Liberty V. Technocracy: combattere per avere successo non è combattere per sopravvivere

LibertàFoto di National Park Service
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Brandon Smith colpisce diversi chiodi sulla testa, iniziando con gli architetti del globalismo moderno come il membro della Commissione trilaterale Richard N. Gardner che ha scritto La difficile strada per l'ordine mondiale in 1974.

Non per inciso, questo articolo ha fornito i sottotitoli al mio libro, Tecnocrazia: la difficile strada per l'ordine mondiale.

La lotta che affrontiamo non è per la sopravvivenza, ma piuttosto per prevalere su una contorta ideologia tecnocrata gestita da élite globali contorte che pensano di avere un diritto divino, se non satanico, di governare l'umanità con precisione micromanaged.

Smith conclude correttamente, “La libertà e la lotta per la pace e l'equilibrio di fronte agli aspiranti imperatori è una battaglia infinita. Non finisce mai. La lotta è libertà. Senza la lotta, la libertà scompare. " ⁃ Editor TN

L'attivismo nel movimento per la libertà richiede spesso un doloroso esame dei dettagli. Osserviamo le tendenze politiche ed economiche, identifichiamo le incongruenze nella narrativa tradizionale, segnaliamo gli inevitabili esiti del disastro o i tentativi di potere collettivista e chiediamo: "A chi giova?" Alla fine, gli analisti e gli attivisti con qualsiasi senso di osservazione arrivano allo stesso conclusione: esiste un contingente di élite finanziarie incorporate nel mondo politico e nel mondo aziendale che hanno un'ideologia specifica e obiettivi malevoli. Creano la maggior parte degli eventi di crisi geopolitica ed economica utilizzando marionette nel governo e influenza nelle banche centrali. Quindi trasformano le conseguenze di questi eventi a loro vantaggio.

Questo gruppo è identificato dal loro intento e dalle loro associazioni. Il loro intento è il dominio assoluto attraverso il globalismo al punto che i confini nazionali vengono cancellati e tutto il commercio e la governance fluiscono attraverso un unico edificio a un solo mondo che cercano di controllare. Come ha scritto Richard N. Gardner, ex vice sottosegretario di Stato per le organizzazioni internazionali sotto Kennedy e Johnson, e un membro della Commissione Trilaterale, nel numero di aprile di 1974 del Journal of Foreign Relation (CFR) del Council on Foreign Relation (Pg. 558) in un articolo intitolato "La difficile strada verso l'ordine mondiale":

"In breve, la "casa dell'ordine mondiale" dovrà essere costruita dal basso verso l'alto piuttosto che dall'alto verso il basso. Sembrerà una grande "confusione travolgente e ronzante" usare la famosa descrizione della realtà di William James, ma una fine che corre attorno alla sovranità nazionale, erodendola pezzo per pezzo, realizzerà molto di più di un assalto frontale vecchio stile. "

Vogliono reinventare la civiltà e trasformarla in un alveare globale omogeneizzato e altamente micromanaged. All'interno di questo collettivo, si vedono non solo come i futuri padroni dell'evoluzione sociale, ma anche come semidei venerati dalle masse. E sono disposti a fare quasi TUTTO per raggiungere questo endgame.

In un articolo che ho scritto l'anno scorso intitolato "Gli elitari globali non sono umani", Ho delineato la connessione tra l'ideologia globalista, le azioni globaliste e la psicologia dei sociopatici narcisistici (narcopati o psicopatici). Ho teorizzato che i globalisti sono in realtà un duro esempio di psicopatia strettamente organizzata. In altre parole, come un cartello o un culto criminale, sono un gruppo di psicopatici che hanno unito i loro sforzi per diventare predatori più efficienti. E come molti psicopatici, hanno evocato spiegazioni filosofiche elaborate per le loro attività orribili al punto che sembrano aver sviluppato il loro inquietante marchio di religione.

Arriva un momento nella vita di molti attivisti o analisti del movimento per la libertà in cui si trovano di fronte a questa realtà: la realtà che non stiamo combattendo un "sistema" senza volto che è stato costruito passivamente per errore o costruito nel nome della semplice avidità casuale . No, il sistema è solo un'estensione di un'agenda più ampia e l'arma di un esercito cospiratore. Ciò che stiamo davvero combattendo sono persone molto malvagie con desideri psicopatici di dominare e distruggere. Tenta di cambiare il sistema senza rimuovere la cabala dietro di essa e fallirai ogni volta.

È qui che colpiamo un muro di indecisione e ci troviamo in un vicolo cieco su soluzioni all'interno del movimento. Ci sono anche alcune persone che sostengono che "non si può fare nulla".

Questa è, ovviamente, una bugia. Qualcosa può davvero essere fatto. Possiamo combattere e rimuovere completamente le élite dall'equazione. In realtà, non abbiamo altra scelta che combattere se speriamo di mantenere una parvenza della nostra sovranità o dei nostri principi fondamentali. Ma purtroppo, ci sono persone nel movimento con una certa influenza che non sembrano capire la differenza tra combattere per sopravvivere e combattere per avere successo.

Lasciami analizzare un po 'di più ...

Il movimento per la libertà è ossessionato dal concetto di "sopravvivenza". Vediamo gli sforzi globalisti che portano alla rovina del futuro dell'uomo comune e sappiamo che la minaccia è molto reale. Quindi, ci prepariamo; ci prepariamo a sopravvivere, ma non necessariamente a prevalere.

La sopravvivenza in sé non ha senso. Esistono molti modi per rimanere in vita. Una persona potrebbe altrettanto facilmente svendersi ai globalisti e aiutarli, e quella persona avrebbe probabilmente migliori "probabilità" di sopravvivenza rispetto a quando coltiverò la mia fattoria come produttore e vivrò le mie preparazioni sfidandole. Se la sopravvivenza è solo il tuo obiettivo, allora NON sei un attivista per la libertà e hai perso il quadro generale.

Anche nel caso in cui tu possa resistere alla tempesta del caos economico o della guerra civile politica in sicurezza in un ritiro isolato da qualche parte in cima a una montagna lontana, a che tipo di mondo tornerai quando dovrai finalmente lasciare quel castello idilliaco? In che tipo di mondo torneranno i tuoi figli? E i loro figli ...?

Non sto certo scartando l'utilità della cultura della sopravvivenza. Ne sono un grande sostenitore. Ma ci sono "guru" autoproclamati di sopravvivenza là fuori che stanno fuorviando il movimento nel pensare che la sopravvivenza sia l'obiettivo finale. A tal fine, hanno criticato le persone per l'organizzazione o la preparazione alla lotta contro l'establishment. Sostengono che non si può fare. Saremo "spazzati via dalla faccia della Terra". Il nemico è troppo forte e cosa può fare un semplice fucile contro un carro armato? Ma se il survivalismo richiede di scappare e nascondersi come un codardo da un male noto o rifiutarsi di agire per il bene delle generazioni future, allora non voglio essere un sopravvissuto ...

La libertà non può essere ridotta a un sogno o un desiderio; qualcosa che potrebbe accadere un giorno se saremo in grado di rimanere in vita abbastanza a lungo. La libertà è una responsabilità che è già nata nella maggior parte degli esseri umani. Non è un ideale di formaggio o infantile, è un ideale senza tempo. La libertà e la lotta per la pace e l'equilibrio di fronte agli aspiranti imperatori è una battaglia infinita. Non finisce mai. La lotta è libertà. Senza la lotta, la libertà scompare.

Per ogni persona che sfida i collettivisti e i totalitari, anche a rischio della propria vita, l'ombra è trattenuta un altro giorno. Questo è ciò che conta, ed è ciò che i puristi della sopravvivenza non ottengono. Devi renderti degno di sopravvivere, sostenendo principi e valori che sono più grandi di te. Altrimenti non vali niente a nessuno, nemmeno a te stesso.

Quanto al concetto di montagna impossibile; il ribelle solitario che affronta un vasto esercito globalista ... questa non è una fantasia delirante e queste persone non sono sole. Ci sono milioni di noi là fuori che si preparano e formano sacche di resistenza. Nel frattempo combattiamo la guerra dell'informazione, poiché l'arma più potente del globalista non è un carro armato o addirittura una bomba nucleare, è propaganda. La capacità di ribaltare una popolazione su se stessa e farla autodistruggere è molto più pericolosa di qualsiasi progresso tecnologico o meraviglia militare.

Come artista marziale misto da molto tempo, ho visto i più grandi e intimidatori avversari rovesciati da una strategia intelligente e forza di volontà. Non esiste un uomo imbattibile, né un esercito imbattibile. C'è sempre un modo per prevalere.

Infine, quando considero l'affermazione fatta da alcune persone secondo cui battere le élite in uno scontro diretto è un "sogno irrealizzabile", devo porre una domanda fondamentale: perché queste persone credono che abbiamo una scelta? Ho assistito ad alcuni tentativi piuttosto disperati di soluzioni di proiettili d'argento al globalismo nei miei anni di movimento, dalle campagne elettorali presidenziali per cambiare un sistema che non può essere cambiato dall'interno, alle criptovalute "rivoluzionarie" in cui le élite bancarie investono felicemente e co -optare.

Le persone sbagliano la loro fiducia nei politici corrotti e nel processo politico truccato, anche se ormai dovrebbero conoscere meglio. In ultima analisi, la politica è progettata per mantenere la società in stasi, congelata dall'inerzia o combattere in nome di un falso leader. Sempre, quando la polvere si deposita, le élite sfuggono alla colpa e al controllo mentre il pubblico raccoglie i pezzi e cerca di capire esattamente cosa è successo. L'attuale caos che circonda Donald Trump non è diverso; è solo diverso in quanto Trump è un burattino il cui compito è fare appello direttamente agli attivisti della libertà. Per una volta stiamo ottenendo il riconoscimento, ma non è il tipo buono ...

E mentre costruire alternative al sistema tradizionale e rimuoverti dalla rete è un passo nella giusta direzione, questo da solo è solo uno stop-gap. Un giorno, lo stabilimento verrà a prendere quello che hai. Non c'è modo di aggirarlo. I narcopati sono come parassiti famelici che si nutrono di ogni ultimo boccone dell'umanità. Prendono tutto ciò che può essere preso.

La domanda è: quando verranno a digerire ciò che ritieni prezioso, come risponderai? Combattere è impossibile o è preferibile alla schiavitù? Morire per un domani migliore è una sciocca commissione o l'unica commissione per cui siamo posti su questa Terra? Queste sono domande a cui è necessario rispondere e rispondere presto. Il tempo rimasto per meditarli sta per scadere.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
NNG

Dietro tutti gli uomini c'è il bene o il male. Per il male è Satana e i suoi angeli (demoni). Per il bene è Dio Onnipotente. I buoni non sono buoni in se stessi, ma sono quelli che hanno confidato in Dio che tolgono i loro peccati, che sono diventati un uomo nella persona di Gesù Cristo per morire per me e te! Secondo la Bibbia Gesù morì per i nostri peccati, secondo le Scritture, e fu sepolto e risuscitato il terzo giorno secondo le Scritture. (1 Corinthians 10: 1-4) Ora gli uomini malvagi non sanno che Satana sta usando... Leggi di più "