Le città intelligenti promettono efficienza ma promuovono il capitalismo di sorveglianza

Per favore, condividi questa storia!
Maggiore è il numero di dati raccolti dalla tecnologia Smart City, maggiore è il rischio che tutto finisca nelle mani degli hacker. La mancanza di sicurezza è una minaccia esistenziale per gli abitanti della città, ma solo una leggera seccatura per Big Tech. ⁃ Editor TN

Più di un milione di newyorkesi potrebbero presto accettare di portare con sé un dispositivo di localizzazione emesso dal governo, che lo realizzino o meno. 

Quello è il proposta dal sindaco Bill de Blasio, che è appena tornato dalla campagna elettorale punteggiata da campi di grano in Iowa, si sta impegnando a trasformare New York City in qualcosa di un romanzo distopico di fantascienza. Ma alcuni critici lo sono sollecitando cautela sulla mossa.

La confusione riguarda un piccolo chip RFID che il sindaco vuole incorporare in ogni singola carta d'identità comunale per i residenti di New York come parte del programma "IDNYC". 

L'ultima proposta potrebbe sembrare modesta, ma la realtà è che potenzialmente mette centinaia di migliaia di persone a maggior rischio di furto di identità, stalking e deportazione (per i newyorkesi senza documenti). E purtroppo fa parte della tendenza globale verso le cosiddette "città intelligenti", una serie di imprese ad alta tecnologia che pretendono di migliorare l'efficienza municipale al prezzo modesto di privarci della nostra privacy e autonomia.

Sarebbe un compromesso discutibile se la tecnologia venisse fornita, ma sempre più vediamo che questi sistemi prendono più di quanto temessimo, offrendo al contempo molto meno di quanto ci fosse stato promesso.

I sostenitori delle città intelligenti affermano che, integrando Internet delle cose, l'intelligenza artificiale e le reti di sensori, possiamo rendere i nostri bambini più intelligenti, i nostri spostamenti più veloci e persino salvare vite. Le affermazioni stravaganti non finiscono qui. Le città intelligenti sono annunciate come la soluzione a tutto la crisi degli oppioidi a di fatto la segregazione scolastica. Forse l'affermazione più stravagante è ancora che RoboCops knock-off sarà pari prevenire i crimini prima ancora che accadano.

Il movimento è solo agli inizi, ma i programmi di città intelligenti includono già tutti i servizi comunali di scuole,  ospedali,  igiene,  applicazione della legge. E anche quelli fuori dalle grandi città non sono esenti. Sempre più, città grandi e piccole vengono accolti dalla promessa di una società basata sui dati. 

PIÙ DATI, PIÙ PROBLEMI

È difficile sopravvalutare il rischio sulla privacy. Le agenzie governative avranno quantità crescenti di dati estremamente sensibili sulla nostra salute, sul rendimento scolastico dei nostri figli e su dove trascorriamo il nostro tempo libero. Vai al bar? La città intelligente lo sa. Vai a una protesta? Probabilmente lo sa anche quello. E così farà chiunque entri.

L'hacking non è un rischio teorico, è già successo. Già da 2014, ricercatori di sicurezza che iniziano a dare l'allarme che i sistemi urbani critici erano non crittografati e completamente vulnerabili agli attacchi. Nello stesso anno, il Department of Homeland Security ha ammesso che gli hacker lo avevano fatto diviso in un'utilità pubblica semplicemente indovinando la password.  

Più recentemente, abbiamo visto intere città tenute in ostaggio dagli hacker. Entrambi Baltimora di Atlanta hanno visto fermare ampie fasce dei loro governi quando gli aggressori hanno usato il ransomware per crittografare i sistemi informatici governativi, chiedendo un grosso pagamento in cambio della chiave. I residenti hanno perso l'accesso a tutto, dai pagamenti delle bollette online, ai trasferimenti di proprietà e persino alla programmazione giudiziaria. Nel caso di Baltimora, non solo la città era stata messa fuori uso per settimane dall'attacco, ma erano dati cruciali perso definitivamente. 

In modo inquietante per coloro i cui dati sanitari e finanziari sono conservati in questi sistemi, gli hacker possono altrettanto facilmente pubblicare ciò che trovano in pubblico. Come The Wall Street Journal ha recentemente osservato: "Più una città è connessa, più è vulnerabile agli attacchi informatici". Anche con le migliori protezioni di sicurezza, le città non possono eliminare la minaccia, non finché continuiamo a raccogliere i dati. 

Purtroppo, per molti progetti di smart city, le protezioni della privacy non sono solo una spesa indesiderata, ma una minaccia esistenziale. Dopotutto, anche se questi sistemi sono venduti con la promessa di promuovere l'efficienza del governo, il vero prodotto è spesso il pubblico stesso e tutti i nostri dati. Mi piace Lucciola di LinkNYC utilizzare i dati sulla posizione pubblica per fare ciò che hanno fatto così tante imprese tecnologiche: indirizzare meglio i propri annunci. Le città intelligenti creano un pubblico accattivante, altamente segmentato, pronto a sentirsi dire cosa devono acquistare.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti