La mentalità digitale del Green New Deal dell'UE

Ursula von der LeyenImmagine: EU Press Photo
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Questo articolo del presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen rivela che il loro Green New Deal si basa essenzialmente sull'ottimismo tecnologico, ovvero scommettere sulla tecnologia futura non ancora inventata o scoperta, per raggiungere i propri obiettivi. ⁃ TN Editor

Sono un ottimista tecnologico. La mia convinzione nella tecnologia come forza per il bene deriva dalla mia esperienza come studente di medicina. Ho imparato e visto in prima persona la sua capacità di cambiare i destini, salvare vite umane e rendere banale quello che una volta sarebbe stato un miracolo.

Ora diamo per scontato che possiamo prendere un antibiotico quando abbiamo un'infezione o fare una radiografia o una risonanza magnetica quando ci feriamo o ci ammaliamo. Questi sono tutti miracoli che hanno cambiato il corso dell'umanità in meglio.

Grazie alla tecnologia, questi miracoli stanno diventando sempre più mozzafiato e più regolari di giorno in giorno. Stanno aiutando a rilevare meglio il cancro, a supportare interventi chirurgici di alta precisione o trattamenti su misura per le esigenze di ciascun paziente.

Tutto sta accadendo proprio ora, proprio qui in Europa. Ma voglio che questo sia solo l'inizio. E voglio che diventi la norma in tutta la nostra società: dall'agricoltura alla finanza, dalla cultura all'edilizia, dalla lotta ai cambiamenti climatici alla lotta al terrorismo.

Questa è la visione alla base della nuova strategia digitale che la Commissione europea presenterà questa settimana.

Crediamo che la trasformazione digitale possa alimentare le nostre economie e aiutarci a trovare soluzioni europee alle sfide globali. Riteniamo che i cittadini debbano avere il potere di prendere decisioni migliori sulla base di intuizioni raccolte da dati non personali. E vogliamo che i dati siano disponibili a tutti: pubblici o privati, grandi o piccoli, start-up o giganti. Ciò aiuterà la società nel suo insieme a ottenere il massimo dall'innovazione e dalla concorrenza e garantirà a tutti noi di beneficiare di un dividendo digitale. Questa Europa digitale dovrebbe riflettere il meglio dell'Europa: aperta, equa, diversificata, democratica e fiduciosa.

L'ampiezza della nostra strategia riflette la portata e la natura della transizione che ci attende. Copre tutto, dalla sicurezza informatica alle infrastrutture critiche, dall'educazione digitale alle competenze, dalla democrazia ai media. E rispetta l'ambizione del Green Deal europeo, ad esempio promuovendo la neutralità climatica dei data center entro il 2030.

Ma, come inizieremo questa settimana, la trasformazione digitale non può essere lasciata al caso. Dobbiamo garantire che i nostri diritti, la nostra privacy e le nostre protezioni siano gli stessi online come non lo sono. Ciascuno di noi può avere il controllo sulla propria vita e su ciò che accade alle nostre informazioni personali. Che possiamo fidarci della tecnologia con ciò che diciamo e facciamo. Quella nuova tecnologia non ha nuovi valori.

Capisco perfettamente che, per molti, la tecnologia - e specialmente coloro che la possiedono - non si sono ancora guadagnati quella fiducia. Vedo come ciò possa rompersi quando le grandi piattaforme online utilizzano i dati dei propri clienti in modi che non dovrebbero. O quando la disinformazione scaccia il giornalismo responsabile e il clickbait conta più della verità.

Quindi capisco e rispetto perché alcune persone sono scettici tecnologici, dubbiosi o addirittura pessimisti. Ed è per questo che credo che abbiamo bisogno di una transizione digitale che sia europea per design e natura. Uno che ricostruisce la fiducia dove è erosa e la rafforza dove esiste. In questo contesto, i grandi attori digitali commerciali devono assumersi la propria responsabilità, anche consentendo agli europei di accedere ai dati che raccolgono. La transizione digitale dell'Europa non riguarda i profitti di pochi, ma le intuizioni e le opportunità di molti. Ciò può anche richiedere una legislazione ove appropriato.

Il punto è che la transizione digitale dell'Europa deve proteggere e responsabilizzare i cittadini, le imprese e la società nel suo insieme. Deve fornire risultati per le persone in modo che sentano i benefici della tecnologia nelle loro vite. Per far sì che ciò accada, l'Europa deve disporre delle proprie capacità digitali, che si tratti di informatica quantistica, 5G, sicurezza informatica o intelligenza artificiale (AI). Queste sono alcune delle tecnologie che abbiamo identificato come aree di investimento strategico, per le quali i finanziamenti dell'UE possono attingere a fondi del settore privato e nazionale.

Valorizzare il digitale e i dati è importante tanto per le grandi industrie quanto per le PMI. Sebbene le idee più grandi spesso provengano dalle più piccole start-up, il ridimensionamento può essere un compito arduo per le piccole imprese europee nel mondo digitale. Vogliamo che le start-up europee godano delle stesse opportunità delle loro controparti nella Silicon Valley di espandersi, crescere e attrarre investimenti.

Per questo, dovremo superare la frammentazione nel nostro mercato unico, che è spesso maggiore online che altrove. Dobbiamo unire le forze - ora. Non rendendoci tutti uguali, ma sfruttando la nostra scala e la nostra diversità, entrambi fattori chiave di successo per l'innovazione.

E avremo anche bisogno delle risorse per soddisfare l'ambizione. Questo è il motivo per cui al Consiglio europeo di questa settimana spingerò per un bilancio dell'UE moderno e flessibile che investa nel nostro futuro e nella ricerca, nella diffusione dell'innovazione e nelle competenze per realizzarlo.

Ciò sarà necessario se vogliamo che l'Europa apra la strada nelle aree con il maggior potenziale, come i dati e l'IA. Questa settimana presenteremo i nostri piani per entrambi insieme alla nostra più ampia strategia digitale.

Il punto di partenza dei dati sarà sempre la protezione personale. L'Europa ha già le regole più forti al mondo e ora forniremo agli europei gli strumenti di cui hanno bisogno per assicurarsi che abbiano ancora più controllo.

Ma c'è anche un altro tipo di dati che è la miniera d'oro scoperta e inutilizzata dell'economia agile dei dati del futuro. Sto pensando a dati anonimi sulla mobilità o dati meteorologici raccolti da aerei di linea, immagini satellitari, ma anche dati industriali e commerciali su qualsiasi cosa, dalle prestazioni del motore al consumo di energia.

Questi tipi di dati non personali possono sostenere la progettazione e lo sviluppo di prodotti e servizi nuovi, più efficienti e più sostenibili. E possono essere riprodotti praticamente a costo zero. Eppure oggi, l'85% delle informazioni che produciamo viene lasciato inutilizzato. Questo deve cambiare.

Svilupperemo un quadro legislativo e standard operativi per gli spazi dati europei. Ciò consentirà alle aziende, ai governi e ai ricercatori di archiviare i propri dati e accedere ai dati affidabili condivisi da altri. Tutto ciò avverrà in condizioni sicure che creano maggior valore per tutti e assicurano un equo ritorno per tutti.

Questi pool di dati a loro volta guideranno il nostro lavoro per promuovere l'eccellenza e la fiducia nell'intelligenza artificiale in Europa. L'intelligenza artificiale sta già aiutando le piccole aziende a ridurre la bolletta energetica, consentendo trasporti più ecologici e automatizzati e portando a diagnosi mediche più accurate.

Per aiutare le aziende grandi e piccole a sfruttare appieno il potenziale dell'IA, investiremo in una rete di centri di innovazione digitale locali e in centri di eccellenza per la ricerca e l'istruzione avanzate.

Allo stesso tempo, agiremo per garantire che l'IA sia corretta e conforme agli elevati standard che l'Europa ha sviluppato in tutti i campi. Il nostro impegno per la sicurezza, la privacy e la parità di trattamento sul luogo di lavoro deve essere pienamente rispettato in un mondo in cui gli algoritmi influenzano le decisioni. Concentreremo la nostra azione su applicazioni ad alto rischio che possono influire sulla nostra salute fisica o mentale o che influenzano decisioni importanti in materia di occupazione o applicazione della legge.

L'obiettivo non è più regolamentare, ma salvaguardie pratiche, responsabilità e possibilità di intervento umano in caso di pericolo o controversie. Abbiamo modellato con successo altri settori, dalle automobili al cibo, e ora applicheremo la stessa logica e gli stessi standard nella nuova economia agile dei dati.

Riassumo tutto ciò che ho definito con il termine "sovranità tecnologica". Questo descrive la capacità che l'Europa deve avere di fare le proprie scelte, sulla base dei propri valori, nel rispetto delle proprie regole. Questo è ciò che contribuirà a rendere tutti noi ottimisti tecnologici.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti