La Cina sta sviluppando un drone da combattimento Stealth simile a quello

drone stealthFoto: Kin Cheung
Per favore, condividi questa storia!
Il drone cinese è un quasi clone del drone X47B della Marina degli Stati Uniti che è stato fermato nel 2015. I cinesi venderanno questi droni a qualsiasi governo del mondo, senza restrizioni, mentre gli Stati Uniti richiedono pesanti restrizioni. I tecnocrati cinesi non hanno limiti etici. ⁃ TN Editor

Una compagnia statale cinese afferma che sta sviluppando un drone da combattimento invisibile nell'ultimo segno della crescente abilità aerospaziale del paese. Sottolinea anche il veicolo aereo senza pilota CH-7 La crescente competitività della Cina nell'espansione del mercato globale dei droni.

La Cina ha vinto vendite in Medio Oriente e altrove offrendo droni a prezzi più bassi e senza le condizioni politiche imposte dagli Stati Uniti

Il capo progettista del CH-7 Shi Wen afferma che l'aereo può "volare per molte ore, esplorare e colpire l'obiettivo quando necessario".

"Molto presto, credo, nei prossimi uno o due anni, (possiamo) vedere il CH-7 volare nei cieli blu, diventando gradualmente un prodotto pratico e utilizzabile in futuro", ha detto Shi all'Associated Press.

Shi ha dichiarato che il produttore cinese Aerospace Science and Technology Corporation intende testare il drone l'anno prossimo e iniziare la produzione in serie da 2022. Ha detto che il drone sarà probabilmente venduto all'estero ma non aveva informazioni sui potenziali clienti.

Un modello del velivolo è stato esposto allo spettacolo aereo di Zhuhai di questa settimana nel sud della Cina, un evento semestrale che mostra gli ultimi progressi della Cina nell'aviazione militare e civile.

Con un'apertura alare di metri 22 (piedi 72) e una lunghezza di metri 10 (piedi 33), l'ala spazzata CH-7 ha le dimensioni di un aereo da combattimento e il suo singolo motore può spingerlo all'incirca alla velocità di un jet commerciale aereo di linea.

Anche gli Stati Uniti, la Russia e la Francia stanno sviluppando droni stealth, mentre Israele è da tempo leader nel settore UAV.

Tuttavia, i prezzi bassi e la volontà di trasferire la tecnologia hanno dotato la Cina di una "posizione forte" nel mercato degli UAV, ha affermato Phil Finnegan, direttore dell'analisi aziendale presso Teal Group Corp. a Fairfax, Virginia.

Gli Stati Uniti sono stati estremamente cauti nel vendere il proprio sistema senza pilota di fascia alta, anche agli stati membri della NATO, aprendo un'opportunità alla Cina nel mercato delle esportazioni, ha dichiarato Justin Bronk, un'esportazione su tali tecnologie presso il Royal United Services Institute for Defence e Studi sulla sicurezza a Londra.

"Rappresenterebbe un'area delle offerte di esportazione di armi cinesi che nessun altro paese offre", ha detto Bronk.

Accanto allo sviluppo di caccia stealth e aerei passeggeri commerciali, la Cina ha fatto rapidamente progressi nello sviluppo di UAV, che hanno un costo di entrata tecnologico relativamente più basso. Le vendite sono state inoltre potenziate dal fatto che la Cina non è firmataria del regime di controllo della tecnologia missilistica che limita le esportazioni di missili e altri sistemi di armi senza pilota.

Il numero di programmi sui droni svelati in Cina negli ultimi anni è stato "vertiginoso", ha affermato Sam Roggeveen, direttore del programma di sicurezza internazionale presso il Lowy Institute australiano.

Anche se l'efficacia finale del CH-7 resta da determinare, se esportata, "segnerebbe un altro passo avanti per la Cina, che tradizionalmente non ha offerto la sua tecnologia all'avanguardia ai clienti stranieri", ha detto Roggeveen.

In tutto il Medio Oriente, i paesi bloccati dall'acquisto di droni fabbricati negli Stati Uniti a causa delle norme sull'eccessivo numero di vittime civili sono stati corteggiati dai trafficanti di armi cinesi, ora il principale distributore mondiale di droni armati.

Le vendite stanno aiutando a espandere l'influenza cinese in una regione cruciale per gli interessi di sicurezza americani e rafforzando le ambizioni di Pechino di guidare la vendita di armi ad alta tecnologia.

Mentre gli Stati Uniti detengono ancora un vantaggio tecnologico, la Cina vince sul prezzo. Il fatto che sia disposto a vendere il CH-7 all'estero potrebbe indicare che la tecnologia è meno che all'avanguardia, dato il desiderio della Cina di difendere il proprio vantaggio tecnologico in tali aree, ha affermato Ron Huisken, esperto di sicurezza regionale presso l'Australian National University.

Le esportazioni cinesi sottolineano anche la crescente pervasività dei droni nella guerra moderna, anche senza forti accordi internazionali su dove e come possono essere utilizzati.

"Ci si chiede quali brutte sorprese siano in serbo quando i paesi più disinvolti su come usano i droni e meno rigidi sugli standard di addestramento ci mettono le mani su", ha detto Huisken.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti