Julia Unwin: perché dobbiamo costruire capitale sociale nelle città

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Questa è una conferenza tenuta da Julia Unwin alla sesta conferenza annuale dell'Human Cities Institute a Leeds, nel Regno Unito. Incarna la nuova visione pollyannish delle Nazioni Unite sulla nuova agenda urbana delle città che vivono nel futuro. Questo sentimento è visto a livello globale in un formato identico. ⁃ Editor TN

Se la crescita deve essere veramente inclusiva, allora dobbiamo affrontare alcuni dei nostri attuali ostacoli alla costruzione di un forte capitale sociale, afferma Julia Unwin.

Perché le città contano

Le città sono centrali per lo sviluppo del nostro mondo. Secondo 2030, le aree urbane dovrebbero ospitare l'60% della popolazione mondiale e generare fino allo 80% della crescita economica globale. Negli ultimi anni 50, la percentuale di persone che vivono nelle città è aumentata da 34% a 54% e si ritiene che aumenti fino a 66% da 2050, secondo un rapporto pubblicato su 2014 dalle Nazioni Unite.

Nel Regno Unito, lo 61% della crescita è generato dalle regioni della città. Quasi metà della popolazione del Regno Unito vive all'interno dei maggiori centri metropolitani 15 e, se i principali centri metropolitani 15 del Regno Unito dovessero realizzare il loro potenziale, si stima che genererebbero una crescita aggiuntiva di £ 79bn.

Le città sono potenti e dinamici motori di crescita. Stanno crescendo in importanza e impatto. Possono essere le fonti di innovazione e creatività, riunendo le persone in modi nuovi e inaspettati e generando i quartieri culturali, l'invenzione digitale, le start-up e le connessioni che consentono la crescita moderna. Possono essere luoghi in cui fiorisce l'indipendenza, dove l'identità può essere reinventata, dove le persone possono prosperare e crescere. La nostra storia molto recente ha visto il rinascimento culturale di Birmingham, la rigenerazione del centro di Bristol, la rivoluzione del commercio al dettaglio di Leeds. Ha assistito alla fioritura di Cardiff, Glasgow, Edimburgo e Belfast e all'impatto della Città della Cultura a Hull e Derry.

In tutte le città del Regno Unito sono state fisicamente rimodellate negli 1990 e nella prima parte di questo secolo. Sono stati colpiti e danneggiati dalla crisi finanziaria globale di 2008 e ora godono (se questa è la parola giusta) la prospettiva di cambiamenti nell'architettura amministrativa, legislativa e politica.

Città buone e cattive

In breve, le città possono essere il luogo in cui diventiamo il nostro io migliore, il luogo in cui fiorisce la nostra ingegnosità umana e la nostra capacità di sostenerci a vicenda.

Possono essere luoghi di santuario, fornendo calore e un luogo per far fiorire identità nuove e diverse. Osserva i modi in cui alcune città hanno assorbito, accolto e celebrato l'arrivo degli immigrati con culture, cucine e capacità distintive. Guarda la fiducia e la sicurezza dei "quartieri gay" degli 1990, fornendo sicurezza e supporto, e così spesso supportando anche la creatività e la reinvenzione culturale. Le città possono essere luoghi in cui possiamo essere noi stessi, liberati da alcuni degli aspetti più minacciosi della vita di una piccola città e persino, occasionalmente, dalle nostre stesse famiglie.

Ma le città possono anche essere luoghi di isolamento, di povertà e di miseria. Possono diventare luoghi in cui l'innovazione e la creatività vengono espulse. Dove i legami dell'impegno sociale vengono attenuati e dove la solidarietà viene fatalmente erosa. Possono diventare luoghi in cui è bloccata la povertà. Luoghi in cui la progressione e lo sviluppo sono vietati. Luoghi in cui le persone senza il supporto della famiglia trovano impossibile accedere a social network alternativi. Luoghi che, sebbene non attivamente ostili all'incitatore, offrono loro così poca accoglienza che in effetti rimangono per sempre lo sconosciuto.

Perché il capitale sociale è importante per le città

È la profondità e l'ampiezza del capitale sociale nelle città che distingue la città creativa, vivace, unita, dalla misera distopia che ho dipinto. Le città in cui tutti sono troppo impegnati per interagire generano solitudine e disperazione. Città in cui l'automazione ha reso ogni interazione senza anima, scacciando il contatto umano nell'interesse della velocità e dell'efficienza. Le città in cui i più vulnerabili sono evitati e ignorati sono città della paura, per non parlare dei costi potenziali enormi. E le città in cui una delle moltissime persone nelle prime fasi della demenza non ricevono alcun sostegno da parte del vicinato e possono rivolgersi solo ad A&E e alla polizia, sono città che saranno costose da gestire.

Le città hanno bisogno delle competenze e dei beni di tutti i loro cittadini. Se le persone con denaro abbandonano il centro città a causa della violenza e del pericolo, quei centri non prospereranno mai. Se le persone che raggiungono l'età pensionabile lasciano le città in cui hanno lavorato, la città perde saggezza e leadership civica. Se le città sono inaccessibili per i giovani, perdono potenziale economico. E se la natura del ritorno alla crescita blocca semplicemente la povertà in aree particolari, quelle città non diventeranno mai i motori di crescita e prosperità sostenute che un Regno Unito libero dalla povertà richiede.

Il capitale sociale non è un extra opzionale per una città. È fondamentale come la capitale finanziaria e la base di competenze di qualsiasi città di successo.

La lingua delle città e la lingua del capitale sociale

Quando parliamo di città, parliamo dell'infrastruttura fisica, parliamo di investimenti interni, matrici di competenze e ruolo di potenti istituzioni. Quando parliamo di capitale sociale, parliamo di gentilezza e generosità. Parliamo di famiglie e vicini. Parliamo di affinità e appartenenza, di vivibilità e di felicità e amore. Quando parliamo di citazioni, usiamo le abilità dell'economia e della pianificazione fisica. Quando parliamo di capitale sociale impariamo dalle neuroscienze e dall'economia comportamentale. Come spesso in questi giorni finisco per guardare il Canada e il lavoro pionieristico di Charles Montgomery su ciò che rende felici le persone e quindi rende le loro città di successo.

È giunto il momento di parlare di queste cose insieme.

Cosa intendiamo per capitale sociale?

Identifico tre strati di capitale sociale che sono essenziali sia nelle grandi città che in piccoli villaggi.

Innanzitutto c'è il mondo in gran parte inesplorato della gentilezza quotidiana che la Joseph Rowntree Foundation esaminato in un quartiere di Glasgow. Ai partecipanti alla comunità è stato chiesto di elencare i favori quotidiani, spesso non riconosciuti, i pezzi di aiuto e l'aiuto reciproco. Piuttosto meravigliosamente uno l'ha descritto come "spruzzare acqua su una ragnatela" e alcuni sono rimasti sorpresi sia dalla forza di questa rete apparentemente fragile, sia dalla sua ampiezza e portata. Allo stesso modo, altri hanno notato quanto fossero sottili le loro reti di supporto e quanto fossero disperatamente isolate. Questo strato essenzialmente reciproco e vitale di capitale sociale necessita di cure e cure. Non succede per caso e ci sono dei passi che possiamo fare per preservare e crescere, proprio come possiamo distruggere.

Sappiamo che le risposte del vicinato alla povertà iniziano sempre a questo livello. È il fiver condiviso che circola in così tante famiglie e gruppi sociali, i mini prestiti a breve termine. Sono le offerte per la babysitter e l'introduzione di possibili lavori inizia, l'offerta di un divano per un adolescente che le impedisce di diventare senzatetto. Il passaparola e i social network sono, e sono sempre stati, la difesa in prima linea contro la povertà.

Il secondo livello coinvolge le numerose organizzazioni, gruppi, associazioni e imprese che hanno contribuito a far sì che accadesse in un luogo - ciò che si trova tra le relazioni di aiuto molto informali, da persona a persona e l'aiuto formale e l'assistenza.

Lo strato intermedio ha un ruolo importante da svolgere nel creare le condizioni per la "gentilezza ordinaria", semplicemente incoraggiando l'interazione sociale. Gruppi, organizzazioni e associazioni riuniscono le persone attraverso interessi o scopi condivisi; e forniscono spazi entro i quali può avvenire l'interazione. Come tali, fungono da scatole di derivazione, collegando diversi filoni di comunità e social network. Queste reti e gruppi meritano di essere incoraggiati.

Sebbene possa esserci un'apparente corrispondenza tra il settore della comunità e le nozioni di aiuto e supporto quotidiani, le "gentilezze ordinarie" sono evidenti anche in contesti aziendali o commerciali - che si tratti di un supermercato, un bar o un negozio d'angolo. Ad esempio, in una zona di Glasgow, il supermercato locale era un luogo in cui avvenivano interazioni di gentilezza e aiuto. In un'altra area era il bar locale che fungeva da punto di incontro e fonte di aiuto per genitori locali con bambini.

È spesso quando gli individui trascendono i loro ruoli formali o sceneggiati che emerge il più ampio margine per far emergere piccoli atti e relazioni di aiuto e sostegno.

Il terzo strato sono le istituzioni che governano, oltre a servire, la città, il quartiere. Sono quelli che assorbono spesso la risorsa e il talento disponibili. Le istituzioni di ancoraggio, le associazioni abitative, le autorità locali, l'ospedale, l'università e l'organizzazione volontaria finanziata. Quanto promuovono questi organismi il capitale sociale? Stanno fornendo servizi ai clienti o stanno costruendo la forza e la resilienza delle comunità che esistono per servire?

Forse ancor più crucialmente, quanto sono queste istituzioni e questi sistemi economici che consentono le pre-condizioni per un forte capitale sociale?

Le condizioni preliminari per un forte capitale sociale

Il capitale sociale non si forma nel vuoto. Ciò che accade è modellato dal nostro ambiente esterno e ciò che sta accadendo intorno a noi è diverso da quello affrontato dalle generazioni precedenti di leader di città.

Il capitale sociale è in serio pericolo. Il nostro mercato del lavoro è cambiato e sostanzialmente cambiato. Alla fine del mercato del lavoro, la nostra attuale economia produce lavoro a tempo parziale, insicuro e mal retribuito. Le persone che fanno più lavori solo per cavarsela stanno diventando la norma, e sempre più la tanto decantata "economia dei concerti" in realtà sta producendo un gruppo di persone che, sebbene tecnicamente indipendenti, mi sembrano avere molte delle condizioni di lavoro di 19th lavoratore occasionale del secolo.

All'estremità inferiore del mercato del lavoro le persone vivono vite povere e insicure, affrontando costi più elevati e gestendo costantemente il debito. Il lavoro è senza dubbio per molti di noi la migliore via d'uscita dalla povertà. Se il lavoro è insicuro e non ha progressione (e quattro persone su cinque che iniziano con un lavoro retribuito sono ancora 10 a basso reddito anni dopo) non fornisce un percorso sicuro.

Anche le persone in condizioni di povertà conducono vite estremamente affollate. Le ricerche della Joseph Rowntree Foundation chiariscono che l'unica possibilità di sfuggire alla povertà per una coppia con due figli è che la famiglia abbia almeno un reddito 1.6. Ciò lascia poco tempo prezioso alla creazione del capitale sociale: il sostegno ai vicini e alla famiglia, l'impegno con gli altri che è un elemento del carburante vitale per la crescita del capitale sociale.

Il secondo elemento di questo capitale sociale è la sicurezza. Esistono prove valide e convincenti, se non lo sapessimo già dall'esperienza personale di ognuno di noi, che una casa sicura è la base necessaria per una via d'uscita dalla povertà, il modo migliore per costruire una vita, crescere una famiglia e contribuendo al tuo vicinato. Il nostro moderno mercato immobiliare è sempre più privo di sicurezza. La vita con un contratto di locazione di sei mesi nel settore privato in affitto o la vita con un contratto di locazione condizionale a breve termine nel settore sociale non crea le condizioni preliminari per contribuire alla creazione di quartieri sicuri e sicuri.

Raramente sono stato a un programma di rigenerazione e non ho incontrato la nonna (di solito molto arrabbiata) la cui spinta, la persistenza e l'impegno per il miglioramento dell'area hanno costretto i proprietari, le autorità locali e gli investitori a cambiare. È altrettanto improbabile che i proprietari di case minacciati dal riacquisto o dal gioco di guida dell'attuale mercato degli alloggi turbo, sviluppino quelle radici profonde e sostenibili che sono essenziali per il capitale sociale. Tempo, sicurezza - un senso di sufficienza - questi sono elementi vitali. Ma non sono i soli.

I servizi pubblici possono sostenere la formazione del capitale sociale e possono distruggerlo altrettanto facilmente. Le prove provenienti da tutto il Regno Unito chiariscono che non esiste una relazione lineare tra il sostegno fornito dallo Stato e altri fornitori istituzionali. Ma in un momento di enormi riduzioni della spesa locale:

  • Quello che sappiamo è che le comunità molto pressate sono danneggiate dall'attuale erosione delle basi del servizio pubblico per le comunità - se stai lottando per sopravvivere la capacità di sostenere gli altri è messa a repentaglio.
  • Sappiamo dalla ricerca finanziata dalla Joseph Rowntree Foundation che alcuni dei programmi di austerità hanno colpito i posti più poveri del Regno Unito più duramente, e sappiamo anche che un migliore targeting dei servizi - inevitabile quando le risorse sono limitate - lascerà insoddisfatte molte esigenze.
  • E sappiamo che a livello internazionale come le ricerche di CIVICUS ci mostrano che i luoghi della vita civica stanno scomparendo, e in questo paese e in questa città, le minacce alle biblioteche, ai luoghi culturali e ad altri luoghi in cui le persone possono incontrarsi, minacciare e minare la partecipazione e Fidanzamento.

Il nostro interesse a far crescere il capitale sociale per il bene delle nostre città deve tener conto di queste minacce reali: l'insicurezza, la mancanza di tempo e le pressioni sulle finanze pubbliche.

Capitale sociale nelle città - una vista storica

Un po 'di storia su ciò che sappiamo del capitale sociale nelle città.

Fu la rivoluzione industriale che trasformò l'idea di una città del Regno Unito. Le persone passarono da vite di macinante povertà a nuovi lavori industrializzati del 19 secolo; scambiando lavori sulla terra poco remunerati e mal ricompensati con lavori mal ricompensati nei mulini e nelle fabbriche dell'Inghilterra rapidamente trasformata. Questa opportunità ha creato, ma anche una grande sfida. Vivere vite di squallore inimmaginabile, per la prima volta libera dai vincoli della vita familiare, dei villaggi e delle chiese, l'esperienza delle persone nelle città del Regno Unito di recente industrializzazione è stata descritta in dettagli vividi e orribili da George Gissing, ecc. ora chiameremmo un panico morale attanagliato la nazione, e commentatori, autori e politici hanno tutti preso il sopravvento, in un modo troppo familiare per quelli di noi che hanno vissuto panici simili. "Qualcosa deve essere fatto" era il grido.

Come sempre, osservare le azioni e non le parole paga dividendi.

Questo è stato il momento della più grande esplosione di "capitale sociale" che probabilmente abbiamo mai visto in risposta a questo sconvolgimento senza precedenti. Chiese e cappelle sorsero nel cuore delle città appena popolate. Furono formati club per ragazze e ragazzi, società amichevoli e club per uomini che lavorano. Sono iniziati gli aiuti reciproci e i sindacati. Le organizzazioni benefiche pionieristiche come Barnardo, i fondi dell'ospedale e i riformatori della prigione. La nuova professione di gestione delle abitazioni, guidata dalle donne, ha creato i cardini del nostro attuale movimento per le associazioni abitative e ha gettato le basi per le case popolari di cui dovremmo essere tutti così orgogliosi. Il lavoro sociale si è sviluppato come una professione. Gli istituti di istruzione dei lavoratori, le sale di lettura e le discussioni politiche sorsero nelle città appena affollate e profondamente divise.

Naturalmente questa attività conteneva al suo interno sia ciò che è buono sia ciò che è negativo per il capitale sociale. Certo, in parte era condiscendente e mal pensato. Leggiamo della signora Jellaby in Bleak House e rabbia. Osserviamo il consiglio dato dalla Charities Organizations Society e dalla nostra posizione relativamente privilegiata ci concediamo una smorfia compiaciuta. Ovviamente sono state fatte cose terribili in nome del capitale sociale. Bambini inviati in Australia, orribili abusi hanno avuto luogo nelle lavanderie di Belfast, affitti esorbitanti sono stati indubbiamente accusati di squallide abitazioni e il prestito predatorio ha una lunga storia. Ma vediamo anche i grandi punti di forza dell'autorganizzazione e del sostegno reciproco, la creazione di nuove istituzioni per tempi diversi. Lo sviluppo di reti di sostegno e l'impegno di coloro che hanno il privilegio di cercare di migliorare la vita dei propri concittadini in modo sincero, se non di tanto in tanto.

Come amministratore delegato della Joseph Rowntree Foundation non ti aspetteresti che arrivassi così lontano senza parlare dei capitalisti progressisti illuminati di questo periodo e dei modi in cui Rowntree, Cadbury, Titus Salt e altri, hanno lavorato, facendo molti soldi, per certo, ma anche lo sviluppo di approcci alla pratica occupazionale che risuonano ancora oggi. Assumersi la responsabilità delle loro forze di lavoro e alloggiare persone che altrimenti vivrebbero nelle baraccopoli di York, Birmingham e Bradford in splendidi ambienti ben progettati e verdi.

E, naturalmente, i grandi leader civici che hanno costruito i nostri municipi, migliorato la salute pubblica, costruito e gestito alloggi vitali, sono nati proprio da questo energico capitale sociale, ricollegandosi attraverso l'urna alle esigenze delle popolazioni che stavano cambiando e affrontando nuove e problemi completamente diversi.

Il capitale sociale assume molte forme e non è mai un bene inequivocabile. Ma la rivoluzione industriale ha visto il modo in cui il potere del capitale finanziario, le esigenze del capitale umano si sono combinate per generare un enorme capitale sociale che ancora oggi modella l'architettura sociale e l'ingegneria delle nostre grandi città.

Alcune delle pre-condizioni che possediamo ora sarebbero andate oltre l'immaginazione dei nostri predecessori del diciannovesimo secolo.

Per prima cosa abbiamo le persone. La nostra popolazione che invecchia è spesso descritta come un "peso". Nel calcolo del capitale sociale il fatto che vivremo tutti più a lungo, speriamo che vite più sane, portino saggezza, conoscenza e capacità per affrontare alcuni dei nostri problemi sociali più urgenti. La nostra popolazione molto più diversificata, molto più istruita contiene anche le capacità e le capacità per promuovere un vero capitale sociale reciproco, creativo e innovativo.

E in secondo luogo abbiamo la tecnologia. La rivoluzione digitale è cambiata e continua a cambiare moltissimo di ciò che facciamo e di come lo facciamo. I dati aperti, generosamente condivisi, sono uno strumento vitale per lo sviluppo dei social network e delle connessioni che creano capitale. La comunicazione, premendo un tasto, consente di formare comunità di interesse, arricchisce coloro che non hanno voce e consente a molti più di noi di impegnarsi in un dibattito autenticamente pluralista. Ovviamente c'è un lato oscuro: Internet può rafforzare la solitudine, generare odio ed escludere quanto può consentire. Ma l'ottimismo e l'impulso che hanno trasformato questa città possono sfruttare la potenza del digitale per consentire un coinvolgimento autentico e produttivo.

Nel discutere il cambiamento sociale spesso finiamo per parlare dei dati, del suo potere e della sua resilienza. Crediamo che i tecnocrati che i dati puliti e ben organizzati possano risolvere tutto. Ma i dati reali che alimentano il capitale sociale sono spesso disordinati. Implica una comprensione stretta e dettagliata della rete di relazioni che mantiene vivo ogni quartiere. Sappiamo che per la polizia e i servizi di sicurezza è di vitale importanza comprendere in dettaglio il funzionamento delle reti e delle relazioni della comunità. Accettiamo che i grandi fornitori di servizi commerciali sappiano di più su di noi della nostra famiglia più vicina. E così quelli di noi interessati alla promozione del capitale sociale devono sfruttare solo questi dati per comprendere e supportare le vere e proprie reti di sostegno reciproco che rendono questa città tick e rendono possibile la sopravvivenza.

La conoscenza - conoscenza reale, informata, attuale - è vitale per lo sviluppo del capitale sociale. Gli interventi che sono radicati nel modo in cui le persone vivono davvero - l'etnografia dei quartieri - fanno parte delle moderne competenze. Il capitale sociale viene dall'interno. Gli annunci dall'alto verso il basso di nuovi modi di impegnarsi mancano di questa conoscenza approfondita, si baseranno su aneddoti, generalizzazioni e stereotipi e avranno la capacità di distruggere il capitale sociale reale e importante.

Capitale sociale oggi

Oggi affrontiamo una rivoluzione tanto profonda quanto qualsiasi cosa i pionieri del diciannovesimo secolo dovessero affrontare. Viviamo in un mondo globalizzato in cui il ritmo del cambiamento e la pura volatilità di tutto ciò, a volte sembrano semplicemente troppo. Un mondo in cui una decisione a Mumbai può cambiare la vita delle comunità nel West Country durante la notte. Un mondo in cui a volte è più facile sentirsi connessi agli eventi nel Kashmir rispetto agli eventi nel proprio quartiere. Un mondo in cui il lavoro sta diventando più veloce, più impegnativo e spesso molto meno sicuro. Un mondo in cui l'abitazione è una risorsa fragile, non una piattaforma su cui costruire una vita sicura. Un mondo in cui i movimenti di massa delle persone possono sia arricchire che rafforzare, ma troppo spesso possono essere vissuti come minaccia e divisione. Un mondo in cui la distanza tra le generazioni può sembrare schiacciante.

In questo mondo c'è più bisogno che mai per la promozione consapevole del capitale sociale. Perché le nostre città prosperino e prosperino, abbiamo bisogno del tipo di capitale sociale che ha permesso alle persone di sopravvivere ai cambiamenti sismici sociali negli ultimi secoli.

Ma non possiamo replicare ciò che è accaduto prima. Il moderno capitale sociale dovrà apparire e sentirsi diverso, ma avrà tutte le stesse qualità di calore umano e reciprocità di cui abbiamo bisogno per vivere una vita davvero prospera nelle città.

Il moderno capitale sociale dovrà promuovere le competenze per vivere e lavorare. Consentirà e incoraggerà i piccoli atti di gentilezza che consentiranno a tutti noi di sopravvivere. Ma collegherà anche le persone attraverso generazioni e tra fedi e nazionalità. Sarà costruito sul potere delle relazioni, non sulle transazioni.

Quasi certamente sarà costituito da più reti che da organizzazioni. L'architettura del 19th secolo è stata rispecchiata negli insediamenti e nelle grandi istituzioni di quell'epoca. Un capitale sociale più adattivo e informato digitalmente può sembrare più un insieme di movimenti che un'istituzione.

Sarà più democratico, fornendo una piattaforma per i diseredati quanto tendente alle loro esigenze. Non avrà paura della rabbia e della divisione - perché il capitale sociale è disordinato, proprio come il cambiamento sociale.

Riunirà sorprendenti amici - organizzazioni culturali, con coloro che si sentono più lontani dalla Birmingham Symphony Orchestra. Attraverserà i confini, trovando supporto nel negozio all'angolo tanto quanto nell'organizzazione volontaria finanziata. Non cercherà il permesso, ma farà invece delle richieste.

Ma questo attivo, nuovo ed energico capitale sociale sarà la ragione per cui città come Birmingham prospereranno nel prossimo secolo. Porterà resilienza e capacità. Consentirà l'innovazione e la crescita sostenibile. E farà in modo che le nostre città siano luoghi in cui le persone vogliono vivere, non destinazioni temibili in cui sono costrette.

Ma senza uno sforzo concertato e consapevole per costruire una crescita inclusiva, c'è il rischio che le persone e i luoghi più poveri rimangano indietro. La nostra nuova prosperità in via di sviluppo rischia di beneficiare i migliori a spese delle persone e dei luoghi più poveri. Rischia di creare città al loro interno insicure e insostenibili perché contengono al loro interno luoghi in cui le persone vengono espropriate, insicure e trascurate. Queste città divise non contribuiranno mai a una nuova prosperità.

Questo è il motivo per cui la Joseph Rowntree Foundation si è impegnata così tanto a comprendere, sia attraverso la ricerca che attraverso la pratica, come può apparire una buona crescita nelle città. Nella regione della città di Leeds stiamo collaborando con le autorità locali, le imprese e le istituzioni di ancoraggio per identificare i passi che possono essere fatti per rendere tale crescita veramente inclusiva. Ma stiamo anche lavorando con la Young Foundation per capire i dettagli di ciò che sta accadendo nei quartieri. Attraverso il nostro sostegno e il nostro impegno con la Commissione per la povertà della Leeds, stiamo anche facendo il possibile per assicurarci che le voci e l'esperienza delle persone che soffrono di povertà siano ascoltate in modo chiaro ed efficace nei luoghi in cui vengono prese le decisioni. E i leader delle città possono usare i loro poteri per creare un'economia riequilibrata in cui vi sono opportunità molto maggiori per le persone e i luoghi precedentemente lasciati indietro. Il test della leadership cittadina non sarà valutato solo in termini di miglioramento del valore aggiunto lordo. Sarà anche nella misura in cui vengono conquistati la povertà e l'isolamento dannosi.

È solo con questo impegno consapevole a costruire capitale sociale nelle città che vedremo emergere un'economia cittadina adatta a tutti i nostri cittadini nel 21st secolo.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
2 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
2 Autori di commenti
PyraMikalina Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
Mikalina
ospite
Mikalina

E poi scriveranno un rapporto, si tamponeranno sulla schiena, incasseranno il loro stipendio e bonus, saliranno di livello nella loro organizzazione e insegneranno agli altri (nipoti, nipoti, unirsi all'azienda) come usare "resiliente" e "sostenibile". Nel frattempo, al ranch, una realtà in cui nessun denaro significa niente casa, niente cibo, niente rispetto, significa, probabilmente, morte prematura, noi, a Birmingham, guardiamo il mondo che stanno descrivendo con i nostri piccoli nasi freddi tirati su contro il pannello di vetro del loro "legoland". Hanno risucchiato l'ossigeno dalla nostra città e lo hanno sostituito con un supporto vitale... Leggi di più "

Pyra
ospite
Pyra

tl; dr Stupida idea basata su false premesse fondamentali: che le città sono i posti migliori per l'essere umano. DIO NON CI HA FATTO COME CRITERI PER GLI ALPI! Gli umani NON SONO un "collettivo" in alcun senso significativo, Julia Unwin. Magari vai a imparare qualcosa che non proviene da qualche idiota collegio marxista culturale. No, le persone hanno bisogno di spazio. Le persone devono essere radicate nella loro realtà. Se vuoi "capitale sociale", allora devi effettivamente avere qualcosa di valore, ad es. 'capitale'. Le città non lo forniscono, né la maggior parte dei lavori di BS oggi offre alcun senso di soddisfazione sul lavoro o positivo... Leggi di più "