utili di utilizzare e condividere i dati che creano fiducia tra i nostri partner e cittadini", affermano gli autori della carta. Il principio continua elencando tutti i modi in cui promettono di raccogliere, rivedere e archiviare eticamente i dati, inclusi i dati biometrici.

Questa è forse la sezione più palesemente in malafede della Carta. Non solo perché seguire questa carta è del tutto volontario per cominciare, ma perché lascia fuori due aspetti cruciali di come i dati sono già raccolti e utilizzati nel Regno Unito.

Il primo è il Government Communications Headquarters (GCHQ), l'equivalente inglese della National Security Agency (NSA). Il GCHQ raccoglie, esamina e archivia e quantità di dati incomprensibile sul pubblico britannico con poca o nessuna responsabilità o supervisione, eppure l'Emerging Technology Charter non fa menzione di questo fatto. Quindi, anche se coloro che seguono la Carta rispettassero assolutamente la privacy dei londinesi, sarebbe un punto controverso a meno che la sorveglianza di massa del CQHQ non fosse terminata.

In secondo luogo, è l'Investigatory Powers Act 2016, noto anche come Carta Snoopers. Questa legge consente al governo di mentire in tribunale impunemente da che sancisce la costruzione parallela legalmente. Esso lavori come questo:

La costruzione parallela si verifica quando il governo viene a conoscenza di attività criminali attraverso una fonte, ma poi fornisce le informazioni a un'agenzia delle forze dell'ordine per "ricostruire" l'indagine in modo che l'origine di quella seconda indagine sia diversa dalla fonte originale.

Ancora una volta, anche se l'Emerging Technology Charter fosse reso obbligatorio e proteggesse veramente la privacy di tutti a Londra, non impedirebbe al governo di utilizzare quei dati a proprio vantaggio con i membri del pubblico, nessuno più a lungo su come sono stati realmente raccolti .

Sii sostenibile

Quale linea guida tecnocratica sarebbe completa senza un impegno per la sostenibilità? "Londra vuole che le nuove tecnologie siano il più sostenibili possibile [e] contribuiscano all'obiettivo del sindaco di essere una città a zero emissioni di carbonio", secondo la carta. E entro quando il sindaco vuole che Londra diventi una città a zero emissioni di carbonio? 2030 ovviamente.

Le vite di tutti i londinesi saranno registrate, elencate, analizzate, catalogate, tracciate, tracciate e controllate nella smart city di Khan, ma almeno sarà fatto in modo sostenibile. E per sostenibilità dobbiamo presumere che questo significhi tutto ciò che serve per centralizzare e controllare ulteriormente le risorse del pianeta in sempre meno mani come parte di ciò che James Corbett chiama il La truffa del clima da 100 trilioni di dollari di Bankster.

La situazione a Londra illustra quanto facilmente le nuove tecnologie di controllo possano essere inserite nella nostra infrastruttura esistente. In questo modo, né i residenti che percorrono la metropolitana né i turisti che scattano foto del Big Ben e di Buckingham Palace possono semplicemente fare i loro affari senza sentire che si accorgono della griglia di schiavitù che si sta costruendo intorno a loro. Fino al giorno in cui non possono salire a bordo del loro volo per mancanza di un certificato sanitario, acquistare i biglietti per uno spettacolo perché le telecamere a circuito chiuso li hanno colti con il semaforo rosso o comprare carne perché hanno superato la loro quota mensile di cibo sostenibile. Ma ormai è già troppo tardi.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
11 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Blaise Vanne

Nel marzo 2007, il quotidiano britannico The London Evening Standard ha sottolineato che ci sono 32 telecamere a circuito chiuso nel raggio di 200 metri da un'altra residenza che George Orwell un tempo chiamava casa: 27B Canonbury Square a nord di Londra. Una telecamera CCTV può essere individuata anche all'angolo di Plaça de George Orwell a Barcellona. Questo è per il fasco-marxista https://factcheck.afp.com/no-there-isnt-cctv-camera-outside-house-where-george-orwell-lived E l'ancora più disgustoso https://www.huffpost .com/entry/orwells-home-surrounded-b_n_44694 Ma poche o nessuna CCTV davanti al suo vecchio 22 Portobello Road a Londra, su Google Street View ci permette di verificare queste affermazioni visionando la facciata della casa con la targa blu... Per saperne di più »

[…] Technocracy News riportava: […]

[…] Technocracy News riportava: […]

[…] Technocracy News riportava: […]

[…] Technocracy News riportava: […]

Greg

Sono inglese e, come molti inglesi, considero Sadiq Khan un nano intellettuale. È un uomo di posizione, e quasi certamente è stato eletto attraverso brogli e voto di blocco illegale dalla comunità musulmana. Non serve tutti i londinesi. Khan non ha l'attrezzatura intellettuale per comprendere nessuna di queste nuove tecnologie. Ascolta alcuni dei video YouTube dell'Assemblea di Londra sulle riunioni dell'Assemblea in cui tiene. È triste e deprimente. In effetti, nessuno di questi "innovatori" ha idea delle conseguenze del lancio del 5G. Leggi L'arcobaleno invisibile, di Arthur Firstenberg, un libro meticolosamente studiato... Per saperne di più »