Big data: Web Of Technocracy sta sovvertendo rapidamente i governi

Steve BannonNPR.org
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

L'eccellente giornalismo investigativo produce alcuni collegamenti molto inquietanti tra i big data, Eric Schmidt, Robert Mercer e Steve Bannon. C'è un filo di Technocracy che attraversa l'intera faccenda, anche se non è ancora del tutto chiaro. Mentre le agenzie governative sono limitate dalla legge federale, le società offshore di proprietà privata non lo sono.

Nota: Technocracy.News non è parte nella sua ricerca di Technocracy o Technocrats, ovunque possa condurre. In questo caso, tutto ciò che è associato ai "Big Data" è pieno di tecnocrazia! Editor TN

"La connettività che è il cuore della globalizzazione può essere sfruttata dagli stati con intento ostile per perseguire i loro obiettivi. [...] I rischi in gioco sono profondi e rappresentano una minaccia fondamentale per la nostra sovranità."
Alex Younger, capo di MI6, dicembre, 2016

“Non è compito di MI6 avvertire di minacce interne. È stato un discorso molto strano. Era un ramo dei servizi segreti che inviava un colpo attraverso gli archi di un altro? O è stato indicato il governo di Theresa May? Sa qualcosa che non ci sta dicendo? "
Analista senior di intelligence, aprile 2017

A giugno 2013, una giovane laureata americana di nome Sophie stava passando per Londra quando chiamò il capo di una ditta in cui aveva precedentemente internato. La società, SCL Elections, è stata poi acquistata da Robert Mercer, un miliardario di hedge fund segreto, ribattezzato Cambridge Analytica, e ha raggiunto una certa notorietà come società di analisi dei dati che ha avuto un ruolo nelle campagne Trump e Brexit. Ma tutto questo doveva ancora venire. Londra in 2013 stava ancora crogiolandosi nel bagliore successivo delle Olimpiadi. La Gran Bretagna non aveva ancora Brexitato. Il mondo non si era ancora girato.

"È stato prima che diventassimo questa oscura società distopica di dati che ha dato al mondo Trump", mi dice un ex dipendente della Cambridge Analytica che chiamerò Paul. "Era quando eravamo ancora solo una società di guerra psicologica."

[the_ad id = "11018"]

Era davvero come lo chiamavi, gli chiedo. Guerra psicologica? “Totalmente. Questo è quello che è. Psyops. Operazioni psicologiche: gli stessi metodi che i militari usano per effettuare il cambiamento del sentimento di massa. È ciò che significano vincendo "cuori e menti". Lo stavamo facendo solo per vincere le elezioni nel tipo di paesi in via di sviluppo che non hanno molte regole ”.

Perché qualcuno dovrebbe voler internare con una ditta di guerra psicologica, gli chiedo. E mi guarda come se fossi pazzo. “È stato come lavorare per MI6. Solo MI6 è a noleggio. Era molto elegante, molto inglese, gestito da un vecchio Etoniano e dovevi fare delle cose davvero fantastiche. Vola in tutto il mondo. Lavoravi con il presidente del Kenya o del Ghana o ovunque. Non è come le campagne elettorali in Occidente. Devi fare ogni sorta di merda pazza. "

Quel giorno di giugno di 2013, Sophie incontrò l'amministratore delegato di SCL, Alexander Nix, e gli diede il germe di un'idea. "Ha detto, 'Hai davvero bisogno di entrare nei dati.' Lo ha davvero suonato a casa ad Alexander. E ha suggerito di incontrare questa ditta che apparteneva a qualcuno che conosceva attraverso suo padre. "

Chi è suo padre?

"Eric Schmidt."

Eric Schmidt - il presidente di Google?

"Sì. E ha suggerito ad Alexander di incontrare questa compagnia chiamata Palantir. "

Ho parlato con ex dipendenti della Cambridge Analytica per mesi e ho ascoltato dozzine di storie da far rizzare i capelli, ma era ancora un momento sconvolgente. Per chiunque sia preoccupato per la sorveglianza, Palantir è praticamente una parola d'ordine. La società di data mining ha contratti con governi di tutto il mondo, tra cui GCHQ e la NSA. È di proprietà di Peter Thiel, il miliardario cofondatore di eBay e PayPal, che è diventato il primo sostenitore vocale della Silicon Valley di Trump.

In un certo senso, la figlia di Eric Schmidt che si presenta per fare un'introduzione a Palantir è solo un altro strano dettaglio nella storia più strana che abbia mai studiato.

Un dettaglio strano ma rivelatore. Perché va al cuore del perché la storia di Cambridge Analytica è una delle più profondamente inquietanti del nostro tempo. Sophie Schmidt ora lavora per un'altra megafirm della Silicon Valley: Uber. E ciò che è chiaro è che il potere e il dominio della Silicon Valley - Google e Facebook e una manciata di altri - sono al centro del cambiamento tettonico globale a cui stiamo attualmente assistendo.

Rivela anche un buco critico e spalancato nel dibattito politico in Gran Bretagna. Perché ciò che sta accadendo in America e ciò che sta accadendo in Gran Bretagna sono intrecciati. Brexit e Trump sono intrecciati. I legami dell'amministrazione Trump con la Russia e la Gran Bretagna sono intrecciati. E Cambridge Analytica è un punto focale attraverso il quale possiamo vedere tutte queste relazioni in gioco; rivela anche l'elefante nella stanza mentre ci precipitiamo in un'elezione generale: la Gran Bretagna lega il suo futuro a un'America che viene ricostruita - in modo radicale e allarmante - da Trump.

Ci sono tre aspetti di questa storia. Come vengono gettate le basi di uno stato di sorveglianza autoritaria negli Stati Uniti. In che modo la democrazia britannica è stata sovvertita attraverso un piano di coordinamento nascosto e di ampia portata messo in atto da un miliardario americano. E come siamo nel bel mezzo di una massiccia conquista del potere da parte dei miliardari attraverso i nostri dati. Dati che vengono accumulati, raccolti e archiviati in silenzio. Chi possiede questi dati possiede il futuro.

Il mio punto di ingresso in questa storia è iniziato, come molte altre cose, con un Google a tarda notte. Lo scorso dicembre, ho preso un tumulto inquietante in un wormhole di Completamento automatico di Google suggerimenti che si sono conclusi con "è accaduto l'olocausto". E un'intera pagina di risultati che affermava di no.

L'algoritmo di Google era stato sfruttato da siti estremisti e lo era Jonathan Albright, un professore di comunicazione alla Elon University, nella Carolina del Nord, che mi ha aiutato a capire cosa stavo vedendo. Fu il primo a mappare e svelare un intero ecosistema di notizie e informazioni di "alt-right" e fu lui a introdurmi per la prima volta a Cambridge Analytica.

Ha definito la compagnia un punto centrale nella "macchina della propaganda" della destra, una linea che ho citato in riferimento al suo lavoro per la campagna elettorale di Trump e la campagna per i referendum. Ciò ha portato al secondo articolo con Cambridge Analytica - come nodo centrale nella rete di notizie e informazioni alternative che credevo stessero creando Robert Mercer e Steve Bannon, il principale aiutante di Trump che ora è il suo principale stratega. Ho trovato prove che suggeriscono che erano in una missione strategica per distruggere i media mainstream e sostituirli con uno comprendente fatti alternativi, falsa storia e propaganda di destra.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
M11S

Sembra che i governi ora abbiano concorrenza nella corruzione elettorale.

Ma sembra un sacco di lavoro solo per le elezioni. Da allora, la maggior parte delle macchine per il voto degli Stati Uniti non sono crittografate e i tabulatori centrali funzionano su XP ...