John Podesta recita Biden nel piano "Doomsday" se Trump viene rieletto

Wikimedia Commons, Gage Skidmore
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
John Podesta, un consumato tecnocrate ed ex membro della Commissione trilaterale, ha interpretato il ruolo di Joe Biden in un esercizio di strategia per determinare cosa faranno la sinistra se Trump sarà rieletto. Il risultato assomiglia a una politica della terra bruciata. ⁃ TN Editor

I democratici sono pronti a bruciare il paese al suolo piuttosto che accettare un'altra perdita per il presidente Trump a novembre e sono scenari apocalittici di guerra prima delle elezioni più importanti nella storia americana.

Il partito sta già gettando le basi con i media e gli agenti che diffondono l'idea che il vincitore non sarà conosciuto la notte delle elezioni o forse per mesi, poiché il loro esercito di spietati avvocati sfiderà i voti in qualsiasi stato vinto da Trump.

Il candidato governatore della Georgia fallito Stacey Abrams “mette in guardia” gli elettori non aspettarsi per sapere chi occuperà la Casa Bianca il 3 novembre a causa del voto per corrispondenza, ma una storia del New York Times è molto più inquietante.

La maggior parte della storia dell'ex reporter di BuzzFeed Ben Smith, noto per essere stato il primo a pubblicare il lurido dossier di Steele, espone le motivazioni per i risultati in ritardo, ma rivela anche che un gruppo di influenti Dem hanno fatto il wargame per quello che verrà dopo.

Il gruppo di cui fa parte il raccapricciante ex direttore della campagna di Hillary Clinton John Podesta (ha interpretato Joe Biden) si sta preparando per i risultati che porterebbero alla fine dell'America così com'è e includeranno la guerra civile e la secessione dell'intera costa occidentale dagli Stati Uniti.

I democratici stanno contemplando la secessione e la potenziale guerra civile mentre escogitano possibili scenari per un'elezione strettamente contestata, secondo un rapporto di Ben Smith in un New York Times colonna domenica.

La maggior parte di Smith's colonna è dedicato alla questione di come i media gestiranno la copertura della notte delle elezioni, dato che il risultato potrebbe non essere noto per settimane. Il voto per posta, che molti stati hanno adottato solo di recente - apparentemente, per prevenire la diffusione del coronavirus nei seggi elettorali - potrebbe portare a un risultato incerto.

Tuttavia, sepolto verso la fine della colonna di Smith c'è un rapporto secondo cui i Democratici hanno partecipato a un "gioco di guerra" in cui hanno considerato diversi possibili esiti delle elezioni.

In uno scenario, John Podesta - l'ex presidente della campagna presidenziale di Hillary Clinton e una figura di spicco nei circoli del partito - ha interpretato l'ex vicepresidente Joe Biden e ha rifiutato di concedere le elezioni.

Il risultato: la minaccia di secessione da parte dell'intera costa occidentale, seguita dal possibile intervento delle forze armate statunitensi:

Ma convenientemente, un gruppo di ex alti funzionari governativi chiamò in realtà il Transition Integrity Project Gamed quattro possibili scenari, incluso uno che non sembra così diverso dal 2016: una grande vittoria popolare per il signor Biden e una sconfitta elettorale di misura, presumibilmente raggiunta dopo settimane di conteggio dei voti in Pennsylvania. Per il loro gioco di guerra, hanno scelto John Podesta, che era il presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton, nel ruolo di Biden. Si aspettavano che, quando sarebbero arrivati ​​i voti, concedesse, proprio come aveva fatto la signora Clinton.

Ma il signor Podesta, interpretando il signor Biden, ha scioccato gli organizzatori dicendo che sentiva che il suo partito non gli avrebbe permesso di concedere. Affermando la soppressione degli elettori, ha convinto i governatori del Wisconsin e del Michigan a inviare elettori pro-Biden all'Electoral College.

In quello scenario, California, Oregon e Washington hanno quindi minacciato di secedere dagli Stati Uniti se il signor Trump si fosse insediato come previsto. La Camera nominò presidente il signor Biden; il Senato e la Casa Bianca sono rimasti fedeli al signor Trump. A quel punto dello scenario, la nazione ha smesso di cercare spunti sui media e ha aspettato di vedere cosa avrebbero fatto i militari.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
STEPHEN

C'era un'ottima ragione per cui, negli anni passati, ai comunisti NON era permesso candidarsi come membro del parlamento in Gran Bretagna. Era perché i candidati comunisti non promettevano di prendersi cura o di rappresentare il popolo nel proprio elettorato se eletti, si rifiutavano di riconoscere anche le basi del governo nazionale e della sovranità nazionale - e infatti era chiaro che il loro obiettivo principale era quello di `` utilizzare ogni mezzo possibile "per facilitare la distruzione del proprio stato nazione e poi sommergerlo sotto una dittatura criminale e globale. Quello era nel... Leggi di più "

solo dicendo

John Podesta è cattolico romano, e c'è una ragione per cui i cattolici romani non dovevano essere in alte cariche in America, sebbene Kennedy fosse il primo. Ora sono ovunque nel governo e si potrebbe dire che la gerarchia del cattolicesimo romano è comunista fino in fondo. Hanno rovinato ogni paese che hanno conquistato, basta guardare il Messico e tornare indietro ai secoli bui. 600AD-1517AD
Voglio inoltre aggiungere che i giocatori nel gioco del Covid sono tutti cattolici romani gesuiti.

Ultima modifica 1 mese fa di just sayin
David

Sono curioso se uno degli scenari includesse l'insediamento temporaneo del relatore di casa come Presidente ad interim in base al superamento del limite di tempo imposto dalla Costituzione in merito alla selezione del vincitore? Come sarebbe andata a finire?

Steve

PERCHÉ QUESTO FORNICATORE DI BAMBINO NON È IN PRIGIONE ??

[...] Fonte: John Podesta interpreta Biden nel piano "Doomsday" se Trump viene rieletto [...]

Andrea

Sono un politico ma sono abbastanza intelligente da sapere che se i Democratici avessero ospitato Bernie Sanders, non avrebbero nulla di cui preoccuparsi in questo momento. Non solo i democratici avrebbero votato per Bernie, ma anche molti repubblicani. L'intero sistema è comunque una truffa, e fino a quando non impariamo collettivamente a pensare da soli, ad assumerci la responsabilità di noi stessi e ad unirci collettivamente, non cambierà mai. Metti gli stivali su ragazzi e ragazze, sta per scendere! #verità

Last edited 16 days ago by Andrew