Le banche vendono ora i tuoi dati di transazione per grandi cifre

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Se i dati sono il nuovo olio del 21st secolo, le banche hanno più di chiunque altro ... sui tuoi acquisti, viaggi, abitudini, ecc. Ora stanno cercando modi per vendere i tuoi dati al miglior offerente, non pagandoti nulla in cambio. ⁃ Editor TN

C'è un nuovo potente giocatore che guarda ciò che acquisti in modo da personalizzare le offerte di prodotti per te: la banca dietro la tua carta di credito o di debito.

Per anni, Google e Facebook hanno pubblicato annunci in base al tuo comportamento online. Rivenditori di Amazon a Walgreens anche regolarmente aspirare la cronologia delle transazioni per guidare la spesa futura e mantenere la tua lealtà.

Ora anche le banche vogliono trasformare i dati che hanno già sulle tue abitudini di spesa in entrate extra identificando i probabili clienti per i rivenditori. Le banche sono sempre più consapevoli del fatto che potrebbero trovarsi in una miniera d'oro di informazioni che possono essere utilizzate per prevedere - o influenzare - dove spendi. Storicamente, tali dati sono stati utilizzati principalmente per la protezione dalle frodi.

"Dieci anni fa, la tua banca era come il tuo psichiatra o il tuo ministro - la tua banca manteneva segreti."

Supponi di doverti pranzare il Cyber ​​Monday, il giorno dello shopping online più frequentato dell'anno. Se ordini in anticipo su Chipotle - pagando, ovviamente, con la tua carta di credito - potresti presto scoprire che la tua banca pende 10% fuori dal pranzo a Little Caesars. La banca guadagnerebbe commissioni dal comune pizza, sia per mostrare l'offerta che per elaborare il pagamento.

Wells Fargo ha iniziato a personalizzare le offerte al dettaglio per i singoli clienti il ​​21 di novembre, unendosi a Chase, Bank of America, PNC, SunTrust e una serie di banche più piccole.

A differenza di Google o Facebook, che cercano di dedurre ciò che ti interessa acquistare in base alle tue ricerche, visite web o Mi piace, "le banche hanno l'arma segreta in quanto sanno effettivamente su cosa spendiamo soldi", ha detto Silvio Tavares del trade gruppo CardLinx Association, i cui membri aiutano a mediare le offerte relative all'acquisto. "È un migliore predittore di ciò che andremo a spendere."

Mentre le banche affermano di muoversi con cautela e di essere consapevoli delle preoccupazioni in materia di privacy, non è chiaro che i consumatori siano pienamente consapevoli di ciò che stanno facendo le loro banche.

Le banche conoscono molti dei nostri segreti più profondi e oscuri: quella serie di fatture pagate in una clinica oncologica, per esempio, o quella grande scheda da club che pensavi fosse rimasta a Las Vegas. Una banca potrebbe sospettare la relazione adultera di qualcuno molto prima che il partner tradito lo farebbe.

"Dieci anni fa, la tua banca era come il tuo psichiatra o il tuo ministro - la tua banca manteneva segreti", ha dichiarato Ed Mierzwinski, avvocato dei consumatori presso il Public Interest Research Group degli Stati Uniti. Ora, dice, "pensano di essere gli stessi di un grande magazzino o di un commerciante online".

La startup Cardlytics, uno dei pionieri del settore, gestisce i programmi di offerta per Wells Fargo, Chase e altre banche. Nonostante queste collaborazioni, Cardlytics afferma di ottenere approfondimenti su circa $ 2.8 miliardi di miliardi di spesa annuale dei consumatori in tutto il mondo.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
2 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
1 Autori di commenti
laura mcdonough Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
laura mcdonough
ospite
laura mcdonough

Uso i blocchi pubblicitari, Wells F. è la peggiore delle banche, seguita da Chase per cattiva reputazione. Non do mai e-mail a una banca o sindacato, telefono # sì. Quello che stanno facendo non è etico. Non mi iscrivo mai a queste carte del negozio, dando ai clienti punti nei loro acquisti.