La Green Economy di Technocracy significa la fine della proprietà

Immagine concettuale di Google
Per favore, condividi questa storia!

Sviluppato originariamente negli 1930, Technocracy è un modello economico sostitutivo per il capitalismo e la libera impresa, basato sull'uso e il consumo di energia anziché su domanda e offerta. Sviluppo sostenibile e Green Economy sono termini sostanzialmente equivalenti che vengono utilizzati dalle Nazioni Unite ma originariamente coniati dai membri della Commissione trilaterale elitaria. Questo scrittore sostiene che questi ultimi termini sono anche sostanzialmente equivalenti al modello originale di Technocracy, e questo è stato ampiamente documentato nel libro Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation.

Un nuovo documentario intitolato “The End of Ownership” ha dolorosamente evidenziato un elemento chiave della Tecnocrazia che richiede una trasformazione totale dalla proprietà diretta all'utilizzo dei servizi. In altre parole, invece di possedere cose, le affittate o date in locazione dalle parti appropriate, con il consumo di energia automaticamente impacchettato nel prezzo. In parte, questo suona la campana a morto della proprietà privata e del diritto di scelta del consumatore nella scelta dei prodotti e degli stili di vita desiderati.

L' Fine della proprietà 'la trama di s è la seguente:

La nascita di fonti energetiche altamente sostenibili e di altre risorse rappresenta un'arma a doppio taglio per il settore delle imprese. Un'azienda può rimanere vitale e redditizia se i prodotti che vendono rappresentano la punta di diamante del progresso tecnologico, ma lo stesso spirito innovativo può anche significare un disastro per i loro profitti. Le aziende non vogliono che tu acquisti una sola lampadina che può bruciare per tutta la vita; vogliono che tu compri molte lampadine nel corso della tua vita. Pertanto, lo sviluppo e il successo finale di prodotti sostenibili richiede un nuovo modello economico. The End of Ownership segue l'architetto Thomas Rau mentre mette in moto uno di questi modelli.

Poco dopo Thomas Edison ha inventato la lampadina, un comitato si è riunito per valutare la fattibilità economica di tale prodotto. Decisero di massimizzare la loro redditività fabbricando la lampadina per bruciare in non più di 1,000 ore. Imponendo limitazioni sulle prestazioni della lampadina, hanno assicurato la vendita di molte più lampadine. Secondo Rau, la loro decisione ha anche creato un ambiente pieno di rifiuti che poneva un onere inutile sul consumatore.

Rau ha contattato l'azienda tecnologica Phillips con una proposta: produrre soluzioni di illuminazione che funzionino per il consumatore e assumere i costi energetici come propri. In teoria, i vantaggi di un simile approccio sarebbero auspicabili per il consumatore, l'azienda e l'ambiente. Il consumatore paga essenzialmente un canone di locazione per l'illuminazione. Dal momento che l'azienda sta pagando la bolletta elettrica, il prodotto che forniscono è accuratamente progettato per funzionare con estrema facilità ed efficienza per mantenere bassi i costi. Attualmente, il programma si sta diffondendo in tutto il settore aziendale e sta portando a risparmi energetici astronomici per tutti i soggetti coinvolti.

Il provocatorio nuovo modello energetico economico di Rau ha ulteriori applicazioni oltre alla lampadina. Il settore dell'edilizia residenziale pubblica ha espresso interesse a creare elettrodomestici più efficienti in tutte le loro proprietà come mezzo per risparmiare denaro per i loro inquilini.

The End of Ownership è uno sguardo corroborante su un potenziale futuro che può funzionare meglio per tutti noi. Più preziosamente, espone una corrente preoccupante che attraversa la nostra cultura moderna: le cose che possediamo hanno la tendenza a possederci.

L'architetto Thomas Rau è stato successivamente messo in evidenza in un caso di studio pubblicato da Phillips Lighting intitolato Pay-per-Lux: un modo completamente nuovo di distribuire la luce.

Rau originariamente disse a Phillips,

“Ascolta, ho bisogno di tante ore di luce nei miei locali ogni anno. Capisci come farlo. Se pensi di aver bisogno di una lampada, dell'elettricità o di qualsiasi altra cosa, va bene. Ma non voglio averci niente a che fare. Non mi interessa il prodotto, solo le prestazioni. Voglio comprare la luce e nient'altro. "

Da quando è stato rilasciato il video documentario di cui sopra, Phillips afferma che "Pay per Lux" sta prendendo piede in tutto il mondo poiché altre agenzie, architetti e aziende richiedono lo stesso livello di servizio.

L'illuminazione è una cosa, ma il concetto è molto più ampio di così. Hai bisogno di un frigorifero, una lavatrice o un'asciugatrice? Un condizionatore d'aria, un fornello o un forno a microonde? Basta compilare la lista di controllo dei requisiti e noleggiare l'unità - con costi energetici integrati - e pagare mensilmente per tutto il tempo che sei disposto o in grado di pagare.

Se non ti è ancora venuto in mente, questo è essenzialmente lo stesso schema già utilizzato dalle compagnie di telefonia cellulare per venderti servizi di comunicazione: noleggi il telefono con minuti cellulari in bundle. Finora, non ho mai, mai sentito un consumatore delirare su quanto funziona bene. In effetti, la maggior parte delle persone si lamenta vocalmente di come si sente a essere ingannata dal proprio "portatore".

Estrapola il concetto di cellulare a tutti gli altri apparecchi che consumano energia nella tua vita e pensa solo alle possibilità di aggravamento e dolore finanziario.

Anche se questi schemi sono venduti come servizi di risparmio di denaro e di espansione delle opzioni, alla tecnocrazia non potrebbe interessare di meno i consumatori e ciò che pagano per le cose. I tecnocrati si preoccupano solo di spremere l'ultimo possibile bit di efficienza dal sistema economico.

In effetti, in 1939 Il tecnocrate la rivista ha definito la tecnocrazia come segue:

La tecnocrazia è la scienza dell'ingegneria sociale, l'operazione scientifica dell'intero meccanismo sociale per produrre e distribuire beni e servizi all'intera popolazione.

Riesci a capire perché scrittori come Huxley (Brave New World) e Orwell (Diciannove otto quattro) ha concluso che la tecnocrazia alla fine si tradurrebbe in una tirannica dittatura scientifica?

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tom

Siamo diventati vittime della nostra e di altre confabulazioni. Se suona bene, credici indipendentemente dal fatto che sia anche una remota possibilità sul buon pianeta Terra.

Rick Dubov

Incubo puro. Feudalesimo tecno. Tutto è etereo, compresi i soldi. A mio avviso, la cultura e la civiltà hanno bisogno di un bel po 'di tangibilità per esistere. Penso anche che questa progressiva de-materializzazione abbia già inferto un terribile colpo alle relazioni sociali. Questo non è più un mondo costruito dalle persone per le persone.

Andree Gross

"... invece di possedere cose, semplicemente le affittate o le date in affitto dalle parti appropriate ..." E chi sarebbero quelle parti appropriate, hmmm? Al Gore, per esempio?