La tecnologia di scansione del DNA americano aiuta la Cina a rintracciare i cittadini

DNA
Per favore, condividi questa storia!
Il trasferimento tecnologico tra Occidente e Oriente risale fino alla Rivoluzione bolscevica, come dimostrato definitivamente dal compianto professore Antony Sutton. Questa è solo una continuazione di questo modello di collusione. ⁃ Editor TN

Le autorità lo hanno definito un controllo sanitario gratuito. Tahir Imin aveva i suoi dubbi.

Hanno prelevato sangue dal musulmano 38, scansionato il viso, registrato la voce e preso le impronte digitali. Non si preoccuparono di controllare il suo cuore o i suoi reni e respinsero la sua richiesta di vedere i risultati.

"Hanno detto: 'Non hai il diritto di chiedere questo'", ha detto il signor Imin. "'Se vuoi chiedere di più', hanno detto, 'puoi andare alla polizia.'”

Il signor Imin è stato uno dei milioni di persone coinvolte in una vasta campagna cinese di sorveglianza e oppressione. Per dargli un dente, le autorità cinesi stanno raccogliendo il DNA - e hanno avuto improbabili aiuti aziendali e accademici dagli Stati Uniti per farlo.

La Cina vuole rendere gli Uiguri del paese, un gruppo etnico prevalentemente musulmano, più sottomesso al Partito Comunista. Esso ha arrestato fino a un milione di persone in quelli che la Cina chiama campi di "rieducazione", attirando condanne da parte dei gruppi per i diritti umani e una minaccia di sanzioni da parte dell'amministrazione Trump.

La raccolta di materiale genetico è una parte fondamentale della campagna cinese, secondo i gruppi per i diritti umani e gli attivisti uiguri. Dicono che un database completo del DNA potrebbe essere usato per inseguire tutti gli uiguri che resistono alla conformità alla campagna.

Le forze di polizia negli Stati Uniti e altrove usano materiale genetico di membri della famiglia per trovare sospetti e risolvere crimini. Funzionari cinesi, che stanno costruendo un ampio database nazionale di campioni di DNA, hanno citato i benefici della criminalità degli studi genetici cinesi.

Per rafforzare le loro capacità di DNA, gli scienziati affiliati alla polizia cinese hanno utilizzato le attrezzature prodotte da Thermo Fisher, una società del Massachusetts. Per il confronto con il DNA Uighur, hanno anche fatto affidamento su materiale genetico proveniente da persone di tutto il mondo fornito da Kenneth Kidd, un importante genetista della Yale University.

Mercoledì scorso Thermo Fisher ha dichiarato che non avrebbe più venduto le sue attrezzature nello Xinjiang, la parte della Cina dove la campagna per rintracciare gli Uiguri si sta svolgendo principalmente. La società ha dichiarato separatamente in una precedente dichiarazione al New York Times che stava lavorando con funzionari americani per capire come veniva utilizzata la sua tecnologia.

Il dottor Kidd ha dichiarato di non essere a conoscenza di come il suo materiale e il suo know-how siano stati utilizzati. Ha detto che credeva che gli scienziati cinesi agissero secondo norme scientifiche che richiedono il consenso informato dei donatori di DNA.

La campagna cinese rappresenta una sfida diretta per la comunità scientifica e il modo in cui rende pubbliche le conoscenze all'avanguardia. La campagna si basa in parte su database del DNA pubblici e tecnologia commerciale, molti dei quali realizzati o gestiti negli Stati Uniti. A loro volta, gli scienziati cinesi hanno fornito campioni di DNA uiguro a un database globale, violando potenzialmente le norme scientifiche di consenso.

La cooperazione della comunità scientifica globale "legittima questo tipo di sorveglianza genetica", ha dichiarato Mark Munsterhjelm, assistente professore all'Università di Windsor in Ontario, che ha seguito da vicino l'uso della tecnologia americana nello Xinjiang.

Milioni di tamponi

Nello Xinjiang, nella Cina nord-occidentale, il programma era noto come "Physicals for All".

Da 2016 a 2017, quasi 36 milioni di persone vi hanno preso parte, secondo Xinhua, l'agenzia di stampa ufficiale cinese. Le autorità hanno raccolto campioni di DNA, immagini di iris e altri dati personali, secondo gli Uiguri e i gruppi per i diritti umani. Non è chiaro se alcuni residenti abbiano partecipato più di una volta: lo Xinjiang ha una popolazione di circa 24.5 milioni.

In una dichiarazione, il governo dello Xinjiang ha negato di raccogliere campioni di DNA come parte dei controlli medici gratuiti. Diceva che le macchine del DNA che erano state acquistate dalle autorità dello Xinjiang erano destinate all '"uso interno".

La Cina ha mantenuto per decenni una stretta di ferro nello Xinjiang. Negli ultimi anni ha incolpato gli Uiguri per una serie di attacchi terroristici nello Xinjiang e in altre parti della Cina, tra cui un Incidente 2013 in cui un autista ha colpito due persone in piazza Tiananmen a Pechino.

Alla fine di 2016, il Partito Comunista ha intrapreso una campagna per trasformare gli uiguri e altri gruppi minoritari in gran parte musulmani in fedeli sostenitori. Il governo ha rinchiuso centinaia di migliaia di loro in quelli che chiamava campi di formazione professionale, propagandati come un modo per sfuggire alla povertà, all'arretratezza e all'Islam radicale. Ha anche iniziato a prelevare campioni di DNA.

In almeno alcuni dei casi, le persone non hanno rinunciato volontariamente al loro materiale genetico. Per mobilitare gli Uiguri per i controlli medici gratuiti, la polizia e i quadri locali hanno chiamato o inviato loro messaggi di testo, dicendo loro che i controlli erano richiesti, secondo gli Uiguri intervistati dal Times.

"C'era un elemento coercitivo piuttosto forte", ha detto Darren Byler, un antropologo dell'Università di Washington che studia la difficile situazione degli Uiguri. "Non avevano scelta."

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti