Le città intelligenti potrebbero segnalare la fine della democarcia

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

Nota TN: questa importante storia di Il guardiano nel Regno Unito è apparso a dicembre, 2014, ma è importante comprendere i rischi delle cosiddette "città intelligenti". Il concetto di Smart City è spinto principalmente da grandi organizzazioni di ingegneria, tecnologia e consulenza, come ad esempio Siemens, Honeywell, IBM, Accenture, ecc. L'investimento in Smart City è prevede di raggiungere $ 2 trilioni di 2020.

Una donna guida alla periferia della città e sale direttamente su un treno; la sua auto elettrica si avvia poi a parcheggiare e ricaricare. Un uomo ha un attacco di cuore in strada; i servizi di emergenza inviano un drone dotato di un defibrillatore per arrivare minuti cruciali prima che un'ambulanza possa farlo. Una famiglia di robot di manutenzione volanti vive in cima a un condominio - in grado di riparare autonomamente crepe o perdite e rimuovere le foglie dalle grondaie.

Tali visioni utopiche e urbane aiutano a guidare la retorica della "città intelligente" che, negli ultimi dieci anni circa, è stata promulgata in modo più energico da grandi aziende tecnologiche, ingegneristiche e di consulenza. Il movimento si basa sull'onnipresente banda larga wireless e sull'integrazione di sensori computerizzati nel tessuto urbano, in modo che rastrelliere per biciclette e lampioni, TVCC e semafori, nonché elettrodomestici geek come frigoriferi Internet e sistemi di riscaldamento telecomandati parte della cosiddetta "Internet delle cose" (il mercato globale per il quale è ora stimato in $ 1.7tn). Una vita migliore attraverso la biochimica lascia il posto a un sogno di una vita migliore attraverso i dati. Puoi persino prendere un Master in Smart Cities all'University College di Londra.

Eppure ci sono anche critiche distopiche su ciò che questa visione intelligente della città potrebbe significare per il comune cittadino. La stessa frase ha scatenato una battaglia retorica tra tecno-utopisti e fiordi postmoderni: la città dovrebbe essere un panopticon ottimizzato o un melting pot di culture e idee?

e che ruolo avrà il cittadino? Quello di un impiegato di dati non retribuito, che fornisce volontariamente informazioni a un database urbano monetizzato da società private? Il cittadino è meglio visualizzato come un pixel in movimento regolare, in viaggio per lavoro, negozi e casa di nuovo, su un display grafico 3D colorato? O il cittadino è giustamente una fonte imprevedibile di richieste e affermazioni di diritti ostili? "Perché le città intelligenti offrono solo miglioramenti?" chiede l'architetto Rem Koolhaas. "Dov'è la possibilità di trasgressione?"

Il concetto di smart city risale probabilmente almeno all'invenzione dei semafori automatizzati, che sono stati inizialmente impiegati in 1922 a Houston, in Texas. Leo Hollis, autore di Le città sono buone per te, afferma che l'unico risultato indiscutibilmente positivo del pensiero intelligente in stile urbano nei tempi moderni sono le schede degli indicatori dei treni della metropolitana di Londra. Ma nell'ultimo decennio, grazie all'ascesa dell'onnipresente connettività Internet e alla miniaturizzazione dell'elettronica in dispositivi ormai comuni come i tag RFID, il concetto sembra essersi cristallizzato in un'immagine della città come un robot vasto ed efficiente: una visione che ha avuto origine, secondoAdam Greenfield at Città LSE, con società tecnologiche giganti come IBM, Cisco e Software AG, che speravano tutti di trarre profitto da grandi contratti comunali.

"La nozione di smart city nella sua piena forma contemporanea sembra aver avuto origine in queste attività", osserva Greenfield nel suo libro 2013 Against the Smart City, "anziché con qualsiasi parte, gruppo o individuo riconosciuto per il loro contributo alla teoria o pratica della pianificazione urbana. "

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Christine Erikson

qualcosa che non vedo mai è spazio per animali domestici e bambini e di età compresa tra quelli che non riescono a salire una scala fino a un letto a castello in una piccola stanza.

Daniel

Città intelligente? Sembra una prigione intelligente. La prigione più intelligente è una prigione i cui prigionieri non si rendono conto di essere in una prigione.