La trappola del partenariato pubblico-privato

vuoto
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Nota TN: ecco un economista che colpisce alcune insidie ​​e problemi significativi dei partenariati pubblico-privato, che sono uno strumento chiave dello sviluppo sostenibile.

Una tendenza recente nei circoli di sviluppo economico è stata quella di incoraggiare i partenariati pubblico-privato. In questo tipo di partenariato, il governo collabora con un'azienda privata per perseguire una sorta di progetto.

In genere, il governo offre denaro ai contribuenti direttamente all'azienda come sussidio per perseguire il progetto o garantisce un prestito per aiutare a finanziare il progetto. Per il politico e gli affari, questo tipo di partnership è una grande idea: il politico può prendersi il merito di aver “creato” posti di lavoro e l'azienda ha una certa protezione dalla perdita di denaro.

Ho quattro preoccupazioni che dovremmo considerare prima di perseguire un partenariato pubblico-privato. Innanzitutto, dobbiamo chiederci su cosa sceglierebbe volontariamente il contribuente di spendere i propri soldi anziché questo progetto? Con i partenariati pubblico-privato, vediamo i soldi dei contribuenti spesi per un nuovo progetto, ma ciò che non vediamo sono i dati su ciò che i contribuenti in aggregato avrebbero speso quei soldi se gli fosse stato permesso di mantenerli.

Questo è importante perché i politici vogliono prendersi il merito per aver creato posti di lavoro. Quello che dobbiamo ricordare è che tutto ciò che stanno facendo è creare posti di lavoro in un'area a spese di posti di lavoro creati in un'area diversa. Stanno semplicemente spostando i posti di lavoro invece di creare nuovi posti di lavoro.

In secondo luogo, dobbiamo riconoscere che viviamo in un mondo di scarsità in cui non ci sono abbastanza risorse disponibili per tutti per avere tutto ciò che vogliono. Per questo motivo, dobbiamo decidere quali progetti perseguire e, altrettanto importante, quali progetti non perseguire.

In un'economia di mercato, abbiamo profitti e perdite che indicano alle imprese e alle banche quali progetti perseguire e a quali progetti prestare denaro. Quando un progetto è redditizio, le persone spendono volontariamente i loro soldi e dicono all'azienda che gli piace quello che stanno facendo. Se l'azienda sta perdendo denaro, le persone stanno dicendo loro di smettere di sprecare risorse scarse creando cose che non vogliamo.

Come fanno i politici a sapere che un progetto è quello che la gente vuole? Il processo politico, a differenza del mercato, non fornisce un buon modo per fornire feedback. La cabina elettorale è il nostro mezzo principale per rendere responsabile un politico quando non ci piace quello che ha fatto con i nostri soldi.

Ma possiamo votare solo una volta all'anno, due anni, quattro o sei anni a seconda dell'ufficio. Anche nel migliore dei casi, quando possiamo votare ogni anno, il fatto che tu non voti per qualcuno non dice loro perché non hai votato per loro. Potrebbe non essere ovvio che abbiano perso voti a causa del progetto di partenariato pubblico-privato invece di qualche altra questione.

In terzo luogo, i partenariati pubblico-privato possono scoraggiare comportamenti produttivi. Le aziende iniziano a spendere molte risorse cercando di ottenere denaro dai contribuenti invece che per attività produttive. La società nel suo insieme sta peggio perché molte di quelle aziende che spendono risorse scarse per ottenere denaro dei contribuenti non otterranno effettivamente i soldi.

Queste aziende e società sarebbero state meglio con la loro energia focalizzata a fare meglio il loro lavoro e fornire un prodotto di qualità migliore a un prezzo migliore.

Il modello di partenariato pubblico-privato crea un ambiente di competizione per il denaro del governo che danneggia l'economia.

Infine, ho una preoccupazione morale. Quando i politici spendono soldi, spendono sempre i soldi degli altri. Nel caso di partenariati pubblico-privato, il governo sta usando il potere fiscale per prelevare denaro da una persona relativamente povera e darlo a una persona relativamente ricca.

Invece di costringere le persone a pagare per i progetti attraverso la tassazione, dovremmo permettere alle persone di conservare i loro soldi e scegliere volontariamente di spenderli per quello che vogliono. Solo allora avremo un vero sviluppo economico.

Leggi la storia completa qui ...

John Kessler è uno studioso aggiunto dell'Indiana Policy Review Foundation e capo del Centro di educazione economica dell'Università di Indiana-Purdue Fort Wayne e anche istruttore di economia.

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
0 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
0 Autori di commenti
Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica