Brownstone: la distopia tecnocratica è impossibile

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
Questo autore dimostra correttamente che il sogno utopico della tecnocrazia non può funzionare, non potrebbe mai funzionare e non funzionerà mai. L'unica domanda è quanto del mondo distruggerà prima che tutti gli altri lo capiscano? ⁃ Editore TN

Nell'imminente distopia tecnocratica, la vita sarà triste per la maggior parte di noi. Per coloro che sopravvivranno allo spopolamento preliminare, una griglia di controllo tecnologico gestita da intelligenza artificiale e robot terrà sotto controllo ogni nostro movimento. Noti che il tuo cubo della dispensa sta finendo con hamburger di insetti liofilizzati, carne finta e latte di scarafaggio.

Fai in modo che la tua pausa cada al di fuori delle tue tre ore giornaliere di Internet alimentato dal vento. Proibito dal World Economic Forum da possedere la propria auto, contrassegni una quota di corsa veloce dal tuo alloggio in affitto in un container impilato sul lato vicino del tuo Città di 15 minuti. Dopo aver lasciato le altre sette persone nella tua quota di viaggio, arrivi al finto punto di distribuzione della carne, dove aspetti in una lunga fila, sperando di scambiare alcuni dei tuoi crediti di razione di carbonio rimanenti per più provviste.

Temi che la tua transazione possa essere rifiutata dalla rete di valuta digitale della banca centrale. Dopotutto, c'è stato quel momento in cui la tua fronte corrugata ha mostrato una leggera infelicità. Ti chiedi se l'intelligenza artificiale del riconoscimento facciale l'abbia rilevato durante una delle tue chiamate Zoom mascherate.

Ma per le élite, le cose andranno meglio che mai. Jet privati, auto, filetto di manzo ultra wagyu (per i loro cani) e grandi proprietà. I farmaci per prolungare la vita li renderanno quasi immortali. Andranno in vacanza in hotel a 5 stelle, un breve viaggio in limousine dal Louvre, ma senza la folla.

L' WEF – una fonte infinita di malapropismi tecnocratici – dice che lo farai “non possedere nulla” e sii felice (la felicità forse sarà uno stato indotto dalla droga come suggerisce Yuval Hariri). Molti ricercatori indipendenti che hanno esaminato il file I piani del WEF hanno riportato risultati simili. Ad esempio - vedi James Corbetta, Patrick Wood, Whitney Webb 2, Tessa Lena 2Jay tintore, e Catherine Austin Fitts.

Aaron Cheriaty, che dice più o meno la stessa cosa nel suo libro Il nuovo anormale, chiama il sistema in arrivo "capitalismo comunista". Jeffrey Tucker lo chiama "tecno-primitivismo". Descrive il sistema come:

una combinazione di tecnologia digitale più un ritorno alle epoche precedenti dell'esistenza a un tempo senza combustibili fossili e carne più isolamento geografico e scelte limitate per la gente comune. In altre parole, è un ritorno al feudalesimo: i signori del maniero sono titani digitali e il resto di noi sono contadini che lavorano duramente nei campi e mangiano insetti quando il cibo finisce.

I ricercatori che ho citato hanno fatto un'immersione profonda nel tratto gastrointestinale della bestia. Sebbene non contesti la veridicità delle loro scoperte, il mio problema con gran parte dei commenti sul Great Reset è che prende il Grand Plan al valore nominale. In effetti, un gruppo di élite ha un piano. Sono aperti su alcune parti (e molto probabilmente, meno aperti su altri).

Si può immaginare qualcosa, pianificarlo e persino provare a realizzarlo. Tuttavia, per avere successo, devono essere osservate le leggi della realtà. Le leggi di causa ed effetto si applicano a tutte le cose. Le grandi visioni utopiche falliscono sempre nella loro attuazione, sempre che arrivino a tanto.

Come funziona o non funziona

L'idea di una griglia di controllo totalitario è familiare ai fan della fantascienza, ma la narrativa fantasiosa estende i confini per scopi artistici. L'utopia (compresa la distopia) è una forma di fantascienza. Ci sono aspetti cruciali nel piano per una distopia tecnocratica che, per quanto spaventosa, non può essere realizzata.

La tecnocrazia immagina un mondo in cui le élite hanno tutte le cose belle della vita per se stesse, proprio come fa oggi la classe media nel mondo sviluppato. Motori a combustione interna, alimentazione affidabile, viaggi aerei, elettronica di consumo, manzo, alcol, odontoiatria, edifici stabili, asciutti e ben isolati, libri e servizi di streaming video sono tutti prontamente disponibili. Allo stesso tempo, lo farà una popolazione molto ridotta di schiavi-lavoratori scoraggiati e drogati non possedere nulla. Questa è una visione ma non è una possibile versione della realtà.

Essere elite in questo mondo significa essere ricchi. La ricchezza si crea attraverso la produzione di beni e servizi. Esistono molte forme di quelle che potrebbero essere chiamate "élite di secondo ordine": persone ricche che parassitano la ricchezza creata privatamente. Ma la loro capacità di farlo dipende dalla vera ricchezza, che è creata dalla produzione. Una volta che hai abbastanza beni per i tuoi bisogni, la ricchezza aggiuntiva viene detenuta sotto forma di beni. Le attività possono essere ridotte a poche categorie: terreni, azioni, debito, merci (sottoterra sotto forma di depositi e fuori terra come scorte di metalli). Senza entrare nel dettaglio di ciascuna asset class, le azioni e il debito traggono il loro valore dalle imprese, che esistono solo perché hanno clienti. Dopo che avranno impoverito tutti e confiscato tutti i nostri beni, i loro beni non varranno più nulla. Non varrai nulla e ti chiederai perché.

Ho visto previsioni distopiche su come i ricchi diventeranno più ricchi scambiando contratti futures sui nostri dati biometrici. I contratti futures sono una scommessa con un risultato a somma zero. La parte vincente realizza un profitto e la parte perdente subisce una perdita uguale. Chi saranno i perdenti? E a che serve il denaro se non ci sono beni e servizi in vendita per spenderli?

Kheriaty cita un fanatico della politica d'élite che pensa che "i finanziamenti al settore pubblico debbano aumentare". Da cosa? Chi pagherà le tasse? Anche se il settore pubblico avesse accesso illimitato al denaro, chi produrrà i beni ei servizi che il settore pubblico deve acquistare per costruire la propria rete di controllo? Con cosa pagheranno gli operai che lo gestiscono?

In che modo le élite otterranno roba per uso personale quando non è disponibile per le masse? I beni moderni dipendono da una vasta base di capitale accumulato. Per fare un esempio, consideriamo aeroplani e aeroporti. Aeroporti, compreso il piste, sono beni strumentali complessi che richiedono una manutenzione intensiva da parte di manodopera qualificata. Il controllo del traffico aereo richiede una combinazione di beni strumentali, manodopera qualificata ed energia per funzionare. Questo documentario racconta delle 30,000 parti che un aeroporto deve avere a disposizione per evitare tempi di inattività degli aerei. Nello stesso aeroporto, la compagnia aerea gestisce una struttura separata dove i motori a reazione vengono smontati da meccanici qualificati, revisionati e ricostruiti.

Chi costruisce i sistemi?

Tutto questo sarà fatto da AI e robot? Le reti di computer e i server dipendono da catene di approvvigionamento complesse. I chip della CPU sono prodotti principalmente a Taiwan, i chip di memoria nella Corea del Sud e i dischi rigidi in diversi luoghi, incluso il Nord America. La costruzione di una singola fabbrica per la produzione di semiconduttori costa oltre 1 miliardo di dollari e coinvolge competenze tecniche provenienti da molti campi diversi.

La griglia di controllo robotico poggia su una base di energia e estrazione mineraria. I robot sono fatti di metallo così come i data center e i computer. L'energia viene estratta dai depositi sotterranei di carbone, petrolio, gas naturale e uranio. Una volta estratto il metallo deve essere estratto dalla roccia e trasformato in barre, tubi, fili o qualunque sia la destinazione d'uso. Anche l'“energia verde” richiede enormi quantità di metalli. Il rame e il ferro non sono così difficili da trovare, ma alcuni dei metalli minori necessari per le batterie, come il cobalto e il niobio, sono molto più difficili. Una miniera in funzione viene esaurita e poi ritirata, man mano che vengono estratti i minerali. Nuovi depositi devono essere localizzati e sviluppati. All'interno dell'industria mineraria, esiste una divisione del lavoro tra la ricerca di nuovi giacimenti, la costruzione di miniere, la gestione di miniere e il loro finanziamento.

Chi gestirà la griglia di controllo? La tecnologia richiede manodopera qualificata per funzionare. L'intelligenza artificiale può solo imitare le abilità che le persone hanno già dimostrato. I modelli di intelligenza artificiale devono essere addestrati da operatori controllati dagli umani. I data scientist decidono quando l'addestramento è completo o quando il modello richiede un nuovo addestramento. Molte decisioni vengono prese durante questo processo e può essere avviato solo con un obiettivo in mente. I robot faranno tutto? Chi le costruirà? Da dove verranno i metalli per realizzarli? Il potere di gestirli? Chi scriverà il software per controllarli?

La griglia di controllo richiederà un'enorme quantità di manodopera qualificata. Le persone acquisiscono competenze lavorando nello stesso campo - o in più campi diversi - nel corso di una carriera. La maggior parte delle persone entra nel mondo del lavoro poco più che ventenne e molti rimangono per cinque decenni o più. Le persone imparano a fare cose complesse, come costruire una fabbrica di semiconduttori o pilotare un aeroplano, lavorando con colleghi più esperti e affrontando sfide sempre più difficili man mano che acquisiscono esperienza. La maggior parte dei piloti delle compagnie aeree commerciali inizia con l'addestramento al volo che riceve nell'esercito, e da lì fa il passo verso i vettori regionali a corto raggio con l'aspirazione di un giorno seduto nella cabina di pilotaggio di una grande compagnia aerea.

Potrei continuare con la mia serie di esempi, ma illustrano solo che c'è un principio più profondo all'opera qui. La ricchezza che rende possibile la tecnologia per gestire la griglia di controllo e fornire alle élite le cose buone richiede un'economia di mercato.

"L'economia" - quella cosa che ha un interruttore on//off, che potremmo capovolgere per due settimane e poi tornare indietro. Ricordi come, ci siamo tutti scavati, abbiamo indossato le nostre maschere, ci siamo allontanati socialmente, ci siamo riparati sul posto? Quella curva non sapeva cosa l'avesse colpita. Abbiamo appiattito il triste fondoschiena di quella povera curva. Quindi abbiamo riportato l'interruttore in posizione "on". Una volta che l'economia ha finito di riavviarsi, abbiamo ripreso esattamente da dove avevamo interrotto. In realtà non è andata così. In quell'allucinazione, nessuno ha perso i propri affari, la propria casa, gli amici, i rapporti familiari, gli anni di istruzione dei propri figli, la propria carriera o qualsiasi altra cosa significativa.

Non c'è nessun interruttore

La produzione di beni e servizi non è una macchina con un interruttore. "Economia" è un nome per il processo attraverso il quale tutti noi produciamo cose e le forniamo agli altri. Questo processo non solo crea cose interessanti come telefoni cellulari e viaggi aerei, ma è ciò che consente a tutti noi di rimanere caldi, asciutti e vivi. È una rete interconnessa di miliardi di singoli decisori, aziende, beni in lavorazione, beni strumentali, generazione di energia, sistemi di trasporto e persone che li gestiscono.

La spiegazione più convincente della necessità del mercato è stata scoperta dal grande economista del Scuola austriaca, Ludovico Von Mises. Mises nel suo carta 1920 ha esaminato il problema della pianificazione centrale. La proprietà di tutto il capitale produttivo da parte dello stato – il socialismo – era un'idea popolare all'epoca. Gli intellettuali lo ritenevano inevitabile. Con la proprietà arriva la responsabilità. Un consiglio di pianificazione centrale si assumerebbe il compito di pianificare l'intera economia. Cosa dovrebbe essere prodotto? Quanto? Da chi? Da distribuire dove?

Il punto di partenza è capire che le risorse produttive sono "scarse". Nell'inglese normale, scarso significa che un bene è difficile da trovare. Gli economisti usano la parola per indicare che ci sono più usi valutati potenziali per l'attività rispetto alla quantità di quell'attività attualmente esistente. Utilizzare il bene in un modo comporta un costo inferiore per utilizzarlo per altri scopi. Qualsiasi decisione che comporti l'utilizzo di più mattoni per costruire case significa meno mattoni per costruire muri.

Mises ha osservato che il numero di possibili usi di tutti i beni strumentali esistenti per produrre beni di consumo e servizi è inimmaginabilmente grande. Dato il vasto numero di beni strumentali, lavoratori qualificati, tipi noti di beni di consumo e diversi processi di produzione per crearli, le possibilità sono quasi infinite.

Non solo la scelta deve essere fatta tra produrre più beni capitali e meno beni di consumo, o il contrario, ma c'è un'incalcolabile varietà di scelte all'interno di ciascuna categoria.

Per quanto riguarda i beni strumentali, abbiamo bisogno di più produzione di energia? Il pianificatore dovrebbe investire in nucleare, carbone, gas naturale, GNL o gasdotti? Fabbriche? Di che tipo? O reti di trasporto, porti, terminal o logistica? Abbiamo bisogno di beni strumentali più specializzati come macchine che incidono circuiti in chip di silicio o strumenti più generici come camion e computer? La pianificazione deve guardare anni nel futuro. L'estrazione di minerali dal terreno e la generazione di energia richiedono anni di pianificazione e sviluppo in modo che, quando il piccolo imprenditore ha bisogno di un iPad, è disponibile presso l'Apple Store locale.

Per i consumatori, qual è il migliore? Più scarpe e meno cellulari? Più hamburger e mobili migliori ma meno lavelli da cucina e pneumatici per biciclette? Il numero di piani è infinito. Ci sono sempre imprenditori con idee per beni che ancora non esistono, che vorrebbero portare sul mercato. Più produzione di beni noti significa meno nuove invenzioni. Anche le generazioni successive dello "stesso prodotto" differiscono in quanto vengono introdotti sottili miglioramenti (o nel caso di Microsoft Windows, retrogressioni non così sottili).

Mises ha chiesto, come deciderebbe il pianificatore centrale tra usi alternativi delle risorse produttive? Ha sorpreso il campo dell'economia con la sua conclusione: la produzione di beni e servizi come sappiamo sarebbe impossibile sotto la pianificazione centralizzata. A mio parere, la svolta di Mises è il contributo più grande e meno noto alle scienze sociali del secolo scorso. Ha fatto scintille un grande dibattito negli ambienti economici professionali dell'epoca, ma oggi rimane in gran parte sconosciuto al di fuori degli studiosi.

Se la pianificazione centralizzata è impossibile, come mai abbiamo tutte le cose che abbiamo adesso? Chi decide cosa produrre? In un'economia di mercato – con la proprietà privata dei mezzi di produzione e un solido sistema monetario – le imprese decidono quali prodotti offrire. Sono in concorrenza tra loro e competono con gli imprenditori che vorrebbero entrare nei loro mercati.

Per poter scegliere tra una cosa e l'altra, ci deve essere un modo per confrontare le alternative. Ciò si ottiene con quello che Mises chiamava "calcolo economico". Prima di iniziare, i costi monetari previsti vengono confrontati con i ricavi monetari previsti. I profitti sono costituiti dal differenziale tra costi e ricavi realizzati. I proprietari nell'economia di mercato sono alla ricerca di opportunità di profitto. Più opportunità redditizie vengono intraprese, meno opzioni redditizie o in perdita non lo sono.

Per confrontare le alternative, i profitti possono essere confrontati con i costi utilizzando i rapporti. I rapporti finanziari, come il tasso di rendimento interno o il rendimento del capitale proprio, sono adimensionali: contengono unità monetarie sia al numeratore che al denominatore. Queste metriche tentano di catturare l'efficienza economica di ogni particolare decisione. Senza paragoni, chi potrebbe dire se la società beneficerà di più scarpe e meno magliette, o il contrario? Utilizzando rapporti adimensionali, gli usi alternativi di risorse scarse possono essere confrontati l'uno con l'altro.

Costi e ricavi sono sempre stimati perché i costi totali di produzione non possono essere conosciuti interamente fino a dopo la produzione, né i ricavi delle vendite possono essere conosciuti fino a quando i beni non sono venduti. Potrebbe essere più (o meno) costoso del previsto assumere i lavoratori necessari, potrebbero sorgere problemi di catena di approvvigionamento, uno spazio potrebbe aprirsi a un canone inferiore al previsto, la domanda del prodotto potrebbe essere più forte o più debole. La capacità di stimare costi e prezzi futuri è una chiave per il successo nel guadagnare profitti.

Consapevolezza, o immaginazione, di ciò che può essere prodotto, come e con ciò che ha origine nella diversità della conoscenza umana, dell'esperienza e del modo in cui ognuno di noi si trova diversamente nel mondo. All'interno di un'impresa commerciale risiede un accumulo di conoscenze su quel settore. Quell'azienda potrebbe essere ben posizionata per portare sul mercato nuovi prodotti simili alla loro attuale linea di prodotti. L'azienda che produce motociclette avrà una buona idea delle preferenze dei clienti in quel mercato. Qualcun altro potrebbe avere una conoscenza regionale o locale delle condizioni di mercato. Quella persona nota mentre va al lavoro quanto lontano devi andare da casa sua a una lavanderia a secco. Quella conoscenza locale gli dà un'idea di dove una lavanderia a secco potrebbe soddisfare un'esigenza insoddisfatta.

I prezzi devono essere prezzi di mercato

I prezzi di mercato sono una chiave del processo. Mises si basava sugli sviluppi della teoria dei prezzi della scuola austriaca nei decenni precedenti. Alcuni anni prima di Mises era stato scoperto che i prezzi di mercato dei beni capitali e del lavoro si verificano perché gli imprenditori e le aziende commerciali sono in grado di attribuire un valore monetario definito a ciascuna risorsa che desiderano utilizzare nella produzione. Ogni lavoratore assunto, ogni spazio affittato, ogni macchina o prodotto per ufficio acquistato, ogni pubblicità acquistata e ogni litro di gas utilizzato nei trasporti ha un valore monetario specifico per ogni imprenditore.

Ogni azienda, ogni imprenditore deve determinare l'importo che è disposto a pagare per il lavoro e i beni che intende utilizzare. I loro prezzi di acquisto si basano sul modo in cui l'asset contribuisce ai prezzi di vendita che si aspettano. Il processo di offerta competitiva garantisce che le risorse scarse vengano utilizzate da quegli imprenditori e imprese che attribuiscono il massimo valore monetario al loro utilizzo.

Il valore della risorsa per l'impresa ha origine nel valore che il consumatore alla fine della filiera attribuisce al prodotto finale. Le imprese commerciali devono essere in grado di vendere in un mercato di consumo (anche se diversi strati a valle) per valutare i loro componenti nella catena di approvvigionamento. Alla fine, il consumatore decide sui compromessi tra più di una cosa e meno di un'altra attraverso la sua disponibilità ad acquistare a un dato prezzo.

Il sistema dei prezzi funziona come un sistema collaborativo per mettere in comune la conoscenza, l'esperienza e le idee di tutti su come utilizzare al meglio le risorse disponibili. Il sistema dei prezzi dà all'imprenditore un'idea di come il resto della società valuta risorse economiche specifiche in termini monetari, consentendo il calcolo economico in modo che possano essere prese decisioni di produzione.

Oltre all'economia di libero mercato, al denaro solido e alla proprietà privata, quali alternative ci sono per l'uso delle risorse limitate esistenti nella creazione di cose utili? Nessuno. Proprio nessuno. Mises ha sottolineato che non stava dicendo che il capitalismo è un sistema economico migliore del socialismo. Il socialismo non è affatto un sistema economico perché non offre una soluzione al problema di come economizzare l'uso di risorse scarse. Il calcolo economico con i prezzi monetari è l'unico modo che è stato scoperto per farlo.

La versione del mondo delle élite dove Bill e Klaus avere belle cose con una griglia di controllo ad alta tecnologia che schiaccia tutti non può essere costruito nella forma che immaginano. Bill e Klaus non possono fare tutto ciò che vogliono da soli, nemmeno con i robot. La loro visione non include il calcolo economico.

Le cose non si fanno da sole. Fare cose deve accadere precedente a avere roba. Fare tutte le cose belle richiede molte persone e molti beni capitali. Le dimensioni e la divisione del lavoro richieste per riempire la catena di approvvigionamento anche di un solo prodotto complesso, come un telefono cellulare, richiedono un calcolo economico, che verrebbe abolito come parte del loro folle piano.

Per costruire sistemi ad alta tecnologia ci deve essere una proprietà diffusa della proprietà privata. La proprietà privata deve essere sotto il controllo delle imprese concorrenti e dei loro investitori. I lavoratori devono essere liberi di muoversi, cambiare lavoro e acquisire competenze. E le persone devono ricevere stipendi determinati in modo competitivo. I salari sono prezzi, che dimostrano il contributo del lavoratore nel quadro del calcolo economico.

Se la griglia di controllo distopica non è possibile, cosa accadrà quando cercheranno di realizzarla? Come l'economista Giuseppe Salerno ha scritto, un tentativo dedicato alla pianificazione centrale si tradurrebbe in una completa disintegrazione della società umana. Ne abbiamo visto l'inizio nei massicci shock della catena di approvvigionamento e nelle interruzioni del mercato del lavoro negli ultimi due anni. Non abbiamo assistito a un completo recupero da quel disastro. Ci sono carenza di piloti, un carenza di cibo in arrivocarenza di personale sanitarioe frequenti chiusure di attività per problemi di personale.

Realtà non vincolata

Le visioni utopistiche puliscono la lavagna del mondo in modo che possa essere ricostruito perfettamente. Le grandi utopie non possono essere realizzate perché, mentre l'immaginazione è illimitata, la realtà ha dei limiti. Cos'è una distopia diversa dal ruolo di un NPC nell'utopia di qualcun altro? In questo caso, l'utopia è il sogno delle élite psicotiche che immaginano di poter ottenere i prodotti finali della cooperazione di massa senza la società aperta che lo consente. Si può fare molto danno nel tentativo, ma è solo una questione di quanto lontano può arrivare prima che si annulli.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

Ho scritto una breve sinossi incentrata sullo stesso in un commento di recente, io stesso. Eccellente panoramica e spiegazione per i profani di come funziona l'economia, perché e cosa entra nel suo funzionamento. D'accordo, con riserva. Il principale? Gli "ETLITISTI" non sono élite come NON sono, presentano una fonte di energia completamente rinnovabile per la quale hanno assassinato e trattenuto perché non possono 'metterci un metro sopra'. Ultimo conteggio? Circa 5200 brevetti sono stati messi sotto chiave perché le invenzioni sfidano i profitti del settore energetico e il controllo ultimo dello Stato sull'umanità. Questo non significa che l'umanità... Per saperne di più »

Ultima modifica 13 giorni fa di Elle
Greg

"In questo caso, l'utopia è il sogno delle élite psicotiche che immaginano di poter avere i prodotti finali della cooperazione di massa senza la società aperta che lo consente"

Detto perfettamente. Ottimo articolo. Grazie. C'è speranza, ma come sottolinea l'editore, quanta parte della nostra società e umanità verrà distrutta prima di ammettere la sconfitta. il "Grande balzo in avanti" di Mao; “Anno Zero” di Pol Pot; il "Terzo Reich" di Hitler, la "Modernizzazione" di Stalin; Lo "Stato fascista" di Mussolini. Tutto ha portato alla devastazione e innumerevoli morti.

Mike Marson

Non so se sia mai arrivato al punto in cui ha detto che questo sistema "in arrivo" non è destinato a funzionare. Non avrebbe mai dovuto funzionare. Guarda la FAA. Sembra che funzioni ancora? Certo, per ora, ma dagli un po' di retorica più egualitaria e qualche anno e sarà lo stesso scherzo della raccolta dei rifiuti e dell'aratura della neve con i veicoli elettronici a New York. Non può funzionare, e nessuno dei tirapiedi che ha proposto e realizzato queste idee lo ignora. Vedi, dobbiamo imparare a riconoscere gli attori, e basta... Per saperne di più »

Mike Marson

In un'economia di mercato – con la proprietà privata dei mezzi di produzione e un solido sistema monetario – le imprese decidono quali prodotti offrire. Sono in concorrenza tra loro e competono con gli imprenditori che vorrebbero entrare nei loro mercati. Questo è solo parzialmente vero. Bisogna guardare a tutti i prodotti che non abbiamo mai chiesto e che sono diventati "punti fermi" della nostra vita quotidiana. Nessuno ha MAI chiesto lettori musicali portatili fino a quando non sono diventati "una cosa". Idem per MOLTE altre tecnologie. Comprese le telecamere, fin dal loro inizio. Ogni fase di... Per saperne di più »

[…] Brownstone: la distopia tecnocratica è impossibile […]

[…] Brownstone: la distopia tecnocratica è impossibile […]