BirthStrikers: le donne temono i cambiamenti climatici, rifiutano di avere figli

una donnaYoutube
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La procreazione della razza umana sta vacillando. La paranoia climatica sta schiacciando i sogni delle giovani donne che hanno paura di portare i bambini nel mondo o credono che sia immorale farlo. ⁃ Editor TN

Non appena Blythe Pepino si è unita al suo partner Joshua due anni fa, ha sentito "questa schiacciante voglia di creare una famiglia con lui", dice. "Penso che sia stato il quinto giorno dopo averlo incontrato, ho detto: 'Devo incontrare i tuoi genitori'. Era tipo: 'Sei pazzo' ”.

Poi, alla fine dell'anno scorso, ha partecipato a una conferenza tenuta dal gruppo di azione diretta Extinction Rebellion, che ha esposto in modo netto la realtà catastrofica del cambiamento climatico. Ciò ha galvanizzato Pepino, un'attivista e musicista (è l'ex cantante di Vaults, ora Mesadorm), per fare ricerche per conto suo e, infine, per avere una serie di conversazioni tristi con Joshua.

"Mi sono reso conto che anche se volevo avere una famiglia a quel punto, non potevo davvero convincermi a farlo", dice. "Ho dovuto dirgli: 'Non so se posso farlo, considerando quello che sappiamo - se non c'è una volontà politica per risolvere questo problema, non abbiamo davvero molte possibilità.'"

Pepino, che oggi trasforma 33, ha scoperto che altre donne - specialmente quelle che si trovano in ambienti attenti al clima - stavano lottando con la stessa domanda, ma avevano “troppa paura di parlarne” per paura del giudizio o del ridicolo. La deputata americana Alexandria Ocasio-Cortez ha dato voce alle loro preoccupazioni il mese scorso, sottolineando il sempre più terribile consenso scientifico e la diffusa inazione del governo: "Porta i giovani ad avere una domanda legittima: va bene avere ancora figli?"

E così Pepino ha deciso di annunciare pubblicamente la sua decisione - prendendo strategicamente la politica personale - istituendo BirthStrike, un'organizzazione volontaria per donne e uomini che hanno deciso di non avere figli in risposta all'imminente "collasso climatico e crollo della civiltà". Nel fare ciò, spera di incanalare il dolore che prova per la sua decisione "in qualcosa di più attivo, rigenerativo e pieno di speranza". In sole due settimane, le persone 140, principalmente donne nel Regno Unito, avere dichiarata la loro "decisione di non generare figli a causa della gravità della crisi ecologica", afferma Pepino. "Ma abbiamo anche avuto persone in contatto per dire: 'Grazie per aver parlato di qualcosa di cui non pensavo di poter nemmeno parlare con la mia famiglia'", aggiunge. Molti di questi BirthStrikers sono coinvolti con Extinction Rebellion, che sabato gettò secchi di vernice rossa fuori da Downing Street per simboleggiare "la morte dei nostri figli" a causa dei cambiamenti climatici.

Pepino afferma che BirthStrike è distinto dal movimento antinatalista (che dice che avere figli è moralmente sbagliato perché la vita senziente è così terribile), e il suo scopo non è quello di dissuadere le persone dall'avere figli o di condannare coloro che li hanno già, ma di comunicare l'urgenza della crisi. È un "riconoscimento radicale" di come l'incombente minaccia esistenziale sta già "alterando il modo in cui immaginiamo il nostro futuro". "Non stiamo cercando di risolverlo con BirthStrike", afferma. "Stiamo cercando di ottenere le informazioni là fuori."

In effetti, afferma, la riduzione della popolazione ha dimostrato di essere una strategia inefficace. UN studio pubblicato 2017 negli Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti hanno esplorato vari scenari per il cambiamento della popolazione umana globale regolando i tassi di fertilità e mortalità. Ha scoperto che persino l'imposizione di politiche per il figlio unico in tutto il mondo e "eventi catastrofici di mortalità" non ridurrebbe significativamente la popolazione globale di 2100. Propone invece che "risultati più immediati per la sostenibilità emergerebbero da politiche e tecnologie che invertono il crescente consumo di risorse naturali".

"Anche con politiche drastiche, draconiane ed eugenetiche di riduzione della popolazione - che sono completamente immorali", afferma Pepino, "non ci salveremmo. Dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere. "

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti