Le università devono preparare gli "ingegneri intelligenti" per le città intelligenti di domani

vuotoWikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
In effetti, le università stanno sviluppando "ingegneri intelligenti" incentrati sullo sviluppo sostenibile, anche se "con l'IA, le città possono presto abbastanza città correre da sole". Questa tendenza è stata guidata dagli ideologi della Smart City, non dalla domanda naturale o esistente di tale ingegneri. ⁃ Editor TN

Il futuro delle nostre città è senza dubbio intelligente. L'intelligenza artificiale (AI) e l'apprendimento automatico sono destinati a rivoluzionare il modo in cui i dati vengono raccolti, gestiti e implementati nella nostra vita. In che modo l'istruzione può essere d'aiuto?

Per la maggior parte delle persone, questi termini tecnici non ispirano altro che i pensieri di un'epica battaglia Z-esque della Seconda Guerra Mondiale tra uomini e macchine. Ma, attraverso l'educazione, queste paure della caduta fittizia dell'umanità possono essere sostituite dalla conoscenza di come navigare nelle nostre future giungle concrete e dalla comprensione di come la spingiamo allo sviluppo incentrato sull'uomo.

Con l'IA, le città possono presto funzionare abbastanza da sole. Le luci della strada possono imparare quando il sole tramonta in diversi periodi dell'anno attraverso l'inserimento dei dati e capire a che ora devono accendersi senza che un umano lo gestisca. Gli attraversamenti pedonali possono creare i propri algoritmi per decidere quanto tempo occorrerebbe alle persone per attraversare la strada senza che gli umani debbano inserire un codice manuale. Le auto a guida autonoma potrebbero persino imparare a determinare il percorso più rapido verso casa dopo il lavoro senza che il conducente debba nemmeno premere un pulsante.

Dottore in ingegneria civile e difensore dello sviluppo di un futuro tecnologico sostenibile presso l ' Università di Nottingham, Ha detto Alvaro Garcia Hernandez Study International: “Le città intelligenti in 2050 saranno completamente automatizzate e gestite dall'intelligenza artificiale che monitorerà costantemente l'ambiente urbano e regolerà autonomamente i sistemi di manutenzione del traffico e della strada.

"Le nuove tecnologie di produzione aumenteranno l'efficienza esponenziale delle costruzioni e gli ingegneri civili si concentreranno principalmente sull'affrontare i cambiamenti climatici e sul miglioramento della qualità dell'ambiente urbano".

Oggi più che mai, gli studenti di ingegneria devono abbracciare il futuro digitale che sta già influenzando la nostra vita. Prendi l'emergenza di "bidoni intelligenti " per esempio. I contenitori con sensori integrati vengono ora implementati per informare i lavoratori su quando devono essere svuotati. Le discussioni sulle macchine che raccolgono la spazzatura e la portano in un camion della spazzatura nelle vicinanze indicano i continui sviluppi verso un futuro digitale. Con le auto a guida autonoma anche nella pipeline tecnologica, potrebbe non passare molto tempo prima che l'intero processo di raccolta dei rifiuti urbani sia completamente automatizzato.

Gli umani guideranno

Sebbene il futuro delle città intelligenti possa essere guidato dalle macchine, l'innovazione umana sarà sempre la forza trainante di questi sviluppi. Con la società che sfreccia verso il futuro delle città intelligenti quanto più velocemente consentirà la più ampia larghezza di banda, la prossima generazione di innovatori tecnologici saranno le menti che plasmeranno le nostre "tecnologiche" per gli anni a venire.

Ciò pone quindi la sfida di come le università preparano gli studenti a un orizzonte che deve ancora essere scoperto? L'istruzione superiore dovrebbe ora concentrarsi sulla creazione di studenti con esperienza nella tecnologia sostenibile e consapevolezza digitale, ma quando questa tecnologia è ancora in attesa di essere creata e utilizzata, è quasi impossibile determinare come insegnare ai leader digitali.

"Il nostro ruolo come università è quello di assicurarci che i nostri studenti comprendano l'entità delle sfide che verranno, compresa la digitalizzazione dei loro lavori futuri, e siano in grado di rispondere rapidamente alle sfide di un mondo in rapido cambiamento", ha affermato Garcia Hernandez.

La studentessa di ingegneria civile Reggie Clarke è d'accordo, raccontando Study International: “Mentre l'ingegneria civile è stata storicamente piuttosto lenta nell'affrontare nuove sfide e innovazioni a causa di elevate considerazioni sui rischi, questo potrebbe non essere vero ora. È chiaro per me che la posta in gioco sarà incredibilmente alta e l'adattabilità è un'abilità così necessaria per tutti gli ingegneri nel prossimo futuro. "

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti