Logan, tecnocrazia e l'abolizione dell'uomo

LoganYoutube
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

Uno sguardo filosofico penetrante sui pericoli della tecnocrazia nella sua espressione finale sul pianeta terra. Sta arrivando, potrebbe essere inarrestabile, e la sua fine logica è, come scrisse CS Lewis, l '"Abolizione dell'Uomo". Editor TN

Il film appena uscito Logan, l'apparizione finale di Hugh Jackman nei panni di Wolverine, il membro degli X-Men artigli e meditabondo, è davvero un film pieno di violenza e volgarità. Offre, tuttavia, una visione affascinante di ciò che è possibile quando l'uomo usa il progresso tecnologico divorziato da qualsiasi concezione della natura e del bene. Molti hanno discusso delle conseguenze del rifiuto della natura a favore del "progresso" tecnologico. CS Lewis, nel suo Abolizione dell'Uomo, ha parlato a lungo dei tentativi di cambiare e alterare la natura. Inoltre, i papi più recenti hanno messo in guardia dal consentire alla tecnologia di trasgredire le norme morali. Logan illustra perché Lewis e l'insegnamento cattolico mettono in guardia contro la "tecnocrazia" e chiedono che le indagini scientifiche siano limitate per natura.

Il film Logan traccia la storia del personaggio del titolo Logan come un uomo anziano che tenta di trovare la sua strada in un mondo che non tollera più gli X-Men e cerca attivamente di sradicare i mutanti. Mentre si prende cura di un professore malato Charles Xavier, Logan incontra una ragazza che possiede le stesse abilità curative e gli artigli metallici di se stesso. Logan apprende infine che la ragazza è stata clonata dal suo stesso materiale genetico, ed è una dei tanti bambini che sono stati creati in modo simile da una grande azienda biotecnologica che tenta di fabbricare armi mutanti viventi. Un'infermiera, avendo pietà dei bambini, tenta di liberarli, ma è in grado di scappare solo con la figlia clonata di Logan. Quindi cerca Logan e gli chiede di aiutare a portare la ragazza in un rifugio mutante in Canada.

Un tema importante in tutto il film è il contrasto tra il tentativo guidato dall'uomo di manipolare la natura per ottenere guadagni materiali e una visione alternativa in cui l'uomo lavora e si sottomette alla natura. Una sequenza particolarmente sorprendente prevede che Logan aiuti una famiglia dell'Oklahoma, lottando per mantenere la propria fattoria contro le grandi aziende agricole, soccorrendo cavalli che hanno iniziato a correre attraverso un'autostrada, con camion commerciali a guida autonoma. Il pubblico vede i cavalli viventi e naturali giustapposti ai veicoli artificiali e artificiali. Questo contrasto continua quando Logan, insieme a Xavier e sua figlia, si uniscono alla famiglia per cena a casa loro. Logan, un uomo creato artificialmente da scienziati militari e senza una chiara comprensione del suo passato, vede come sarebbe potuta essere la sua vita. Xavier gli dice: "Questo è l'aspetto della vita". Quindi abbiamo il contrasto tra una famiglia che lotta per mantenere e sostenere la vita naturale e l'azienda che cerca di fabbricare mutanti come armi. È, fondamentalmente, la lotta tra l'uomo che accetta la natura e l'uomo che tenta di conquistare la natura. È natura contro tecnologia.

Lewis, nel suo Abolizione dell'Uomo, spiega che qualsiasi aumento della tecnologia e del potere sulla natura significa in definitiva anche un maggiore controllo di alcune persone su altre. Questo potere, osserva, potrebbe essere positivo o negativo, ma è razionale solo se collegato alla nostra natura umana. Spiega che "ciò che chiamiamo il potere dell'uomo sulla natura si rivela essere un potere esercitato da alcuni uomini su altri uomini con la natura come strumento". Lewis non suggerisce che tale potere sia di per sé cattivo o che gli individui necessariamente usa questo potere per il male. In realtà, suggerisce che la nostra natura umana può essere lo standard in base al quale giudichiamo se un uso particolare della natura sia buono o cattivo. Nota che, tradizionalmente, gli uomini erano vincolati da "il Tao, "Codice per la natura umana e la legge naturale. Le generazioni precedenti “non hanno tagliato gli uomini al modello che avevano scelto. Trasmisero ciò che avevano ricevuto: iniziarono il giovane neofita nel mistero dell'umanità, che sovrastò lui e loro allo stesso modo. Era solo un vecchio uccello che insegnava ai giovani uccelli a volare. ”Il nostro uso della tecnologia, quando misurato contro la natura umana e la legge naturale, è buono e perfeziona i singoli uomini e donne. L'uso di nuovi dispositivi medici per ripristinare la salute o l'uso di nuovi mezzi di comunicazione e trasporto può essere conforme alla legge naturale. Cosa succede, tuttavia, se rifiutiamo la legge naturale e quindi cerchiamo di creare la nostra natura?

Lewis sostiene che coloro che desiderano cambiare natura, che chiama "Condizionatori", non avranno altro che una scelta arbitraria per giustificare le loro decisioni di trasformare gli esseri umani in questo piuttosto che in quello. Lewis sostiene che, "I condizionatori, quindi, devono diventare motivati ​​semplicemente dal loro piacere." In precedenza, le azioni erano misurate dalla legge naturale e dalla natura umana. Se desideriamo cambiare la natura, non possiamo giudicare quel cambiamento come buono o cattivo secondo la natura umana. Questo è esattamente ciò che desideriamo cambiare! Pertanto, l'unica cosa rimasta da utilizzare come motivo per cambiare l'umanità in questo piuttosto che in quello è il desiderio arbitrario dell'individuo incaricato di apportare cambiamenti. Sarà il tecnico di laboratorio che deciderà di rendere gli esseri umani secondo la propria immagine, e quelli creati sono totalmente sotto il controllo di quello che crea. Pertanto, Lewis vede questo risultato come la conquista finale dell'uomo sulla natura, quando vediamo l'effettiva abolizione dell'uomo.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
alex

Se la mia memoria mi serve bene (?)…. Penso che sia stato CSLewis a dichiarare:
"Spero che l'umanità non sfugga mai ai confini della Terra ... per diffondere le sue iniquità altrove" ... a volte scuoto la testa e devo essere d'accordo ... evviva, nonostante tutto.