L'ex ingegnere di Facebook spiega la cultura tossica e perché ha smesso

Youtube.
Per favore, condividi questa storia!
Questo è uno sguardo critico al tumulto interno a Facebook. L'ex dipendente Brian Amerige mette in guardia contro una piccola minoranza di "guerrieri della giustizia sociale" apertamente belligeranti che guidano la censura su Facebook, e denigrano brutalmente qualsiasi critico. ⁃ TN Editor

Un ex ingegnere senior di Facebook che ha scritto un promemoria all'inizio di quest'anno in cui denunciava la "monocultura politica" del gigante dei social media, ha detto a Fox News martedì sera che la società ha una "minoranza vocale" intenta a implementare "politiche di giustizia sociale nella nostra missione".

Brian Amerige, il cui ultimo giorno su Facebook è stato venerdì, ha detto a Fox News "Tucker Carlson Tonight" che "non puoi avere conversazioni su ... qualsiasi cosa che sia un principio dell'ideologia della giustizia sociale, in modo efficace, senza essere attaccato personalmente". Ha aggiunto che la recente politica dell'azienda che reprime i cosiddetti discorsi di incitamento all'odio è un argomento particolarmente delicato.

"Non puoi nemmeno avere conversazioni su quella politica all'interno dell'azienda senza che il tuo personaggio venga attaccato - e l'ho sperimentato personalmente - senza essere chiamato sessista, razzista, transfobo o islamofobo", ha detto Amerige.

Amerige ha attirato l'attenzione nazionale in agosto, quando ha scritto una nota interna, "Abbiamo un problema con la diversità politica". Il promemoria, che è stato successivamente trapelato al New York Times, affermava che i dipendenti di Facebook "affermano di accogliere tutte le prospettive, ma sono pronti ad attaccare - spesso in massa - chiunque presenti una visione che sembra essere in opposizione all'ideologia di sinistra . "

Martedì, Amerige ha affermato che i dirigenti di Facebook hanno preso sul serio le sue preoccupazioni e hanno lavorato con lui per migliorare la politica sull'incitamento all'odio. Tuttavia, ha detto che i dipendenti di rango e di sinistra non hanno condiviso le sue preoccupazioni.

"La cosa veramente preoccupante che sta accadendo qui è che, anche se questa è una minoranza di dipendenti dell'azienda, sfortunatamente, non sono sicuro che la leadership di Facebook sappia come respingerli", ha detto Amerige. "Sono incredibilmente bellicosi, esigenti e ostili non solo verso gli altri dipendenti, ma direttamente verso la leadership di Facebook".

In un memo di uscita ottenuto da Business Insider, Amerige ha scritto: “Mi preoccupo troppo del nostro ruolo nel sostenere la libertà di espressione e la diversità intellettuale per tentare ancora con tutto il cuore il prodotto, ed è così che so che è ora di andare. "Martedì ha criticato la politica sull'incitamento all'odio definendola" pericolosa "e" impraticabile ".

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Neonato

Non capisco perché qualcuno abbia bisogno di FB o di altre piattaforme social. Abbiamo e-mail per comunicare con coloro con cui vogliamo comunicare.