Khanna: "La tecnocrazia non è un fenomeno liberale"

tecnocrazia e scienza
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

Khanna chiede la "tecnocrazia diretta" in America. Quando afferma che "la tecnocrazia non è un fenomeno liberale", ha torto. La radice originale della tecnocrazia è sempre stata il progressivismo ed è anti-libertà fino in fondo. Una definizione originale di tecnocrazia afferma che lo è “La scienza dell'ingegneria sociale, l'operazione scientifica dell'intero meccanismo sociale per produrre e distribuire beni e servizi all'intera popolazione.". Editor TN

L'umore prevalente al giorno d'oggi è di pessimismo. Dopo un anno in cui Donald Trump è stato eletto Presidente degli Stati Uniti e il Regno Unito ha votato per lasciare l'Unione Europea, molti stanno aspettando vittorie più populiste - e politiche dannose - in 2017. Aggiungete a questa lenta crescita economica globale e alle crescenti tensioni geopolitiche, ed è facile concludere che il mondo sta percorrendo la stessa strada del nazionalismo e del protezionismo che hanno scatenato la prima guerra mondiale.

Ma questo manca il punto. L'ascesa del populismo è semplicemente un sintomo dell'incapacità dei leader politici di affrontare le lamentele economiche degli elettori. Invece di ossessionare la degenerazione della democrazia da parte di leader politici che non possono mantenere le promesse agli elettori frustrati, dobbiamo definire una migliore forma di governo che può affrontare tali rimostranze. Propongo una tecnocrazia diretta.

Come spiego nel mio nuovo libro La tecnocrazia in America, una tecnocrazia diretta garantirebbe che una regolare consultazione pubblica modellasse il processo decisionale da parte di comitati di esperti responsabili. Questo approccio combina le virtù della democrazia diretta con i benefici della tecnocrazia meritocratica, che sfrutta i dati per prendere decisioni utilitaristiche a lungo termine. In poche parole, una tecnocrazia diretta sposa buone idee ed esecuzione efficiente. \

Questo sistema non è del tutto ipotetico. Sia la Svizzera iperdemocratica che l'ultra-tecnocratica Singapore applicano efficacemente i suoi principi. E i loro record sono impressionanti: entrambi i paesi vantano buona salute, ampia ricchezza, bassa corruzione, alta occupazione, servizi militari e civili nazionali e ingenti investimenti statali nell'innovazione. Rispondono in modo efficiente ai bisogni e alle preferenze dei cittadini, applicano l'esperienza internazionale al processo decisionale interno e utilizzano dati e scenari alternativi per la pianificazione a lungo termine.

La combinazione dei migliori elementi di questi due regimi produrrebbe un sistema ideale - il tipo di sistema che potrebbe effettivamente rispondere alle richieste degli elettori americani disillusi che hanno eletto Trump. Ma i progressi verso l'implementazione di un tale sistema richiederebbero un cambiamento sostanziale della mentalità politica americana.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
Sottoscrivi
Notifica