Congelamento globale: l'era glaciale in vista mentre il sole si prepara a "ibernare"

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

La narrativa sul riscaldamento globale sta rapidamente crollando, ma sarà sufficiente a far cambiare idea ai warmisti? Non probabile Piuttosto, molto probabilmente avranno un'altra prospettiva per continuare la paura che è progettata per guidare il mondo verso lo sviluppo sostenibile. Editor TN

Una lunga mini era glaciale di 15-ANNO potrebbe essere dovuta per colpire l'emisfero nord in soli QUATTRO anni mentre il sole si prepara al "letargo" - innescando una raffica di eventi catastrofici.

Un team di esperti ha avvertito che enormi eventi sismici, tra cui eruzioni vulcaniche, abbassamento delle temperature globali e destabilizzazione della crosta terrestre diventeranno più comuni dopo che sono stati registrati preoccupanti cambiamenti nella superficie del Sole.

Potrebbero essere necessari fino a 15 anni affinché l'attività solare ritorni alla normalità con condizioni meteorologiche estreme e temperature di congelamento che continuano fino a 2035.

L'avvertimento farà infuriare i sostenitori dell'ambiente che sostengono da 2030 che il mondo deve affrontare l'aumento del livello del mare e delle inondazioni a causa della fusione glaciale ai poli.

L'attività solare, misurata dall'aspetto delle macchie solari, è diminuita a un ritmo maggiore rispetto a qualsiasi altro momento nella storia, è emersa.

Il Sole è ora senza macchie per la prima volta in cinque anni dopo che 21 ha osservato giorni di attività minima durante il corso di 2016.

Sebbene i punti riapparissero sporadicamente durante l'estate, durante l'anno sono stati registrati ripetuti crolli senza attività.

La tendenza ha spinto gli scienziati ad avvertire che il mondo si sta precipitando verso uno storico evento solare minimo con una produzione che potrebbe scendere a un minimo storico.

Si pensa che i fenomeni guidino il freddo estremo in Europa, tra cui la Gran Bretagna, il Nord America e attraverso l'emisfero meridionale inferiore che colpisce la Nuova Zelanda e parti del Sud America.

Inoltre, sono stati collegati a grandi terremoti in punti caldi del tremore che hanno scatenato la paura che le principali città, tra cui Tokyo e Los Angeles, potrebbero trovarsi di fronte al prossimo "grande".

La ricerca del Centro di ricerca spaziale e scientifica in Florida ha rivelato un forte legame tra bassa attività solare ed eventi sismici.

Lo studio ha esaminato l'attività vulcanica tra 1650 - 2009 e l'attività sismica tra 1700 - 2009 confrontandola con i record delle macchie solari.

Ha rivelato una terrificante correlazione tra la ridotta attività solare e i maggiori eventi sismici e vulcanici nella storia registrata.

I ricercatori dell'Istituto giapponese per la ricerca sui raggi cosmici hanno concluso che esiste un legame tra l'attività vulcanica globale e i livelli minimi di attività solare.

L'autore dello studio Toshikazu Ebisuzaki ha dichiarato: “I vulcani con magma ricco di silice e altamente viscoso tendono a produrre eruzioni violente esplosive che provocano disastri nelle comunità locali e che influenzano fortemente l'ambiente globale.

"Abbiamo esaminato i tempi degli eventi eruttivi di 11 che hanno prodotto magma ricco di silice da quattro vulcani in Giappone (Monte Fuji, Monte Usu, Myojinsho e Satsuma-Iwo-jima) negli ultimi anni 306 (da AD 1700 a AD 2005 ).

“Nove degli eventi 11 si sono verificati durante le fasi inattive dell'attività magnetica solare (minimo solare), che è ben indicizzato dal numero di macchie solari del gruppo.

"Questa forte associazione tra i tempi di eruzione e il minimo solare è statisticamente significativa per un livello di confidenza di 96.7 per cento".

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
Sottoscrivi
Notifica