Lo scopo della censura di COVID-19: non consentire "entrambi i lati dell'argomento"

Edge Hill University Learning Innovation Center. Di Edge Hill University - https://www.flickr.com/photos/edgehilluniversity/6955277595/, CC BY-SA 2.0
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Gli accademici hanno chiaramente articolato il modus operandi per la censura di massa di opinioni opposte: quando "la scienza ci dice che c'è solo una parte", quindi "evita di presentare" entrambe le parti dell'argomento "". Questo è l'apice dello scientismo e della tecnocrazia e spiega pienamente perché i critici di COVID-19 vengono "cancellati".

Questo spiega anche chi ha il controllo dell'intera narrativa COVID-19, vale a dire Technocrats. Dimostra anche che i cambiamenti climatici e il "grande panico del 2020" sono gestiti dalla stessa folla. La rivolta marxista nelle strade delle principali città è solo una cortina fumogena per mantenere l'attenzione su questi pazzi che adorano l'alterazione della pseudo-scienza. L'America deve respingere questa ideologia malvagia e distruttiva prima che il danno alla società diventi permanente. ⁃ Editor TN

I cambiamenti climatici e COVID-19 sono le due crisi più significative affrontate dal mondo moderno - e un cambiamento di comportamento diffuso è essenziale per far fronte a entrambi. Ciò significa che la messaggistica ufficiale da parte del governo e di altre autorità è fondamentale. Per avere successo, i leader devono comunicare efficacemente la grave minaccia ed ottenere alti livelli di conformità pubblica, senza causare indebito panico.

Ma la misura in cui le persone si conformano dipende dai loro filtri psicologici quando ricevono i messaggi, come ha dimostrato la pandemia di coronavirus.

Con COVID-19, i primi messaggi hanno tentato di circoscrivere la natura della minaccia. Nel mese di marzo, il CHI ha annunciato che: "COVID-19 colpisce più gravemente gli anziani e le persone con condizioni di salute preesistenti". Dichiarazioni simili sono stati realizzati dal governo del Regno Unito.

E per evitare il pregiudizio all'ottimismo, dobbiamo anche evitare di presentare "entrambi i lati dell'argomento" nei messaggi: la scienza ci dice che esiste solo un lato.

Un'interpretazione ragionevole di ciò sarebbe che il virus non "colpisce" i giovani. Ma quando sono arrivati ​​nuovi dati clinici, questo messaggio è stato modificato per sottolineare che il virus potrebbe colpire persone di tutte le età e non discrimina.

Ma gli esseri umani non sono necessariamente del tutto razionali in termini di elaborazione delle informazioni. La psicologia sperimentale ha scoperto molte situazioni in cui il nostro ragionamento è, in effetti, limitato o distorto.

Ad esempio, un processo mentale chiamato "affetto euristico" ci consente di prendere decisioni e risolvere i problemi in modo rapido e (spesso) efficiente, ma basato sui nostri sentimenti piuttosto che sulla logica. Il pregiudizio ha dimostrato di influenzare entrambi i giudizi di rischio e comportamento. Per COVID-19, la messaggistica ufficiale avrebbe stabilito una reazione meno negativa nei giovani rispetto agli anziani. Ciò avrebbe aumentato la loro probabilità di assumere più rischi, anche quando sono arrivati ​​nuovi dati autorevoli sui rischi reali. I ricercatori chiamano questo "intorpidimento psicofisico".

Un altro ostacolo mentale è bias di conferma. Questo ci rende ciechi ai dati che non sono d'accordo con le nostre convinzioni, rendendoci eccessivamente attenti ai messaggi che sono d'accordo con loro. Influenza (tra le altre cose) l'attenzione visiva automatica su alcuni aspetti dei messaggi. In altre parole, se sei giovane, puoi, senza alcuna consapevolezza cosciente, prestare poca attenzione visiva alla notizia che il virus è grave per le persone di tutte le età.

Il messaggio positivo iniziale per i giovani ha anche creato un "bias di ottimismo”. Questo pregiudizio è molto potente: conosciamo vari meccanismi cerebrali che possono garantire che persista un umore positivo. Uno studio ha scoperto che le persone tendono ad avere un livello ridotto di codifica neurale di informazioni più negative del previsto (rispetto a informazioni più positive del previsto) in una regione critica della corteccia prefrontale, che è coinvolta nel processo decisionale. Ciò significa che tendiamo a perdere le cattive notizie in arrivo e, anche se non lo facciamo, difficilmente le elaboriamo.

Tutti questi pregiudizi influenzano il nostro comportamento e ci sono prove evidenti che i giovani avevano maggiori probabilità di non rispettare le direttive del governo su COVID-19. Un sondaggio condotto il 30 marzo dalla società di sondaggi Ipsos MORI lo ha scoperto quasi il doppio I giovani di età compresa tra 16 e 24 anni avevano una preoccupazione bassa o limitata su COVID-19 rispetto agli adulti di età pari o superiore a 55 anni. Anche il gruppo più giovane aveva quattro volte più probabilità degli adulti più anziani di ignorare i consigli del governo.

Lezioni per i cambiamenti climatici

La nostra stessa ricerca ha dimostrato che significativi pregiudizi cognitivi operano anche con la messaggistica sul cambiamento climatico. Uno è il pregiudizio di conferma: coloro che non credono che il cambiamento climatico sia una vera minaccia semplicemente non accettano messaggi che lo affermano.

Inoltre, a differenza dei messaggi di coronavirus, la maggior parte dei messaggi sui cambiamenti climatici accentua inavvertitamente ciò che chiamiamo pregiudizi "temporali" e "spaziali". La campagna del governo del Regno Unito "Legge sulla CO2"Ha usato immagini di adulti che leggevano storie della buona notte per i bambini, il che implicava che la vera minaccia del cambiamento climatico lo farà si presenta in futuro - una distorsione temporale.

Altre campagne hanno utilizzato l'orso polare perenne nelle immagini associate, il che rafforza la distorsione spaziale - gli orsi polari si trovano in una posizione geografica diversa (rispetto alla maggior parte di noi). Questi messaggi consentono quindi un elevato grado di ottimismo - con la gente che pensa che i cambiamenti climatici non influenzeranno loro e le loro stesse vite.

Ricerca usando il eye-tracking per analizzare come elaborano i messaggi sui cambiamenti climatici dimostra gli effetti di tali pregiudizi. Ad esempio, le persone ottimiste tendono a fissare lo sguardo sugli aspetti più "positivi" dei messaggi sui cambiamenti climatici (in particolare qualsiasi menzione di controversie sulla scienza di base - c'è meno di cui preoccuparsi se la scienza non è definitiva).

Queste fissazioni dello sguardo possono anche influenzare ciò che ricordi da tali messaggi e quanto vulnerabili ti fanno sentire. Se non pensi che i cambiamenti climatici ti influenzeranno personalmente, l'euristica dell'effetto non ti guiderà direttamente verso azioni correttive appropriate.

Per rendere più efficaci i messaggi sul cambiamento climatico, dobbiamo indirizzare questi pregiudizi cognitivi. Per prevenire distorsioni temporali e spaziali, ad esempio, abbiamo bisogno di un messaggio chiaro sul perché i cambiamenti climatici sono dannosi per gli individui nella loro vita nel qui e ora (stabilire un euristico effetto appropriato).

E per evitare il pregiudizio all'ottimismo, dobbiamo anche evitare di presentare "entrambi i lati dell'argomento" nei messaggi: la scienza ci dice che esiste solo un lato. È necessario inoltre chiarire il motivo per cui funzioneranno comportamenti sostenibili e raccomandati (stabilire un diverso tipo di parzialità di conferma).

Abbiamo anche bisogno che tutti ricevano il messaggio, non solo alcuni gruppi: questa è un'importante lezione di COVID-19. Non ci possono essere (apparenti) eccezioni quando si tratta di cambiamenti climatici.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
solo dicendo

"La scienza dice che esiste solo un lato" dimostra anche che il darwinismo è unilaterale. Se non siamo stati creati da un potente infinito personale che conosce tutto il Santo Dio che ci ama, ma si è evoluto, allora è la sopravvivenza del più adatto e non c'è peccato e non c'è giudizio per le nostre azioni. Quanto sono stupidi? Dico molto stupido. Anche se per ora sembra che stiano vincendo, non lo sono. Non sanno che sono stati ceduti a una mente degradata da Dio stesso e che sono manipolati dal burattinaio... Leggi di più "

Brad

Chiunque legga questo articolo dovrebbe anche leggere la sezione dei commenti sul sito di origine.

Julian Padmore

L'argomentazione dei tecnocrati non paga nemmeno il labbro alla ricerca della verità. Combattere il pregiudizio di conferma mostrando solo un lato dell'argomento è estrema ipocrisia

eddie

puoi spiegare un po 'meglio cosa intendi con questo, per favore