La Banca Mondiale adotta la sorveglianza e il monitoraggio geospaziale

Per favore, condividi questa storia!
GEMS sta per Geo-Enabling Initiative For Monitoring & Supervision, ed è stato adottato dalla Banca Mondiale per monitorare e controllare le persone in tutto il mondo dei prestiti. Promette di “massimizzare gli impatti sullo sviluppo e il capitale umano”. ⁃ Editore TN

La crisi del COVID-19 non solo ha portato a un'esacerbazione della povertà e all'annullamento dei guadagni in termini di sviluppo in molti paesi del mondo, ma ha anche messo in luce i significativi vincoli di accesso e le lacune di dati sulle condizioni locali che la comunità internazionale di sviluppo ha dovuto affrontare. Tuttavia, l'accesso a dati granulari sul terreno rimane indispensabile per monitorare in modo responsabile la fornitura di soccorsi di emergenza urgentemente necessari per le comunità bisognose nel mezzo della pandemia e per ricostruire meglio in modo trasparente.

L'iniziativa Geo-Enabling for Monitoring and Supervision (GEMS) è un programma globale lanciato dalla Banca Mondiale che forma agenzie governative, donatori e professionisti dello sviluppo per sfruttare sistematicamente la tecnologia pronta sul campo per il monitoraggio remoto in tempo reale e la gestione adattiva del rischio correlato allo sviluppo attività. GEMS mira a creare un bene pubblico e creare capacità con gli stakeholder locali per adattare gli strumenti geospaziali open source a esigenze specifiche. Attraverso questo, GEMS mira a sostenere una democratizzazione della raccolta e dell'analisi dei dati geospaziali, per migliorare ulteriormente la fornitura di servizi responsabili nei paesi in via di sviluppo in tutto il mondo.

L'innovativo metodo GEMS fornisce una soluzione molto richiesta per il problema delle informazioni limitate in tempo reale dal campo, durante la pandemia di COVID-19, in situazioni di fragilità, conflitto e violenza (FCV) e oltre. Un elemento centrale di GEMS è l'utilizzo di strumenti sufficientemente semplici ea basso costo, come KoBoToolbox, che sono appropriati per qualsiasi ambiente e possono essere posseduti e scalati in modo sostenibile dagli stakeholder locali. Il fulcro di GEMS è il supporto pratico fornito alle unità di attuazione del progetto per aiutarle a creare sistemi personalizzati di monitoraggio geospaziale e gestione del rischio, in risposta alle sfide dello sviluppo locale.

GEMS è stato lanciato nel 2018 ed è supportato dal Korea Trust Fund for Economic and Peacebuilding Transitions (KTF) e dal World Bank Partnership Fund for the Sustainable Development Goals (SDG Fund). A marzo 2022, GEMS ha supportato oltre 800 progetti di sviluppo in oltre 90 paesi e ha formato più di 5,000 personale governativo in tutto il mondo sulle tecniche di monitoraggio geospaziale. Inoltre, varie banche multilaterali di sviluppo, agenzie delle Nazioni Unite, donatori bilaterali e ONG stanno adottando GEMS per la loro risposta al COVID-19 e oltre. Pertanto, GEMS è stato inserito dalle Nazioni Unite tra le migliori innovazioni delle Nazioni Unite nel 2020 e ha ricevuto un Geospatial World Excellence Award 2021 dal Geospatial World Forum.

Estendere la portata dello sviluppo nelle situazioni più fragili

La fragilità e i conflitti violenti non solo provocano distruzione, sfollamento e devastazione, ma comportano anche vincoli di accesso sul terreno, per ragioni di sicurezza e logistiche. Pertanto, anche molto prima della pandemia di COVID, c'è stata una richiesta urgente da parte dei professionisti dello sviluppo di soluzioni per supervisionare a distanza i progetti e migliorare la capacità delle parti interessate locali di condurre un monitoraggio e una valutazione (M&E) ben strutturati e responsabili. GEMS è stato lanciato per colmare le lacune informative in tali aree con accesso limitato per avere gli occhi a terra, dove non possiamo sempre avere gli stivali a terra.

GEMS è parte integrante della strategia FCV del Gruppo della Banca Mondiale ed è stato utilizzato per ottenere informazioni in tempo reale in contesti FCV come Afghanistan, Repubblica Centrafricana, Haiti, Kosovo, Myanmar, Sud Sudan e Yemen. In tutto il mondo, i membri del team GEMS hanno supportato progetti attraverso una gamma di efficaci strumenti di monitoraggio geospaziale, dalla raccolta di dati mobili su dashboard interattivi, alle analisi di telerilevamento tramite immagini satellitari.

Le informazioni sul campo in tempo reale create tramite GEMS hanno contribuito a migliorare la fornitura di servizi urgentemente necessari in contesti fragili. Inoltre, gli strumenti geospaziali hanno supportato la fornitura di servizi di soccorso per le vittime di violenza, attraverso la mappatura sistematica dei fornitori di servizi medici, psicosociali e legali per i sopravvissuti al GBV. Questo aiuta a proteggere i più vulnerabili e massimizzare l'impatto sullo sviluppo e il capitale umano, costruendo al contempo incentivi per la pace per le comunità.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

Che carico di bugie e stronzate. Sempre lo stesso argomento di aiutare l'umanità. Potrebbero fregarsene di quello che succede all'umanità, MAI. Siamo solo beni mobili per loro.

A tale proposito, parecchio tempo fa, ho cominciato a vedere che quando i soliti criminali bankster, e i loro media narrativi di supporto di spacciatori/bugiardi di propaganda 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX, racconteranno una parola di qualsiasi cosa, compiranno atti dell'assoluto opposto. È una formula. Sii consapevole.

Sono bugiardi. Non prenderli MAI in parola: NON È BUONO.

Ultima modifica 4 mesi fa di Elle
Jim

La polvere intelligente è nei cieli da quasi 15 anni. Il primo documento è dell'Università del Maryland in quanto hanno creato ricetrasmettitori di nanocomputer da 4 micron a 12 bit che vengono inalati, che fa parte dell'intelligenza geospaziale. Il livello di distruzione di tutta la vita è insondabile dalla maggior parte delle specie poiché le specie selvatiche rappresentano solo il 3% della biomassa, nella terra e nell'acqua. Anche la vita sintetica fa parte dell'equazione e tutto questo è già nel corpo di tutti poiché la tecnologia dipende dalle dimensioni del sub-virus e piccola come la grafina che ha uno spessore di solo 1 atomo. L'umanità non lo farà... Per saperne di più »

[…] La Banca Mondiale adotta la sorveglianza e il monitoraggio geospaziale […]