I giudici impongono un nuovo tipo di censura: "bandito da Internet"

Gina Bisignano, proprietaria di un salone per la cura delle ciglia e della pelle di Beverly Hills, è stata accusata di aver preso parte alla rivolta del Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio, dove la polizia ha usato gas lacrimogeni. Sotto interdizione giudiziaria, se Bisignano va online in attesa del processo, rischia di essere incarcerata. (FBI)
Per favore, condividi questa storia!
La forma più recente di censura estrema è semplicemente vietare a qualcuno di accedere a Internet. L'accusa sta diffondendo disinformazione e fake news, soggettivamente agli occhi di chi guarda. Questo potrebbe diventare paragonabile a "no fly list" per i sospetti terroristi. ⁃ TN Editor

L'estetista e stilista di ciglia di Beverly Hills Gina Bisignano era così presente sui social media che la denuncia penale federale contro di lei si è praticamente scritta da sola.

La storia di una proprietaria di un salone di 52 anni che ha tracciato un oscuro percorso di disinformazione verso il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio, dove presumibilmente ha afferrato un megafono e ha esortato i rivoltosi a prendere le armi, è sostenuta da un post sui social media dopo l'altro incorporato nel deposito del Dipartimento di Giustizia.

C'è Bisignano nel suo maglione Louis Vuitton, filmato davanti al Campidoglio mentre parla dei suoi affari e della sua città natale mentre la rivolta iniziava. Eccola di nuovo, che si rivolge ai rivoltosi con uno sfogo sui globalisti, George Soros e voti rubati. E ancora, chiedendo armi e maschere antigas pochi istanti prima che un rivoltoso attacchi un ufficiale con quella che sembra essere una mazza da baseball.

Ora Bisignano ha taciuto online. Non è consentita su Internet. Non perché le piattaforme di social media l'hanno vietata, ma perché lo ha fatto un giudice federale. Se Bisignano va online in attesa del processo, rischia di essere incarcerata.

I giudici sono stati a lungo riluttanti a bandire chiunque da Internet, una restrizione che essenzialmente esclude una persona da gran parte della società moderna ed è stata riservata principalmente a pedofili accusati e condannati. Ma come disinformazione tossica diventa una minaccia sempre più pericolosa, alla base del terrorismo e della violenza domestica, i tribunali si trovano ad affrontare nuove e fastidiose domande su quanto spesso e in quali circostanze gli accusati di prendere parte dovrebbero essere messi completamente offline.

"Siamo diretti in acque inesplorate", ha detto Nina Jankowicz, una collega del Wilson Center, un think tank di Washington, dove studia disinformazione. “Date le minacce che vediamo continuare e gli allarmi intensificati, è chiaro che le cose non si stanno dissipando. ... Questo è il motivo per cui i giudici stanno facendo queste chiamate. "

Nel caso di Bisignano, il divieto sarebbe stato facile per il giudice. L'imputato lo ha chiesto. Il suo avvocato lo vedeva come una delle poche monete di contrattazione che il sospettato di rivolta del Campidoglio dalla California doveva rimanere fuori di prigione per ora.

"Se non fosse per i social media, non sarebbe nemmeno un imputato", ha detto l'avvocato di Bisignano, Charles Peruto. "Lei sa che questo è ciò che l'ha bloccata in primo luogo."

Eppure gli avvocati di altri accusati di aver preso parte all'attacco al Campidoglio stanno combattendo in modo aggressivo le restrizioni ei giudici stanno lottando per quanto lontano portarle.

I pubblici ministeri si sono mossi per impedire ad almeno cinque imputati dell'insurrezione del Campidoglio di andare su piattaforme di social media o addirittura di andare online, secondo una revisione delle dichiarazioni del tribunale del Times. Quegli imputati stanno aspettando le date del processo che saranno a mesi di distanza mentre il Dipartimento di Giustizia è alle prese con una delle indagini più complesse e consumanti della sua storia.

Includono John Sullivan, un uomo dello Utah accusato di ostacolare il Congresso mentre si sarebbe unito alla furia attraverso il Campidoglio in equipaggiamento tattico, incoraggiando i rivoltosi a fare danni. Nonostante le obiezioni dei pubblici ministeri, un giudice del magistrato federale ha stabilito che Sullivan potrebbe continuare a utilizzare sotto la supervisione di Facebook, Twitter e "piattaforme crittografate".

Nel sostenere il divieto, i pubblici ministeri hanno indicato il video di Sullivan che minaccia la polizia, rompendo una finestra e dicendo ad altri rivoltosi "dobbiamo farla bruciare".

Tuttavia, l'avvocato di Sullivan, Steve Kiersh, ha sostenuto che l'imputato era presente come giornalista, sostenendo di aver venduto alcune delle sue riprese alle reti di notizie. Ha accusato i pubblici ministeri di aver tentato di impedire la capacità del suo cliente "di comunicare nel modo in cui comunica la stragrande maggioranza degli americani". La restrizione, ha scritto Kiersh in una dichiarazione in tribunale, impedirebbe a Sullivan di tenere il passo con amici e familiari online o persino di controllare le notizie, poiché i siti web dei media, che invitano i commenti degli utenti, rientrano sotto l'ombrello dei social media.

Tali preoccupazioni hanno spinto la Corte Suprema degli Stati Uniti nel 2017 a abbattere una legge della Carolina del Nord che proibiva ai condannati per reati sessuali di utilizzare piattaforme di social media. La corte ha ritenuto che il divieto incostituzionalmente metta fuori portata “quelle che per molti sono le principali fonti per conoscere gli eventi attuali, controllare gli annunci di lavoro, parlare e ascoltare nella moderna piazza pubblica, ed esplorare in altro modo i vasti regni del pensiero e della conoscenza umana. "

"I tribunali stanno riconoscendo che i social media sono molto importanti per la vita delle persone in molti modi", ha detto Alexis Karteron, direttore della Rutgers Constitutional Rights Clinic. A settembre, la clinica Rutgers e l'American Civil Liberties Union hanno convinto un tribunale federale a bloccare l'applicazione di una legge di New York che vieta ampiamente l'uso dei social media da parte di autori di reati sessuali.

"Ci sono diritti indiscutibilmente seri in gioco", ha detto Karteron.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Al

Non sarebbe stato più facile per il governo spararle alla testa invece di affrontare tutte queste macchinazioni per zittirla? In questo modo violano solo uno dei suoi diritti, il diritto alla Vita, invece della parola, dell'assemblea, ecc ...

Lorenzo Re

Grande ragazzo per te per sostenere l'uccisione di persone.

Ultima modifica 1 anno fa di Lawrence King
DawnieR

Dove diavolo finiscono questi "giudici" CRIMINALI nel "bannare" qualcuno PARLA quando non hanno fatto NULLA DI SBAGLIATO !! I pedofili molestatori hanno più diritti degli americani rispettosi della legge! Un giorno, molto PRESTO, gli AMERICANI avranno avuto ABBASTANZA di questi TIRANTI CRIMINALI, e si riprenderanno il paese, CON LA FORZA! E inizierà 'locale'… ..con i cosiddetti PUBBLICI SERVITORI che PENSANO di essere DEI e POSSONO fare questo genere di cose! Il giorno della resa dei conti …… STA ARRIVANDO !!

sto solo dicendo

È in corso una guerra spirituale. Può essere visto chiaramente. Quando le persone guidano le loro auto con le maschere, o indossano due maschere e guanti, questa è la prova che spiritualmente parlando sono state risucchiate dal grande inganno di massa, non hanno una propria mente. Inizia con la legalizzazione delle droghe e l'uso di massa di droghe che ha preso piede in maniera massiccia negli anni '60. Non sono più una minaccia, non hanno una propria mente. Quando uomini e donne hanno iniziato a uccidere i loro bambini, anche loro hanno perso la testa, perché se non credi che sia un omicidio,... Per saperne di più »

Ultima modifica 1 anno fa di justsayin
trackback

[...] I giudici impongono un nuovo tipo di censura: "bandito da Internet" [...]