La condivisione dei viaggi aumenta lo schiacciamento del traffico negli aeroporti

vuoto
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La condivisione dei viaggi è stata promessa come il modo "sostenibile" per far uscire le persone dalle loro auto e ridurre la congestione del traffico e quindi l'inquinamento. Ha fallito sotto tutti gli aspetti e ora aggrava ancora di più i viaggiatori. ⁃ Editor TN

Sei stato in un aeroporto di recente? Quindi sicuramente sei stato in un backup sulle strade o hai dovuto fare jockey per un posto di fronte al terminal per prendere o lasciare un viaggiatore.

Non è la tua immaginazione: il traffico negli aeroporti - anche prima di entrare - è peggiorato. La causa non è solo il numero record di viaggiatori. È anche il turno di guidare la condivisione.

Un frequente viaggiatore d'affari afferma che la sua esperienza lo conferma.

"Gli aeroporti erano previsti per le linee di taxi, non per questa modalità di trasporto di veicoli di grandi dimensioni", ha dichiarato Tanvi Gandham, consulente di gestione.

Per affrontare l'affollamento, gli aeroporti stanno iniziando a fare cambiamenti, aggiungendo corsie espresse per i viaggiatori senza bagagli registrati, aree separate per le compagnie di ride-ride e grandi lotti fuori sede per l'attesa. Allo stesso tempo, le società di ride-share come Lyft e Uber stanno aggiungendo nuove funzionalità alle loro app, abbinando, ad esempio, i conducenti che hanno appena lasciato i passeggeri con le persone in attesa di essere prelevate, riducendo il tempo di circolazione dei veicoli e in attesa .

L'esplosione della domanda di ride-share ha colto di sorpresa gli aeroporti, "e il personale operativo si sta arrampicando per risolverlo", ha dichiarato Kama Simonds, portavoce dell'aeroporto internazionale di Portland in Oregon. Pickup Ride-share lì, ha detto, sono saliti su 106,000 da 48,000 negli ultimi due anni.

Il problema della congestione inizia con questo: più persone volano che mai. Secondo l'International Air Transport Association, il gruppo commerciale del settore aereo, quest'anno il numero totale di passeggeri delle linee aeree nel Nord America supererà il miliardo, con un incremento di circa il 19 rispetto a 2014. Per accogliere i viaggiatori aggiuntivi, gli aeroporti hanno costruito nuovi cancelli e terminali e questa costruzione sta causando ancora più problemi di traffico.

A 2014, l'aeroporto internazionale di San Francisco è diventato uno dei primi aeroporti a concedere licenze per le compagnie di condivisione di corse e in pochi anni i volumi di traffico "erano insostenibili", ha detto Doug Yakel, portavoce dell'aeroporto. "Il nostro obiettivo è che la velocità media attraverso l'area sia di 15 miglia all'ora", ha detto. "Avevamo regolarmente traffico stop-and-go e gridlock".

L'aeroporto, che ha servito quasi 58 milioni di viaggiatori in 2018, rispetto a 47 milioni cinque anni fa, si trova in un'area sviluppata senza spazio per espandersi. Con un'autostrada senza pedaggio da una parte e una baia dall'altra, l'aeroporto non può aumentare la propria presenza, ha affermato Yakel.

I modelli aeroportuali hanno dimostrato che per raggiungere l'obiettivo di 15 mph, l'aeroporto doveva rimuovere 45 percento delle auto da corsa dalle sue strade, ha affermato Yakel. Una varietà di idee, tra cui incentivi finanziari per i passeggeri da lasciare nel garage principale, non ha prodotto le sperate riduzioni del traffico. Quindi l'aeroporto recentemente ha spostato quasi tutti i pick-up per passeggeri in condivisione all'ultimo piano di quel garage. I servizi di auto nere e veicoli appositamente attrezzati per disabili possono ancora andare ai marciapiedi del terminal.

La signora Gandham, una frequente utilizzatrice di corse, parte dall'aeroporto di San Francisco quasi ogni settimana ed è stata quest'anno nelle città di 11 negli Stati Uniti. Ha detto che il cambiamento all'aeroporto di San Francisco ha reso più efficiente prendere un passaggio, anche se comporta una camminata più lunga dal cancello. Quella zona di ride-ride è migliore, ha detto, di molti altri aeroporti, che sembrano riutilizzare "spazi improvvisati che non sono stati progettati per il pick-up e il drop-off". A volte, ha detto, "sono solo un paio di file isolate in un parcheggio. "

Marcus Womack, responsabile dei prodotti aeroportuali globali di Uber, ha affermato che negli ultimi due anni l'azienda ha lavorato a stretto contatto con gli aeroporti per migliorare l'esperienza di guidatori e piloti. "Nessuno dei due vuole passare il tempo ad aspettare", ha detto.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti