Habitat III Tecnocrati: le reti di big data sono fondamentali per la pianificazione urbana

Per favore, condividi questa storia!

Habitat III è incentrato sull'ingegneria sociale, e questo significa Tecnocrazia: "Gran parte di Habitat III si concentrava sull'applicazione di nuove tecnologie e sulla raccolta di big data, in particolare in questi centri urbani consolidati".  Editor TN

Più della metà del mondo vive nelle città e gran parte di Habitat III era focalizzata sull'uso delle reti di dati per una migliore pianificazione e sviluppo urbano. Ciò, tuttavia, lascia molte domande senza risposta.

Lo Nuova agenda urbana è stato adottato ufficialmente a Quito, in Ecuador, nell'ultima plenaria del Habitat III conferenza.

L'agenda prevede a "Roadmap" per l'anno 20 guidare lo sviluppo urbano sostenibile a livello globale.

Il testo della stessa Nuova agenda urbana è stato concordato molto prima dell'habitat III in occasione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel mese di settembre, durante una sessione di negoziazione informale straordinaria che è durata più di 30 ore.

Ciò ha consentito a Quito di concentrarsi su impegno e azione. Sotto lo stendardo del "Piano di attuazione di Quito", Gli impegni andavano dallo sviluppo e dal miglioramento di politiche urbane nazionali, all'integrazione tra diversi livelli di governo.

La conferenza ha visto anche annunci di nuove fonti di assistenza allo sviluppo internazionale ai paesi di fornire un migliore accesso alle abitazioni e ai rifugi per milioni di persone in più in tutto il mondo.

Sviluppo urbano sostenibile per tutti

Più della metà della popolazione mondiale ora vive nelle città. Quindi ha senso che la nuova agenda urbana modellerà in modo significativo il programma UN 2030 Agenda per lo Sviluppo Sostenibile.

L'agenda di 2030 si basa su una serie di obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). Più rilevante per la nuova agenda urbana è SDG 11, che mira a "rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili". Tuttavia, la nuova agenda urbana è stata criticato per mancanza di collegamenti diretti al obiettivi stabilito in Goal 11.

A differenza dei loro predecessori il Obiettivi di Sviluppo del Millennio, gli SDG si applicano a tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite allo stesso modo.

Mentre la maggior parte della rapida crescita urbana del mondo è nel sud del mondo, le sfide abbondano nelle città di Europa, Nord America, Australia, Nuova Zelanda e Asia orientale. In queste regioni, aggiornare le infrastrutture esistenti ed evitare "blocco del carbonio"- dove vecchie strutture ad alta intensità di carbonio impediscono l'adozione di alternative a basse emissioni di carbonio - richiederanno significativi sforzi di trasformazione.

Gran parte di Habitat III si è concentrato sull'applicazione di nuove tecnologie e sulla raccolta di big data, in particolare in questi centri urbani affermati. Sotto l'ombrello di scittà mart, l'utilizzo di reti di dati aperte per una migliore pianificazione urbana ha fornito alle città un futuro ottimistico e basato sulla tecnologia. Tuttavia, le domande sulla sicurezza, l'etica e la supervisione della raccolta di informazioni su larga scala rimangono ampiamente senza risposta.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti