L'Italia accelera l'ultimo esperimento universale sul reddito di base

vuotoVaticano Sunset. Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Universal Basic Income (UBI) è uno schema globale di tecnocrazia per sovvenzionare la nuova classe di "disoccupati" sostituita dall'automazione e dall'intelligenza artificiale. Finora, ogni processo è fallito, ma ciò non ha fermato altri tentativi di farlo funzionare. ⁃ Editor TN

Il movimento a cinque stelle italiano è salito alla ribalta mondiale più per la stranezza colorata del suo fondatore, il comico Beppe Grillo, che per la serietà delle sue politiche populiste.

Ma una delle sue proposte ha attirato un genuino interesse da tutto il mondo: l'idea di un "reddito dei cittadini". Questo concetto (una versione meno radicale del regime di "reddito di base universale" messo alla prova dalla Finlandia) potrebbe in teoria fare appello a entrambi la sinistra e la destra; il primo perché potrebbe ridurre la disuguaglianza e il secondo perché potrebbe semplificare la sicurezza sociale.

Dopo una lunga gestazione, Five Star sta realizzando il suo piano in Italia. Sfortunatamente, il piano ha ben poco dello spirito rivoluzionario dell'idea di Milton Friedman per un semplice reddito di base garantito per tutti i cittadini, senza lavoro o meno, ed è più simile a un classico programma welfare to work. Dopo una profonda recessione e una debole ripresa, c'è un valido motivo per aiutare il sinistro italiano. La cosa preoccupante è che questo esperimento diventa un incubo amministrativo, rendendo più difficile colpire i più bisognosi.

Il reddito dei nuovi cittadini italiani è destinato alle famiglie che guadagnano meno di 9,360 euro ($ 10,612) all'anno. È costituito da un regime di sostegno al reddito e da un'indennità di alloggio, che può aggiungere fino a 780 euro al mese per una sola persona senza reddito. È rivolto a pensionati e persone in età lavorativa. Quest'ultimo deve essere disposto ad accettare un lavoro adeguato, altrimenti perde il vantaggio, da cui la sua differenza rispetto a regimi di reddito di base più radicali. Le società beneficeranno di uno sconto sui contributi previdenziali quando assumono un beneficiario di reddito dei cittadini.

Il paese deve chiaramente aiutare i suoi poveri. Circa un quinto dei suoi cittadini è a rischio di povertà, secondo l'agenzia di statistica del paese, e uno su dieci vive con gravi privazioni. Questo è peggio che in 2008, quando le cifre si attestavano rispettivamente a 18.9 percento e 7.5 percento. I precedenti governi di centrosinistra hanno approvato un diverso piano di sostegno, ma era molto più piccolo del programma Five Star.

Tuttavia, il nuovo piano rischia di colpire le persone sbagliate. I due gruppi più vulnerabili in Italia sono gli stranieri e le famiglie con molti bambini. Una famiglia con almeno un membro di origine straniera ha quasi il doppio delle probabilità di essere a rischio di povertà o esclusione sociale rispetto a quella in cui tutti sono nati in Italia. Allo stesso modo, le famiglie con cinque o più membri hanno un rischio molto maggiore rispetto alle famiglie più piccole.

Tuttavia, solo le persone residenti in Italia da almeno 10 anni possono ricevere il reddito dei cittadini. E mentre il sostegno per una famiglia di uno è molto generoso, il denaro aggiuntivo pagato per ogni bambino è proporzionalmente inferiore rispetto a prima. Una famiglia con cinque figli otterrà sostanzialmente lo stesso importo di una con tre. Ciò mantiene bassi i costi del piano a cinque stelle, ma rischia di penalizzare i più bisognosi.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
Sottoscrivi
Notifica