La pericolosa traiettoria di un database di DNA obbligatorio

DNA
Per favore, condividi questa storia!
Poiché non riescono a far funzionare un database nazionale del DNA, i tecnocrati spingeranno da stato a stato fino a quando non avranno un singolo stato che si impegni a registrare il DNA per ogni cittadino. Quindi, si diffonderà alla nazione. ⁃ TN Editor

In Arizona questa settimana, un legislatore statale di nome David Livingston ha suscitato una controversia sul DNA che potrebbe essere un presagio di incubi sulla privacy a venire. Una legge da lui proposta avrebbe costretto molti residenti a consegnare campioni del loro DNA a un database statale, da archiviare con il loro nome e numero di previdenza sociale.

Se approvate, "molte persone - dai volontari e insegnanti della scuola madre agli agenti immobiliari e ai genitori adottivi - non avranno altra scelta che rinunciare al loro DNA", La Repubblica dell'Arizona segnalati. "Qualsiasi DNA nel database potrebbe essere accessibile e utilizzato dalle forze dell'ordine in un'indagine penale. Potrebbe anche essere condiviso con altre agenzie governative in tutto il paese per le licenze, la registrazione della morte, per identificare una persona scomparsa o per determinare il vero nome di qualcuno ".

Seguì una protesta pubblica. In risposta, il conto era modificato richiedere il DNA "solo da professionisti che si occupano di pazienti con disabilità intellettive in una struttura di assistenza intermedia". Tale attenzione è molto probabilmente dovuta a un crimine recente e ampiamente segnalato: settimane fa a Phoenix, la polizia ha raccolto DNA da dipendenti di una struttura medica una donna in coma ha partorito inaspettatamente, identificando il suo presunto stupratore.

Tutti gli stati 50 mantengono il DNA di almeno alcuni criminali condannati. E i membri delle forze armate devono fornire campioni di DNA per facilitare l'identificazione nelle morti sul campo di battaglia.

Alcuni si spingono fino a chiedere a tutti di inviare campioni di DNA al governo per la conservazione. In 2002, ad esempio, Nature ha pubblicato un commento sostenendo che "la pratica più logica ed equa - e anche la più controversa - sarebbe quella di testare il DNA di tutti gli individui alla nascita. Ciò non solo fungerebbe da deterrente dal crimine per tutti i membri della comunità, ma faciliterebbe il compito di catturare i criminali per la polizia. Se esistono le giuste garanzie per proteggere le libertà civili, perché una proposta per mettere alla prova tutti alla nascita dovrebbe essere spaventosa? D'altra parte, se non esistono le giuste misure di sicurezza e le paure sono giustificate, perché osiamo mettere alla prova qualcuno? ”

Esistono due pericoli principali di un database universale del DNA. Primo, come Christine Rosen una volta ha scritto, Il DNA "fornisce un mezzo inevitabile di identificazione, categorizzazione e profilazione" che è unicamente rivelatore:

Il DNA è il "diario futuro" di una persona. Fornisce informazioni genetiche uniche per ogni persona; ha il potenziale per rivelare a terzi la predisposizione di una persona a malattie o comportamenti a sua insaputa; ed è un'informazione permanente, profondamente personale, con poteri predittivi. Nel loro insieme, la prossima era della tecnologia del DNA cambierà il carattere della vita umana, sia nel bene che nel male, in modi che stiamo solo iniziando a immaginare, sia per ciò che ci dirà con certezza sia per ciò che ci renderà credere. Conoscere il proprio diario futuro - o conoscere quello di qualcun altro - è mettere in discussione il significato e la possibilità stessa della libertà umana.

In secondo luogo, immagina un database permanente di informazioni così potente. Per quanto tempo prevedi che esisterà un guaio prima di essere violato da attori malvagi? La mia ipotesi è che tutti i database permanenti di dimensioni e valore sufficienti saranno eventualmente compromessi, e prima o poi, quando l'infrastruttura di sicurezza è progettata e gestita dai burocrati IT nei governi statali.

Che cosa succede se esistono adeguate garanzie? Non concedo la possibilità, non che i rischi abbiano impedito a milioni di consumatori di inviare volontariamente il loro DNA a banche dati gestite da società tecnologiche private, come è loro diritto.

L'Arizona dovrebbe respingere anche la proposta annacquata. Una persona non dovrebbe essere costretta a fornire un campione di DNA per lavorare in una struttura di cure intermedie. E passare tale requisito in legge solleverebbe valide preoccupazioni di pendenza scivolosa.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti