Il fatale concetto di tecnocrazia che affligge la maggior parte dei processi politici

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Man mano che sempre più persone raccolgono la realtà storica e moderna della tecnocrazia, vengono analizzati sempre più punti di vista. L'autore dichiara: "It (Technocracy) non riesce a riconoscere che le persone non sono pezzi di una scacchiera e potrebbero scegliere di rispondere in modi che vanificano i grandi obiettivi politici" Editor TN Editor

Pubblicò il grande economista e filosofo politico austriaco Friedrich von Hayek La strada per la schiavitù nel 1944, argomentando contro il socialismo, la pianificazione e il collettivismo, ea favore della libertà individuale, del sistema di mercato e del capitalismo. Molto tempo dopo, alla vigilia del crollo del comunismo nell'Europa orientale, nel 1988, pubblicò La concezione fatale, che si espande e si basa su argomenti che aveva articolato per mezzo secolo. (Quest'ultimo lavoro è stato curato dal filosofo William Warren Bartley, e c'è una disputa accademica sul fatto che fosse più autore che editore, con Hayek già malato in quel momento.) Il titolo di quest'ultimo lavoro deriva da un celebre passaggio in La teoria dei sentimenti morali (1759) dell'economista e filosofo politico scozzese Adam Smith, meglio conosciuto per il suo classico La ricchezza delle nazioni (1776).

Questo passaggio di Adam Smith è così ricco e così preveggente, che merita di essere citato per intero: “L'uomo di sistema, al contrario, tende ad essere molto saggio nella sua stessa concezione; ed è spesso così innamorato della presunta bellezza del suo piano ideale di governo, che non può subire la minima deviazione da nessuna parte di esso. Continua a stabilirlo completamente e in tutte le sue parti, senza alcun riguardo né ai grandi interessi, né ai forti pregiudizi che possono opporvisi. Sembra immaginare di poter disporre i diversi membri di una grande società con la stessa facilità con cui la mano dispone i diversi pezzi su una scacchiera. Non ritiene che i pezzi sulla scacchiera non abbiano altro principio di movimento oltre a quello che la mano imprime su di loro; ma che, nella grande scacchiera della società umana, ogni singolo pezzo ha un proprio principio di movimento, del tutto diverso da quello che il legislatore potrebbe scegliere di imprimervi. Se questi due principi coincidono e agiscono nella stessa direzione, il gioco della società umana andrà avanti facilmente e armoniosamente ed è molto probabile che sia felice e di successo. Se sono opposti o diversi, il gioco andrà avanti miseramente e la società deve essere sempre nel più alto grado di disordine ".

Smith ci offre niente di meno che una critica al "socialismo scientifico", una dottrina che sarebbe emersa quasi due secoli dopo. Questa teoria afferma che un governo benevolo può raggiungere il bene sociale, o, in ogni caso, fini socialmente desiderabili, pianificando e dirigendo una società e i suoi cittadini per mezzo di leggi, regole, regolamenti e fiat amministrativo. L'India avrebbe sperimentato una versione di questo sotto la licenza-permesso-quota raj che era al centro del socialismo nehruviano e dei piani quinquennali del paese, e la maggior parte dei paesi occidentali ne ha sperimentato una versione nella forma della svolta del dopoguerra. verso la gestione del ciclo economico keynesiano e la regolamentazione del governo per frenare le forze di mercato competitive.

La critica di Smith identifica l'essenza della fatale presunzione della pianificazione centrale: l '"uomo di sistema" tratta gli esseri umani come pezzi degli scacchi, che possono essere spostati a piacimento dalle mani del maestro di scacchi, e che non hanno alcun impulso comportamentale o risposta di il loro. Ciò contraddice il principio fondamentale dell'economia, secondo cui gli esseri umani scelgono intenzionalmente le proprie azioni per raggiungere i propri fini e, pertanto, il loro comportamento risponde a incentivi e disincentivi (che provengano dal mercato o altro) e, in questo caso, in modo critico, risponde a la struttura incentivante / disincentivante creata dalla stessa pianificazione del governo.

Applicata alla politica economica, questa intuizione prende diversi nomi: la "critica di Lucas" in macroeconomia, dal nome dell'economista Nobel Robert Lucas; e il "principio di compensazione" in microeconomia, coniato dall'economista Sam Peltzman, entrambi economisti dell'Università di Chicago. In parole povere, gli esseri umani reagiranno alla politica del governo che mira a plasmare il loro comportamento, e questa reazione servirà spesso a negare o compensare l'obiettivo prefissato di quella politica. L'intervento del governo nell'economia è, quindi, spesso controproducente, proprio perché gli esseri umani non sono pedine su una scacchiera, ma reagiscono intenzionalmente a tale intervento, esattamente come Smith comprese quasi 300 anni fa.

La dottrina del socialismo scientifico può essere stata gettata nel mucchio di cenere della storia quando il comunismo è crollato nell'Europa orientale e nell'ex Unione Sovietica, ma vive nella sua progenie, che sono le varie forme di tecnocrazia che hanno messo radici e sono fiorite negli ultimi anni. anni, soprattutto lo scorso anno dopo lo scoppio della pandemia covid. L'incarnazione contemporanea della presunzione fatale è esemplificata dall'idea di blocco, che mira a frenare la propagazione dell'infezione virale attraverso ordini di "soggiorno a casa", la chiusura di luoghi pubblici, il coprifuoco, le restrizioni alle riunioni pubbliche e private e il blocco o l'imposizione di severe restrizioni all'operatività di imprese private.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Ren

Anche questo sembra essere un punto debole di questi ingegneri sociali. Hanno bisogno che le persone si comportino in modo ordinato e prevedibile. Ultimamente il WEF ha pubblicato un articolo su come superare l'"esitazione vaccinale" delle persone. Non rendendosi conto delle loro tattiche ad alta pressione è solo riuscito a farci uscire di soppiatto. Avevo programmato di farmi colpire finché non hanno iniziato a offrire ciambelle gratis. Con tutti i messaggi contrastanti su cosa avrebbe dovuto fare lo scatto mi ha fatto mettere in discussione. Ora sono resistente ai vaccini. Forse Schwab dovrebbe fare una pubblicità per la Pfizer. «Prenderai l'ago nel braccio.... Per saperne di più »