La libertà di parola sta morendo mentre i governi si oppongono

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Viene introdotta una nuova pericolosa teoria giuridica che crea precedenti in tutto il mondo: "legale ma dannosa". Ciò lascia ai censori il controllo totale di determinare arbitrariamente ciò che è "dannoso" e quindi imporre una punizione. Questa è attualmente l'essenza della censura di Big Tech. ⁃ TN Editor

Anche se il mondo è alle prese con una pandemia e misure prepotenti di salute pubblica, alcuni organi legislativi stanno cogliendo l'opportunità per stringere le viti sui discorsi che non gradiscono. Diversi progetti di legge sono stati approvati, altri sono pendenti e uno è stato sventrato dalla revisione del tribunale, ma tutti rappresentano nuovi fronti negli sforzi del governo per imporre la censura.

Per i sostenitori della libertà di parola, la rottura più fortunata potrebbe essere stata il destino di una legge approvata dall'Assemblea nazionale francese a maggio. Mentre i requisiti esistenti danno alle aziende 24 ore per rimuovere i contenuti presunti dal governo per glorificare attività terroristiche o per costituire pornografia infantile, la nuova legge l'avrebbe modificata in una ora. Inoltre, agli editori online sarebbe stato concesso un giorno per rimuovere il cosiddetto "incitamento all'odio".

"Lo stesso obbligo di 24 ore si sarebbe applicato ai contenuti segnalati per violazione di una legge che criminalizza il discorso che promuove, glorifica o si impegna a giustificare violenza sessuale, crimini di guerra, crimini contro l'umanità, schiavitù o collaborazione con il nemico; una legge che criminalizza le molestie sessuali; e una legge che vieta la pornografia laddove potrebbe essere vista da un minore, tra gli altri " rapporti Jacob Schulz a lawfare. “La legge non ha stabilito eccezioni; la regola delle 24 ore sarebbe stata applicata anche in caso di difficoltà tecniche o temporaneo aumento delle notifiche ".

A giugno, la Corte costituzionale francese ha cancellato la stragrande maggioranza della legge come una minaccia incostituzionale alla libertà di espressione. Questa è davvero l'unica buona notizia da segnalare finora.

La legge francese sull'incitamento all'odio è stata ispirata dalla famigerata legge tedesca NetzDG, che rende le piattaforme online responsabili per contenuti illegali.

"La legge tedesca sull'applicazione della rete, o NetzDG ... impone alle società di social media di bloccare o rimuovere i contenuti che violano una delle venti restrizioni all'odio e ai discorsi diffamatori nel codice penale tedesco", Diana Lee ha scritto per la clinica per la libertà dei media e l'accesso alle informazioni della Yale Law School. "In effetti, il NetzDG arruola le società di social media al servizio del governo come regolatori dei contenuti", con milioni di euro di multe che incombono sulle loro teste se indovinano.

Quel modello di censura delegata si è dimostrato contagioso quanto un'epidemia virale, prendendo piede in oltre una dozzina di altri paesi.

"Ciò solleva la questione se la democrazia più influente dell'Europa abbia contribuito all'ulteriore erosione della libertà globale di Internet sviluppando e legittimando un prototipo di censura online per procura che può essere prontamente adattato per servire i fini degli stati autoritari", Justitia, danese thinktank giudiziario, avvertito in un rapporto del 2019.

Non è una sorpresa quando i paesi piacciono Russia, Turchia e Venezuela emulare una legislazione intrusiva da altrove: non hanno bisogno di molto incoraggiamento. Ma abbiamo già visto che i legislatori francesi hanno seguito l'esempio della Germania e i legislatori nel Regno Unito sono pronti a fare lo stesso.

"Nelle mani sbagliate Internet può essere utilizzato per diffondere contenuti terroristici e altri contenuti illegali o dannosi, minare i discorsi civili e abusare o intimidire altre persone", ha affermato un 2019 Carta del governo britannico su "danni online". Il documento ha specificamente citato NetzDG come un potenziale modello legislativo.

La scorsa settimana, i legislatori britannici dibattuta i molto ampi poteri che il governo cerca.

Le loro proposte "introducono un nuovo concetto nella legge:" legale ma dannoso "per il discorso online" avvertenze Ruth Smeeth di Index on Censorship. "Sta fondendo ciò che è già illegale, come istigazione e minaccia, con discorsi con cui potremmo non essere d'accordo, ma in una società libera è e dovrebbe essere legale".

L'Austria sta anche valutando una legge ispirata a NetzDG che richiederebbe la rimozione di "contenuti la cui 'illegalità è già evidente per un laico legale'" spiega Martin J. Riedl, nativo austriaco e Ph.D. studente presso l'Università del Texas presso la Austin's School of Journalism and Media. La legge incoraggerebbe ulteriormente la conformità "vietando ai loro debitori (ad esempio, le aziende che fanno pubblicità su piattaforme) di pagare ciò che devono alle piattaforme" che non sono conformi alla legge.

Ci si aspetta che incoraggi ancora di più "overblock"Da piattaforme preoccupate di dover affrontare una pena di morte finanziaria se indovinano lo stato legale dei contenuti.

Tuttavia, gli austriaci potrebbero non essere in grado di aggirare i loro modelli di comportamento. La Germania quest'estate si è mossa per rendere NetzDG ancora più restrittivo di aggiunta di requisiti obbligatori per la segnalazione di "incitamento all'odio".

Anche i legislatori brasiliani stanno prendendo in considerazione una legislazione che è iniziata come NetzDG prima di trasformarsi in un file campagna contro le cosiddette "fake news" (perché, a quanto pare, qualsiasi scusa per controllare la parola è una buona scusa quando lavori nel governo).

"È vago sulla questione di ciò che è considerato una notizia falsa, che descrive come contenuto falso o ingannevole condiviso con il potenziale di causare danni individuali o collettivi", ha scritto Il giornalista brasiliano Raphael Tsavkko Garcia per il MIT Technology Review. "Questa ambiguità lascia allo stato il compito di decidere quale tipo di contenuto è considerato falso o potenzialmente dannoso e potrebbe consentire a chi detiene il potere di manipolare la definizione per un guadagno politico".

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti